22 Maggio 2018

Poclain (Modena): gli operai alzano la testa!

Da oltre una settimana, alla Poclain di Gaggio in Piano, nella provincia di Modena, gli oltre cento lavoratori sono in lotta per il rinnovo del contratto aziendale, scaduto da tre anni nei quali è stato valido un ormai lunghissimo accordo ‘ponte’.

Finora, ci sono stati 4 scioperi di un’ora, convocati dalle RSU Fiom-Cgil e Fim-Cisl, e tutti hanno registrato adesioni massicce anche tra i più di 20 interinali. Nessuno, in Poclain, ricorda scioperi nati da vertenze aziendali. Ma, almeno questa volta, i motivi non mancano: i proprietari dell’azienda vorrebbero imporre un nuovo contratto basato su turni di lavoro di 6 giorni alla settimana – l’ultimo finirebbe domenica mattina – e un aumento dei già massacranti ritmi di lavoro; ai lavoratori, infatti, si richiede la produzione di 2mila pompe in più al mese per poter conseguire il premio di risultato.

Risultati importanti raggiunti, tramite la mobilitazione, in contratti integrativi di altre fabbriche del modenese, come ad esempio la Motovario, hanno dato fiducia ai delegati sindacali ed all’insieme dei lavoratori.

L’articolo de “il Resto del Carlino”

Nella mattinata del 21 maggio, lo sciopero con assemblea davanti ai cancelli dell’azienda ha suscitato anche l’interesse della stampa locale. I padroni hanno concesso un incontro ai sindacati per il giorno successivo [il 22 maggio, oggi per chi scrive]. I lavoratori rivendicano di poter dire la loro sui ritmi di loro e richiedono l’assunzione a tempo indeterminato degli interinali, oltre ad opporsi alla nuova turnazione proposta dall’azienda.

Come è stato riportato anche dalla stampa, i precari sono una parte essenziale e combattiva di questa mobilitazione. Nemmeno le telefonate delle agenzie interinali, di fatto intimidatorie, ai dipendenti che avevano scioperato, infatti, li hanno piegati. E così lunedì molti di loro erano davanti ai cancelli per denunciare il clima di paura che vivono, un vero e proprio “bullismo aziendale” (Il Resto del Carlino, 22 maggio 2018). Lo ha ribadito anche Luca Acquarico, uno di questi interinali, il quale ha poi sottolineato che “in questo caso dipendenti e interinali stanno dimostrando, quasi tutti, di essere uniti gli uni con gli altri per i propri diritti”.

Con questo spirito, la mobilitazione dei lavoratori Poclain ha ottime prospettive davanti a sé. I motori sono accesi!

Articoli correlati

Vertenza Yamaha/Minarelli Bologna – Una lotta coraggiosa che esige un bilancio onesto e critico

Il 13 dicembre si è conclusa, dopo tre mesi di lotta, la vertenza delle lavoratorici e dei lavoratori della Motori Minarelli di Bologna di proprietà della multinazionale Yamaha.

Maserati (Modena): nuvole all’orizzonte, è tempo di agire!

Dal primo gennaio 2017 a Modena non si produrranno più vetture Maserati. È quanto emerso nell’incontro delle delegazioni sindacali con i vertici di Fca. L’azienda ha annunciato un piano di 120 esuberi, di cui 15 impiegati. I lavoratori in esubero verranno trasferiti in altre sedi – tra cui la vicina Ferrari – su base volontaria.

Viadana: la lotta dei facchini del gruppo Saviola

Il 17 maggio ha avuto inizio una lotta del tutto inedita e importante per Viadana, un piccolo territorio nella provincia mantovana: i facchini impiegati alla Composad sono scesi in sciopero con presidio permanente davanti ai cancelli, la rivendicazione è il mantenimento delle loro condizioni di lavoro.

Proges – Come perdere una lotta senza sparare un colpo

Quando una cooperativa perde un appalto in favore di un’altra, quella subentrante è obbligata per legge all’assunzione dei lavoratori che sono impiegati in quel cantiere alle stesse condizioni a cui

Bormioli – Solo l’unità dei lavoratori può battere il padrone

Questo è il volantino che diffonderemo oggi pomeriggio a Parma alla manifestazione contro la repressione delle lotte nella logistica.

Almaviva: la resa dei conti tra azienda e lavoratori è solo rimandata

Dopo oltre due mesi e mezzo di lotta la vertenza Almaviva si chiude con un accordo firmato dall’azienda con il governo e i sindacati. Quello firmato all’alba del 31 maggio non è una vittoria per i lavoratori, è un accordo che non risolve del tutto e strutturalmente la crisi del settore