1 dicembre 2016

Pubblico Impiego e Scuola: Un’attesa di 7 anni per un piatto di lenticchie

Per Statali, lavoratori della Sanità, delle Autonomie Locali e della Scuola, dopo 7 anni, un accordo tra Governo e Cgil Cisl Uil garantisce la bellezza di 85 euro lordi! Eppure un paio d’anni fa la Cgil aveva stimato una perdita di circa 3000 euro l’anno pari all’incirca a 250-300 euro mensili odierne. Non un centesimo di “risarcimento” per le lavoratrici e i lavoratori dopo un’assenza del rinnovo contrattuale per così tanto tempo.

A dirla tutta si tratta di un “accordo per avviare le trattative per il rinnovo dei contratti pubblici”. Insomma, di certo ci sono solo le lenticchie, quanto sarà indigesto il piatto lo vedremo in una futura trattativa.

Facile per Renzi prendere in giro i Sindacati quando dichiara: “Chiedendo 85 euro i sindacati hanno voluto dire che il loro aumento è più alto di quello dato dal governo Renzi e io ho detto “bravi””.

Aldilà dei tanti impegni previsti per il futuro, infatti, non è chiaro nell’arco del triennio quando e a chi verranno distribuiti gli 85 euro. Di certo si sa che nella Legge di Bilancio attuale sono previste pochissime risorse, di queste solo 850 milioni per il 2017. Una cifra sicuramente non superiore ai 20euro mensili medi. Il resto? Sono nel Contratto Nazionale o per la contrattazione aziendale? Sono trasformati in beni e servizi come nel contratto dei metalmeccanici di recente sottoscritto o no? C’è di che preoccuparsi visto che l’accordo fa esplicito riferimento ad incrementi in linea a quelli riconosciuti mediamente ai recenti contratti dei lavoratori privati.

Tante sono le dichiarazioni ambigue e fumose del testo. Si indica l’obiettivo della “valorizzazione prioritaria dei livelli retributivi che più hanno sofferto la crisi economica e il blocco della contrattazione”. Cosa vorrà mai dire? Per esempio che i livelli più bassi percepiranno incrementi retributivi più alti degli 85 euro? Chi non ha sofferto la crisi economica e il blocco della contrattazione visto il blocco così protratto del contratto?

Ma le fregature non sono finite. Nel testo si fa esplicito riferimento ad indicatori che leghino la produttività collettiva a misure contrattuali che “incentivino più elevati tassi di presenza”. Dunque in piena continuità con la normativa Brunetta ma con ancora maggiore incisività: se ti ammali niente salario accessorio.

La chicca, infine, è l’introduzione anche nel pubblico di forme di welfare contrattuale. Dunque invece di soldi e contributi previdenziali, beni e servizi. Lo stesso governo Renzi aveva già incentivato lo strumento con la Legge di Stabilità dello scorso anno che aveva completamente defiscalizzato. Con l’aggravante, in questo caso, che questo provvedimento viene previsto per lavoratrici e lavoratori che operano nei servizi pubblici, in via di smantellamento, a cui si invita ad utilizzare beni e servizi privati. In atto un vero e proprio processo di privatizzazione che quest’accordo suggella.

Ovviamente nessuna traccia di consultazione certificata dei 3 milioni di lavoratori pubblici e della scuola coinvolti da quest’accordo.

Dunque, in attesa di approfondire i dettagli ad una lettura più approfondita del testo, è del tutto evidente che è un accordo in piena vigilia referendaria, suggellato anche da chi, come la Cgil, si è dichiarata per il NO al Referendum Costituzionale. Uno spot elettorale mal riuscito però, viste le condizioni individuate ai danni dei lavoratori.

Articoli correlati

Sanità pubblica sotto attacco: il gioco delle tre carte di Zingaretti

Quale sia lo stato di salute della sanità pubblica in Italia è tristemente noto: liste d’attesa interminabili, aumento dei ticket, sottorganico, carichi di lavoro estenuanti, servizi inadeguati.

Logistica: il contratto nazionale è dei lavoratori.

Anche se la crisi non accenna a diminuire, il settore del trasporto merci e della logistica anche quest’anno “tiene” (crescendo fra l’1 e il 3%) grazie ad un recupero di

CCNL Confcommercio: un nuovo tipo di tradimento

Il 24 ottobre 2016 Confcommercio, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno siglato un accordo integrativo al CCNL firmato il 30 marzo 2015. Questo contratto, già criticabile per le ulteriori perdite di diritti (demansionamento, flessibilità oraria) prevedeva un aumento lordo di 85 euro, spalmati su 3 anni in 5 rate. Le ultime due tranche erano previste per novembre 2016 ed agosto 2017. Erano, appunto, perchè questo accordo stabilisce che vengano congelate a causa dell’incertezza economica e la crisi dei consumi.

Almaviva: la determinazione dei lavoratori è l’arma per vincere!

Dopo mesi di assemblee, presidi, scioperi, fiaccolate, e manifestazioni sotto il Ministero dello sviluppo economico (Mise) i lavoratori di Almaviva sono ancora più determinati e consapevoli della loro forza. Lo

Sull’accordo Castelfrigo e il giudizio del Si Cobas in merito

Nelle scorse settimane la ditta Castelfrigo di Castelnuovo Rangone è stata protagonista di una lotta molto dura messa in campo dai 130 “facchini” delle cooperative che vi lavorano. Per la prima volta lavoratori di etnie diverse e che non si erano mai nemmeno parlati tra loro, con uno sciopero di oltre 10 giorni ed un picchetto molto duro, hanno vinto assieme una battaglia importante. La vertenza ha assunto un significato ancora maggiore se si pensa che nei primi 3 giorni di sciopero anche i lavoratori diretti sono stati davanti ai cancelli mentre durante l’ultima giornata anche i facchini delle aziende limitrofe, iscritti al Si Cobas, sono scesi in sciopero di solidarietà.

Varese: solidarietà ai lavoratori de La Quiete in Lotta!

Da gennaio Varese vede una vertenza sindacale svilupparsi in pieno centro: a seguito del fallimento del Gruppo S. Alessandro, che gestiva la clinica privata “La Quiete” di Varese, i lavoratori della casa di cura sono in assemblea permanente e gestiscono autonomamente la struttura, offrendo prestazioni gratuite o a prezzi calmierati.