12 Maggio 2021 Ilic Vezzosi

Palestina di nuovo in fiamme: è ora di una lotta di massa!

Le manifestazioni contro gli sgomberi forzati nel sobborgo di Sheikh Jarrah e nella spianata delle moschee, represse nel sangue dalla polizia israeliana che si è spinta anche all’interno della moschea di Al-Aqsa, hanno rivelato la realtà che si cela dietro la propaganda sionista, ampiamente diffusa anche in Italia, che vuole Israele come un’isola idilliaca dove la vaccinazione di massa ha funzionato a meraviglia e il Covid è stato sconfitto.

La realtà è appunto un’altra e oggi appare in tutta la sua sanguinosa recrudescenza. Il popolo palestinese, oppresso da settant’anni, è quello che ha pagato e continua a pagare di più la crisi pandemica, escluso com’è stato sistematicamente da ogni possibilità di cura decente e dalla campagna di vaccinazione, vessato dalla disoccupazione e dalla povertà, a cui si aggiungono le continue provocazioni della destra israeliana. La linea della sopportazione doveva presto essere superata.

E così è stato con i tentativi di sgombero di alcune case del sobborgo di Sheihk Jarrah, case abitate storicamente da famiglie arabe israeliane destinate da un tribunale a coloni ebrei, in un vero e processo di epurazione etnica. Questa volta però le manifestazioni in difesa della popolazione araba hanno assunto un carattere di massa, ampio, popolare e partecipato da migliaia di giovani, e si sono presto estese a molte altre città.

È stato questo carattere di massa che ha spinto il governo israeliano a una risposta violenta, nel tentativo malcelato di nascondere e superare la propria crisi, che ormai dura da diversi anni e che anche le ultime elezioni non hanno nei fatti risolto. Come spesso accaduto anche in passato, Netanyahu, uscito dalle elezioni senza una maggioranza in grado di formare un governo, si copre a destra scaricando violenza gratuita sui palestinesi. Dal canto loro, Hamas e Fatah hanno colto la palla al balzo per provare a nascondere e recuperare la propria crisi, il primo riprendendo in maniera più intensa che mai il lancio di razzi (razzi giocattolo paragonati alla potenza di fuoco di Tsahal, l’esercito israeliano), le seconda rimandando delle elezioni (di cui abbiamo scritto su Rivoluzione 77)  che con tutta probabilità avrebbe perso.

Nel mezzo le masse palestinesi, come sempre uniche e vere vittime dell’escalation militare. Decine le vittime e centinaia i feriti già nelle repressione delle manifestazione e dell’irruzione nella moschea di Al-Aqsa, decine (mentre scriviamo il numero cresce di ora in ora) le vittime dei bombardamenti dell’esercito Israeliano sui territori occupati, formalmente indirizzati verso obiettivi militari ma in realtà rivolti a creare il terrore tra i civili.

È una nuova Intifada? Presto per dirlo, ma il fatto che le masse palestinesi al momento non abbiano accettato di restare vittime inermi dell’escalation militare, che le manifestazioni stiano continuando in tutti i territori occupati e anche in Israele, è un segnale positivo.

Solo il protagonismo delle masse, che superi i nazionalismi e le divisioni etniche e religiose, che unisca gli oppressi sotto l’unica bandiera dell’internazionalismo proletario, solo la nascita di una federazione socialista del Medio oriente può dare una soluzione a un conflitto altrimenti destinato solo ad allungare la scia di sangue che il sionismo ha disegnato sulla Palestina lungo gli ultimi settant’anni.

A fianco della resistenza delle masse palestinesi a Sheik Jarrah!

Fuori le truppe d’occupazione israeliane!

Per una nuova Intifada, Palestina libera, Palestina rossa!

Articoli correlati

Israele e Palestina

Palestina oggi – Cosa significa l’accordo Hamas-Fatah?

A dieci anni dalla guerra civile che consegnò ai fondamentalisti sunniti di Hamas il controllo sulla Striscia di Gaza, sulla Palestina spira un vento di ‘riconciliazione’ nazionale. Quali sono le ragioni di questa svolta? Quali saranno le conseguenze dell’accordo nei Territori occupati e a livello internazionale?

Israele e Palestina

Palestina – Vittoria dello sciopero della fame!

Il 17 aprile più di 1500 prigionieri palestinesi, nelle carceri israeliane, tra cui il membro del Comitato centrale di Al-fatah Marwan Barghouti e Ahamd Saadat, il segretario del fronte popolare palestinese, hanno cominciato lo sciopero della fame per ottenere i loro minimi diritti umani. Dopo 40 giorni, Israele ha dovuto cedere.

Israele e Palestina

L’accordo Israele-Emirati: tutto tranne che “pace”

L’avvio delle relazioni diplomatiche tra Israele ed Emirati Arabi sancito il 13 agosto rappresenta una svolta storica. Non si tratta semplicemente del primo paese della Lega araba pronto a normalizzare i rapporti con lo stato israeliano. Quello che l’accordo delinea è molto più di questo: la possibilità che nella regione mediorientale possa inaugurarsi una coalizione di paesi storicamente inedita in funzione anti-Iran.

Israele e Palestina

Assemblea sulla Palestina – Lunedì 24 maggio, ore 18

Rivendichiamo lo stop ai bombardamenti e la fine all’occupazione. I lavoratori e i giovani di tutto il mondo devono mobilitarsi e lottare per una Palestina libera come parte di una Federazione socialista del Medio Oriente!
Discuteremo di questo, delle ragioni dell’aggressione di Israele e delle prospettive future in un assemblea pubblica online.

Israele e Palestina

Palestina – L’imperialismo celebra i 70 anni di Israele con una strage

La resistenza di massa di decine di migliaia di uomini, donne e giovani palestinesi sta aprendo una nuova prospettiva per la lotta del popolo palestinese di fronte a enormi ostacoli. Merita la piena solidarietà del movimento operaio internazionale.

Israele e Palestina

Palestina – Verso una terza Intifada?

Dall’inizio di ottobre la Palestina è di nuovo al centro dell’attenzione. Per i mass media è scoppiata “l’Intifada dei coltelli”. Il riferimento è ai diversi episodi di accoltellamenti di cui sono stati vittima coloni e cittadini israeliani.