Pavia: dieci sotto processo per essersi opposti a uno sfratto

Lunedì 27 gennaio 2020 a Pavia si terrà la prima udienza del processo contro 10 persone che il 18 aprile 2013 hanno partecipato a un’iniziativa di lotta e solidarietà: un picchetto al Crosione, in via Capri, per difendere una famiglia con bambini piccoli dalla minaccia di uno sfratto per morosità incolpevole. Tra gli imputati c’è anche il nostro compagno Mauro Vanetti.

In quell’occasione le forze dell’ordine, poste come sempre a difesa della proprietà privata contro gli interessi dei lavoratori e dei poveri, avevano impedito l’accesso al condominio agli attivisti della rete antisfratto e a chi era sceso in piazza in solidarietà. In questo modo si voleva proibire con la forza agli attivisti di raggiungere la famiglia sotto sfratto, che aveva chiesto aiuto e vicinanza perché preoccupata per il minaccioso accesso dell’ufficiale giudiziario. L’operazione delle forze dell’ordine era quindi volta a lasciare la famiglia isolata nella sua disperazione, coi bambini in lacrime che si sporgevano atterriti dalle finestre e dal balcone mentre il funzionario statale entrava nell’edificio per cacciarli di casa, accompagnato dall’avvocata del padrone di casa (il caso vuole che si trattasse di una nota avvocata di estrema destra, vicina a CasaPound).

Le forze dell’ordine si erano in quell’occasione comportate in modo molto violento. Si sono visti tentativi di strangolamento ai danni di una ragazza, trecce (dreadlock) strappate con la forza, botte a casaccio, vetri rotti, persone gettate per terra, genitali strizzati e altri episodi di questo tenore. Come spesso accade in queste circostanze, carabinieri e polizia hanno poi cercato di riraccontare la vicenda in modo molto fantasioso, cercando di passare per vittime, ma anche provando a mandare un avvertimento a tutto il movimento per il diritto alla casa e ai suoi sostenitori, che all’epoca erano piuttosto numerosi e appartenevano alle più svariate organizzazioni politiche della sinistra militante: «Non lottate uniti o verrete colpiti duramente».

Seguiremo questo processo che ancora una volta rappresenta un tentativo di risolvere per via repressiva (prima poliziesca, poi giudiziaria) le contraddizioni sociali e politiche nella città di Pavia. Invitiamo i nostri sostenitori e simpatizzanti a solidarizzare con gli imputati e con le famiglie sotto sfratto. La crisi abitativa non si risolve processando chi lotta bensì:
– Costruendo più case popolari e azzerando i vertici dei corrottissimi enti di gestione dell’edilizia pubblica, che vanno posti sotto un serio controllo dal basso da parte delle famiglie che ci abitano e da quelle in graduatoria.
– Sospendendo gli sfratti per morosità incolpevole.
– Espropriando le grandi proprietà immobiliari che speculano sugli affitti.
– Confiscando gli abusi edilizi e destinandoli, ove possibile, ad allargare l’offerta pubblica di abitazioni.
– Ripristinando l’equo canone.
– Difendendo ed estendendo l’offerta di posti letto in collegi pubblici EDiSU per gli universitari, che hanno un effetto calmierante sul mercato degli affitti.

Articoli correlati

Repressione

Ddl Zan – Una risposta debole a una rivendicazione forte

Il discorso di Fedez al concerto del Primo maggio, in cui ha attaccato varie dichiarazioni omofobe di esponenti della Lega, ha portato lo scontro sul ddl Zan sulle prime pagine di tutti i giornali. Dibattere su quanto Fedez fosse motivato da convinzione o da marketing familiare ci interessa poco.

Repressione

Diritti democratici sotto attacco a Modena: solidarietà con Francesco Giliani!

Come SinistraClasseRivoluzione esprimiamo solidarietà incondizionata al nostro compagno Francesco Giliani, militante della sezione di Modena, che ha recentemente ricevuto un avviso di conclusione delle indagini preliminari dal quale risulta essere indagato per il reato di diffamazione nei confronti di Marco Barbieri, attualmente commissario della Polizia di Stato e, all’epoca dei fatti contestati, vice-commissario della DIGOS di Modena.

Repressione

XM24, Bologna: sgombero democratico, identico risultato!

Alle 5.30 del mattino del 6 agosto arrivano le annunciate camionette della polizia in assetto antisommossa per sgomberare il centro sociale XM24 di Bologna. Immancabilmente, arrivano le ruspe. ma non quelle di Salvini, bensì quelle targate Pd.

Repressione

“Aprire i porti”… con la lotta o con i ricorsi alla Consulta?

Il destino di 49 migranti, salvati al largo delle coste libiche dalle navi Sea Watch e Sea Eye, è il nuovo capro espiatorio di Matteo Salvini e del governo gialloverde.

Repressione

Bologna, basta sfratti! Piena solidarietà alle famiglie di via Gandusio e al Circolo Arci Guernelli!

Il Circolo Arci Guernelli, luogo di ritrovo e socialità in cui noi e tanti altri gruppi politici e associazioni culturali abbiamo trovato ospitalità in questi anni è stato vittima di un’azione repressiva ingiustificabile.

Repressione

LGBT – Liberazione, rivoluzione – Un opuscolo

Perché possa vincere, è di vitale importanza che il movimento Lgbt si doti di un punto di vista di classe, legando la lotta contro l’oppressione omofoba e per i pieni diritti civili a quella generale per una vita dignitosa e libera dall’oppressione economica e sociale. È altrettanto importante che il movimento operaio faccia propria la battaglia Lgbt, superando una separazione che pure storicamente è esistita, soprattutto per responsabilità delle direzioni riformiste e staliniste della sinistra.