15 Dicembre 2022 Claudio Bellotti

Per alzare i salari bisogna colpire i profitti (Breve promemoria per il compagno Landini)

Il crollo dei salari è il nervo più scoperto per i lavoratori italiani in questo momento.

A novembre l’inflazione su base annua ha subito un balzo all’11,8%, il dato peggiore dal 1983. Gli aumenti per giunta si concentrano su beni di prima necessità (alimentari, bollette, trasporti, abitazione, ecc.) che costituiscono gran parte delle spese dei lavoratori e dei pensionati. Per i redditi più bassi l’Istat stima l’inflazione al 15%.

Di fronte a uno scempio simile sarebbe naturale che il sindacato fosse sul piede di guerra. E in effetti il 17 novembre il segretario della CGIL Landini rilasciava una lunga intervista a Repubblica dall’esordio incoraggiante: “Basta bonus, i salari vanno aumentati in modo strutturale, siamo in una vera e propria emergenza”.

Peccato però che l’unica rivendicazione avanzata sia il taglio del “cuneo fiscale”, ossia ridurre la parte di salario che se ne va in tasse e contributi.

Prima di toccare questo punto, vorremmo ricordare al compagno Landini un’evidente verità: i salari li pagano le aziende. Se i salari sono bassi, è perché i padroni pagano troppo poco. E se pagano troppo poco è perché i contratti nazionali sono stati firmati con aumenti ridicolmente bassi, con aumenti che ruotano attorno ai 100 euro spesso spalmati su 4 anni.

Vorremo anche dire ai dirigenti della CGIL che se i prezzi crescono e i salari sono fermi, evidentemente stanno crescendo profitti e rendite.

Naturalmente è giusto tagliare le tasse pagate dai lavoratori, come è giusto alzarle sui profitti, i grandi patrimoni e i redditi più alti.

I contributi invece sono salario differito: sono la nostra malattia, le nostre pensioni, i nostri infortuni. Se Landini propone di ridurre la parte a carico dei lavoratori dovrebbe come minimo proporre di alzare quella delle aziende.

Ma il punto è che tutto questo non cambia niente di sostanziale. Col taglio del “cuneo” si mette qualche decina di euro al mese in più in busta paga: un giro al supermercato e sono spariti.

A quanto pare il concetto che per aumentare i salari si debba costringere le aziende a pagare di più i lavoratori è un tabù per il segretario del maggiore sindacato italiano! Persino a una domanda diretta del giornalista, che gli chiede un’opinione sugli scioperi dei metalmeccanici in Germania per un aumento dell’8 per cento, Landini riesce a non rispondere.

Nel congresso della CGIL stiamo rilanciando la parola d’ordine della scala mobile dei salari: un strumento essenziale di difesa del potere d’acquisto in questa fase. Spesso esponenti della maggioranza della CGIL ci rispondono di non essere necessariamente contrari a questa idea, ma che la loro proposta (quale?) sarebbe più semplice da perseguire, più realistica.

Ma le chiacchiere stanno a zero e i conti nelle tasche dei lavoratori non tornano più. Difendere il salario significa aprire una fase di vertenza, per contratti adeguati e per un meccanismo di difesa come la scala mobile. Pensare di difendere i salari senza scontrarsi col padronato non è realismo, è mettere la testa nella sabbia. Quanto prima la CGIL tutta ne prenderà atto, tanto prima potremo invertire una rotta che ci sta portando nel baratro.

Articoli correlati

Politica generale

Le basi sociali e politiche del successo della Lega

Le elezioni del 4 marzo sono state segnate, oltre che dal successo del Movimento 5 Stelle, anche da una netta affermazione della destra a trazione leghista. L ’ aumento della Lega è di circa 4 milioni e 300mila voti. Tale successo necessita di una chiave di lettura articolata che non può essere ricondotta alla sola motivazione xenofoba.

Internazionale

L’Europa del Capitale è a pezzi

La fine della libera circolazione delle persone e delle merci, il crollo dell’euro… Ben poco resterebbe dell’Unione europea così come la conosciamo. E’ una prospettiva del tutto possibile nell’immediato futuro.

Sindacato

Rinnovo contratto del turismo – Un accordo da respingere!

Il 9 febbraio 2018 Cgil, Cisl e Uil hanno sottoscritto con le associazioni padronali l’ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto della ristorazione collettiva e commerciale, dei pubblici esercizi e turismo. Si tratta di una resa incondizionata alle pretese dei padroni e alle compatibilità del mercato, mascherata dal ricorso a qualche ora di sciopero senza strategia e dal solito richiamo al senso di responsabilità sulla pelle dei lavoratori.

Politica generale

Repressione a Bologna – Uniamo i lavoratori italiani e immigrati nella lotta!

È l’alba del venti ottobre quando circa 25 camionette e oltre 250 tra poliziotti e carabinieri occupano via Fioravanti. Si apprestano a compiere una delle azioni di repressione peggiore che si possano ricordare negli ultimi anni in città.

Politica generale

Il “cambiamento” non c’è – La parola alla piazza!

Nella situazione politica italiana c’è un prima e un dopo il 15 marzo. Quella giornata, dove centinaia di migliaia di giovani sono scesi in piazza contro i cambiamenti climatici, ha espresso tutta la rabbia di un’intera generazione che covava sotto la superficie. L’azione collettiva ha superato l’isolamento e la rassegnazione che sembrava regnare incontrastata.

Politica generale

Movimento 5 stelle, unica opposizione possibile?

Le ultime elezioni regionali hanno registrato il consolidarsi in termini elettorali del Movimento 5 stelle. Un risultato, quello dei grillini, che non si traduce in un exploit in grado di