Pakistan – Libertà per Rawal Asad!

Rawal Asad è uno studente universitario e attivista politico della Progressive youth alliance (PYA) al College Covernment Emerson di Multan. Il 5 febbraio è stato arrestato mentre stava partecipando a una protesta indetta dal Movimento Tahafuz Pashtun (PTM) a Multan. Stavano protestando per l’omicidio del loro leader, Arman Luni, un professore universitario ucciso in Balucistan pochi giorni prima personalmente da un alto funzionario di polizia tramite torture. Il caso di questo omicidio non è stato ancora aperto. Ma la polizia di Multan ha aperto invece un procedimento contro tutti i manifestanti, compreso Rawal Asad, accusandoli, tra l’altro, di sedizione.

Rawal Asad si è presentato oggi in tribunale dopo due giorni di detenzione da parte della polizia. La polizia ha riferito al tribunale che avevano completato le indagini e che non avevano più bisogno della sua custodia in carcere. Gli avvocati di Rawal Asad hanno inoltrato una richiesta di cauzione, che sarà esaminata domani dalla stessa corte. Fino ad allora, viene tenuto in prigione.

La Progressive Youth Alliance ha già lanciato una campagna per il rilascio di Rawal Asad. Giovedì 14 febbraio si sono svolte proteste in tutto il paese per richiedere il suo rilascio immediato. Le proteste si sono svolte a Lahore, Karachi, Peshawar, Multan, Bahawalpur, D.G.Khan, Rawlakot, Bagh e in altre città. Il 15 febbraio si è tenuta una protesta presso l’International Islamic University di Islamabad. I manifestanti hanno ribadito che il caso su Rawal Asad mostra chiaramente che la libertà di espressione e la libertà di riunione sono negate in questo paese e studenti e cittadini comuni non possono esprimere liberamente le loro opinioni. Chiunque esprima il proprio punto di vista è dichiarato traditore della patria e accusato di sedizione. Hanno aggiunto che questo caso è stato aperto ufficialmente solo dopo quattro giorni di proteste e che la stessa polizia è la querelante. Tutte le altre prove e circostanze dimostrano che questo è un chiaro caso di persecuzione nei confronti di un leader studentesco che stava semplicemente organizzando studenti e lavoratori per lottare per i loro diritti.

I manifestanti hanno anche detto che continueranno le loro proteste e cercheranno di coinvolgere settori più ampi della classe lavoratrice finchè Rawal Asad non verrà rilasciato. Hanno detto che l’attuale regime draconiano sta limitando tutti i diritti democratici fondamentali del popolo da un lato, mentre attacca le loro condizioni di vita attraverso enormi aumenti dei prezzi, disoccupazione, privatizzazioni e tagli ai salari dall’altro. Hanno detto che continueranno la loro lotta per i diritti degli studenti e della classe operaia e sono pronti ad affrontare a tal fine ogni tipo di repressione da parte dello stato e delle sue istituzioni.

Le autorità statali hanno anche minacciato di chiudere i locali del PYA a Multan, un altro attacco ai diritti democratici fondamentali del popolo del Pakistan.

La direzione del PYA è determinata a portare avanti questa lotta fino alla fine e a conquistare il diritto alla libera istruzione e alla legalizzazione dei sindacati studenteschi a tutti i costi. Tutti i tentativi di limitare le loro attività incontreranno una feroce resistenza. Continueranno inoltre ad estendere la solidarietà ai movimenti di tutti i settori oppressi della società, compresi quelli delle nazionalità oppresse.

 

Avanti fino alla rivoluzione!

Rilascio immediato di Rawal Asad!

Legalizzare i sindacati degli studenti!

Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!

Articoli correlati

Senza categoria

Pakistan – Quando il terrorismo diventa una risorsa strategica!

Nella sera di domenica 28 marzo, un attentatore suicida si è fatto esplodere in un parco giochi a Lahore. Fino ad ora sono almeno 72 i morti accertati e più di 250 i feriti.

Pakistan

Il Pakistan sprofonda nella crisi – Le forze del marxismo si rafforzano!

Nel fine settimana del 30 e 31 marzo, a Lahore, si è tenuto il congresso della sezione pakistana della Tmi. La Bakthiar Labour Hall, sede del sindacato dei lavoratori dell’azienda idroelettrica nazionale Wapda, è stata gremita da oltre 260 compagni e compagne.

Pakistan

Pakistan – Il compagno Amin da Karachi vittima di un’ondata di rapimenti volta a schiacciare il dissenso

Mentre la crisi economica in Pakistan si dirige verso una catastrofe anche la repressione statale sta raggiungendo livelli senza precedenti. Ogni modalità di espressione di dissenso e rabbia viene strangolata. L’attivista della Progressive Youth Alliance, il compagno Amin, è una delle tante persone rapite da questo stato brutale. Rilasciate Amin!

Pakistan

Solidarietà con la lotta dei lavoratori delle Aerolinee pakistane (Pia)!

Lo sciopero dei lavoratori (Pakistan International Airlines) PIA è entrato nel suo settimo giorno. Dopo l’uccisione di tre operai da parte delle forze di sicurezza a Karachi martedì scorso, quando la protesta pacifica dei lavoratori contro la privatizzazione è stata brutalmente attaccata, l’intensità dello sciopero ha raggiunto il culmine.

India

Kashmir: una valle in rivolta

Il Kashmir occupato dall’India è in rivolta dal’8 luglio, il giorno dell’omicidio di Burhani Wani, un comandante del gruppo Hizbul Mujahideen, da parte delle truppe indiane. L’omicidio ha scatenato un movimento di protesta di massa in tutta la valle del Kashmir. Lo stato indiano ha risposto in maniera brutale, imponendo un coprifuoco draconiano, uccidendo più di 80 persone e ferendone migliaia. Pubblichiamo un commento sulla situazione attuale di Yasir Irshad, un marxista della TMI nel Kashmir occupato dal Pakistan.

Pakistan

Libertà per Rawal Asad – Un appello

La Pakistan Trade Union Solidarity (Campagna di solidarietà con i sindacati del Pakistan) fa appello a studenti, lavoratori e le loro organizzazioni affinchè esprimano la loro solidarietà a Rawal Asad e ne chiedano l’immediato rilascio.