24 Gennaio 2020

Pavia: dieci sotto processo per essersi opposti a uno sfratto

Lunedì 27 gennaio 2020 a Pavia si terrà la prima udienza del processo contro 10 persone che il 18 aprile 2013 hanno partecipato a un’iniziativa di lotta e solidarietà: un picchetto al Crosione, in via Capri, per difendere una famiglia con bambini piccoli dalla minaccia di uno sfratto per morosità incolpevole. Tra gli imputati c’è anche il nostro compagno Mauro Vanetti.

In quell’occasione le forze dell’ordine, poste come sempre a difesa della proprietà privata contro gli interessi dei lavoratori e dei poveri, avevano impedito l’accesso al condominio agli attivisti della rete antisfratto e a chi era sceso in piazza in solidarietà. In questo modo si voleva proibire con la forza agli attivisti di raggiungere la famiglia sotto sfratto, che aveva chiesto aiuto e vicinanza perché preoccupata per il minaccioso accesso dell’ufficiale giudiziario. L’operazione delle forze dell’ordine era quindi volta a lasciare la famiglia isolata nella sua disperazione, coi bambini in lacrime che si sporgevano atterriti dalle finestre e dal balcone mentre il funzionario statale entrava nell’edificio per cacciarli di casa, accompagnato dall’avvocata del padrone di casa (il caso vuole che si trattasse di una nota avvocata di estrema destra, vicina a CasaPound).

Le forze dell’ordine si erano in quell’occasione comportate in modo molto violento. Si sono visti tentativi di strangolamento ai danni di una ragazza, trecce (dreadlock) strappate con la forza, botte a casaccio, vetri rotti, persone gettate per terra, genitali strizzati e altri episodi di questo tenore. Come spesso accade in queste circostanze, carabinieri e polizia hanno poi cercato di riraccontare la vicenda in modo molto fantasioso, cercando di passare per vittime, ma anche provando a mandare un avvertimento a tutto il movimento per il diritto alla casa e ai suoi sostenitori, che all’epoca erano piuttosto numerosi e appartenevano alle più svariate organizzazioni politiche della sinistra militante: «Non lottate uniti o verrete colpiti duramente».

Seguiremo questo processo che ancora una volta rappresenta un tentativo di risolvere per via repressiva (prima poliziesca, poi giudiziaria) le contraddizioni sociali e politiche nella città di Pavia. Invitiamo i nostri sostenitori e simpatizzanti a solidarizzare con gli imputati e con le famiglie sotto sfratto. La crisi abitativa non si risolve processando chi lotta bensì:
– Costruendo più case popolari e azzerando i vertici dei corrottissimi enti di gestione dell’edilizia pubblica, che vanno posti sotto un serio controllo dal basso da parte delle famiglie che ci abitano e da quelle in graduatoria.
– Sospendendo gli sfratti per morosità incolpevole.
– Espropriando le grandi proprietà immobiliari che speculano sugli affitti.
– Confiscando gli abusi edilizi e destinandoli, ove possibile, ad allargare l’offerta pubblica di abitazioni.
– Ripristinando l’equo canone.
– Difendendo ed estendendo l’offerta di posti letto in collegi pubblici EDiSU per gli universitari, che hanno un effetto calmierante sul mercato degli affitti.

Articoli correlati

XM24, Bologna: sgombero democratico, identico risultato!

Alle 5.30 del mattino del 6 agosto arrivano le annunciate camionette della polizia in assetto antisommossa per sgomberare il centro sociale XM24 di Bologna. Immancabilmente, arrivano le ruspe. ma non quelle di Salvini, bensì quelle targate Pd.

“Aprire i porti”… con la lotta o con i ricorsi alla Consulta?

Il destino di 49 migranti, salvati al largo delle coste libiche dalle navi Sea Watch e Sea Eye, è il nuovo capro espiatorio di Matteo Salvini e del governo gialloverde.

Patrick Zaki libero subito! Lottare senza ipocrisie

Il volantino che i compagni di Sinistra classe rivoluzione Bologna disyribuiranno stasera al corteo per la scarcerazione di Patrick Zaki!

Daspo urbano a Bologna – Oggi i clochard, domani chi protesta!

Le istituzioni bolognesi sono in preda ad un accanimento repressivo che non risparmia nessuno e che impone legge ed ordine per difendere la città-vetrina, ad uso e consumo di chi può permettersela economicamente.

A 50 anni dalla rivolta di Stonewall – È ancora tempo di Pride!

Stonewall Inn, bar nel quartiere Greenwich Village (New York): la polizia irrompe nel locale, come di norma, perché frequentato da omosessuali e transgender. Ma se l’irruzione in un locale gay non sovverte gli schemi, la ribellione degli avventori rappresenta un momento di rottura di portata mondiale. È il 28 giugno 1969.

#RIAPRIAMOLABAS: chi si accontenta gode?

Sabato 9 settembre circa 10.000 persone sono scese in piazza a Bologna contro lo sgombero del centro sociale Làbas, avvenuto l’8 agosto. Una risposta imponente alla repressione e all’arroganza della giunta Merola e della polizia. Già dalle prime ore dopo lo sgombero la solidarietà era dilagata facendo vacillare la giunta. Infatti, prima il sindaco Merola ha preso le distanze dallo sgombero poi ha promesso uno spazio alternativo (tra un anno) e nel frattempo si è scagliato contro Arci, Anpi, Cgil e Fiom per aver promosso un appello in difesa del centro sociale.