22 Maggio 2018

Poclain (Modena): gli operai alzano la testa!

Da oltre una settimana, alla Poclain di Gaggio in Piano, nella provincia di Modena, gli oltre cento lavoratori sono in lotta per il rinnovo del contratto aziendale, scaduto da tre anni nei quali è stato valido un ormai lunghissimo accordo ‘ponte’.

Finora, ci sono stati 4 scioperi di un’ora, convocati dalle RSU Fiom-Cgil e Fim-Cisl, e tutti hanno registrato adesioni massicce anche tra i più di 20 interinali. Nessuno, in Poclain, ricorda scioperi nati da vertenze aziendali. Ma, almeno questa volta, i motivi non mancano: i proprietari dell’azienda vorrebbero imporre un nuovo contratto basato su turni di lavoro di 6 giorni alla settimana – l’ultimo finirebbe domenica mattina – e un aumento dei già massacranti ritmi di lavoro; ai lavoratori, infatti, si richiede la produzione di 2mila pompe in più al mese per poter conseguire il premio di risultato.

Risultati importanti raggiunti, tramite la mobilitazione, in contratti integrativi di altre fabbriche del modenese, come ad esempio la Motovario, hanno dato fiducia ai delegati sindacali ed all’insieme dei lavoratori.

L’articolo de “il Resto del Carlino”

Nella mattinata del 21 maggio, lo sciopero con assemblea davanti ai cancelli dell’azienda ha suscitato anche l’interesse della stampa locale. I padroni hanno concesso un incontro ai sindacati per il giorno successivo [il 22 maggio, oggi per chi scrive]. I lavoratori rivendicano di poter dire la loro sui ritmi di loro e richiedono l’assunzione a tempo indeterminato degli interinali, oltre ad opporsi alla nuova turnazione proposta dall’azienda.

Come è stato riportato anche dalla stampa, i precari sono una parte essenziale e combattiva di questa mobilitazione. Nemmeno le telefonate delle agenzie interinali, di fatto intimidatorie, ai dipendenti che avevano scioperato, infatti, li hanno piegati. E così lunedì molti di loro erano davanti ai cancelli per denunciare il clima di paura che vivono, un vero e proprio “bullismo aziendale” (Il Resto del Carlino, 22 maggio 2018). Lo ha ribadito anche Luca Acquarico, uno di questi interinali, il quale ha poi sottolineato che “in questo caso dipendenti e interinali stanno dimostrando, quasi tutti, di essere uniti gli uni con gli altri per i propri diritti”.

Con questo spirito, la mobilitazione dei lavoratori Poclain ha ottime prospettive davanti a sé. I motori sono accesi!

Articoli correlati

Viadana: la lotta dei facchini del gruppo Saviola

Il 17 maggio ha avuto inizio una lotta del tutto inedita e importante per Viadana, un piccolo territorio nella provincia mantovana: i facchini impiegati alla Composad sono scesi in sciopero con presidio permanente davanti ai cancelli, la rivendicazione è il mantenimento delle loro condizioni di lavoro.

Trieste – Solidarietà alle lavoratrici e lavoratori delle mense scolastiche comunali

Pubblichiamo il volantino diffuso oggi da Sinistra classe rivoluzione Trieste allo sciopero delle lavoratrici e lavoratori delle mense scolastiche comunali

Almaviva: l’unico esubero è Tripi

Non c’è pace per i lavoratori di Almaviva. Dopo la vertenza della scorsa estate, conclusa col ritiro di 3mila esuberi in cambio di nuovi ammortizzatori sociali per l’azienda, ecco che a settembre si è aperta una nuova ristrutturazione.

Pavia – Quattro morti in una vasca di liquami: una tragedia inevitabile?

Lo scorso 11 settembre quattro lavoratori indiani sono morti asfissiati dopo essere cadute in una vasca di liquami in un allevamento di bovini di Arena Po, nella provincia di Pavia. Ora vediamo la disperazione delle famiglie, i titoli dei giornali che parlano di “tragedia” e “morti bianche” nel tentativo di considerarle diverse, quasi senza responsabili… Ma come stanno le cose?

Almaviva – la parola ai lavoratori!

Pochi giorni fa i lavoratori Almaviva si sono espressi in stragrande maggioranza contro l’ipotesi di intesa proposta dall’azienda. Intervistiamo Antonio Esposito che è RSU per l’ Slc-Cgil del sito napoletano dell’azienda leader dei call center in Italia.

Almaviva – I lavoratori bocciano sonoramente l’accordo!

L’accordo è sonoramente bocciato dai lavoratori, a Palermo, dove si concentrano più della metà dei licenziamenti, i No sono stati 2.519 (il 95 per cento) contro appena 110 Sì. Anche a Roma (900 esuberi) e a Napoli (400 esuberi) il No vince con percentuali bulgare.