27 Novembre 2022 Sinistra Classe Rivoluzione

“Qualcuna di meno”, la triste parabola di un movimento

All’indomani della manifestazione contro la violenza sulle donne del 26 novembre come compagne di Sinistra Classe Rivoluzione siamo intervenute all’assemblea nazionale di non una di meno. Prima dell’inizio dell’assemblea il banchetto con il nostro materiale politico è stato chiuso con la forza da un gruppo di decine di dirigenti di non una di meno che hanno lanciato e calpestato il nostro materiale politico dichiarando apertamente di volerci negare la libertà di espressione delle nostre idee, cosa che è avvenuta anche all’interno dell’assemblea quando abbiamo rivendicato il diritto di spiegare l’accaduto e portare le nostre posizioni.
Una delle motivazioni che ci è stata data è la “eccessiva” visibilità del nostro spezzone dietro lo striscione “Meloni vattene” che ha avuto sui media. Al di là del fatto che non siamo responsabili di ciò che scrivono in modo strumentale i giornalisti che hanno anche affiancato il nostro striscione a slogan che non ci appartengono, rivendichiamo l’importanza per il movimento di lottare contro il governo reazionario e bigotto che fin dalla sua nascita ha dichiarato guerra ai diritti delle donne e delle persone lgbt e consideriamo sorprendente che queste posizioni vengano considerate dalla direzione di non una di meno un corpo estraneo al movimento.
Pensiamo che queste posizioni così come qualunque altra che si ponga l’obiettivo di far avanzare il movimento debbano avere libertà di espressione come nelle migliori tradizioni del movimento operaio e di tutti i movimenti di lotta.
Riteniamo quindi inaccettabile che la direzione di non una di meno abbia posto il veto contro queste idee e allo sviluppo di una discussione democratica, aperta, genuina e schietta. Ora più che mai con un governo pronto all’attacco frontale ai diritti delle donne e delle persone lgbt, riteniamo necessario sviluppare questa discussione e come compagne di Scr continueremo quotidianamente a farlo nei luoghi di lavoro, di studio e nelle piazze, con un’incrollabile fiducia nelle lavoratrici e i lavoratori di questo paese nella lotta contro questo governo.
Grazia Bellamente
Serena Capodicasa
Margherita Colella
Silvia Forcelloni
Martina Gaeta
Arianna Mancini
Chiara Mazzanti
Giada Tramparulo
Elvira Vitale

Articoli correlati

Donne

Covid 19 e violenza contro le donne

La pandemia ha fermato quasi tutto, ma non la violenza contro le donne, anzi l’isolamento sociale e la convivenza forzata hanno aggravato una condizione già difficile che molte donne vivono in quel luogo che ormai non può essere più considerato il più sicuro: la casa e con essa la famiglia.

Donne

Lettera aperta alla rete “Non una di meno”

Siamo lavoratrici, studentesse, militanti politiche e sindacali, compagne che hanno partecipato al percorso di discussione e mobilitazione contro la violenza sulle donne che in Italia si è dispiegato tra la manifestazione di Roma del 26 novembre e la straordinaria giornata di lotta dell’8 marzo.

Donne

USA: La Corte suprema va all’assalto del diritto di aborto – Rispondiamo con la lotta di classe!

Un’altra bomba senza precedenti ha scosso il mondo già polarizzato della politica americana e della lotta di classe. In una nota interna fatta trapelare all’esterno, redatta dal giudice della Corte Suprema Samuel Alito, la maggioranza di quell’organo reazionario delinea l’intenzione di ribaltare la sentenza Roe v. Wade, la storica decisione del 1973 che ha stabilito che la Costituzione degli Stati Uniti protegge la libertà della donna incinta di scegliere di abortire

Donne

La realtà delle lavoratrici della ristorazione: il piatto piange

L’8 marzo è alle porte, peccato che le donne non abbiano proprio nulla da festeggiare. A tal proposito proprio un settore particolarmente a rischio è quello della ristorazione/mense collettive di cui l’80% della manodopera è femminile.

Donne

San Camillo di Roma – Sì al concorso, no all’obiezione di coscienza

Ieri il Presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha annunciato l’assunzione di due medici non obiettori di coscienza presso l’Ospedale San Camillo di Roma. Questi medici hanno partecipato a un concorso indetto nel 2015 solo per medici non obiettori.

Donne

Adelina è morta. Le sue idee meritano rispetto

Adelina Sejdini è morta. Si è lanciata da un ponte, non ce la faceva più a combattere, malata, la sua battaglia disperata per ottenere la cittadinanza italiana, lei che grazie al fatto di essersi ribellata ai suoi aguzzini aveva consentito l’arresto di 40 persone coinvolte nel racket della prostituzione e della mafia albanese.