NUOVO OPUSCOLO – La lotta contro l’unione europea e la confusione della sinistra

Il 26 maggio le prossime elezioni europee certificheranno una volta di più la crisi verticale dell’Unione europea e dei partiti che ne sono i pilastri: popolari, socialisti, liberaldemocratici.
Dicano quello che vogliono i riformisti, i pacifisti, i liberali e tutte le anime pie democratiche, è un fatto positivo perché certifica la crisi del dominio politico della borghesia nel nostro continente.
Merkel, Draghi, Macron… tutti i leaders che hanno interpretato questo dominio sono a fine corsa.
Tuttavia la confusione al riguardo è obiettivamente molta.
Dopo molti decenni in cui la sinistra, compresa quella “radicale”, ha spacciato l’europeismo per internazionalismo, emergono ora le tendenze “sovraniste” che spacciano il nazionalismo per lotta al capitale.
L’opportunismo qui non è minore, come dimostra il fatto che queste forze hanno sparso grandi illusioni nel governo gialloverde sostenendo che avrebbe potuto aprire un conflitto con Bruxelles mettendo in crisi le politiche di austerità.
Ora che Conte, Salvini e Di Maio hanno (prevedibilmente) calato le braghe è ancora più opportuno ritornare sull’argomento.
Abbiamo pubblicato queste 30 pagine, scritte da Claudio Bellotti, cercando di fare un po’ di chiarezza, l’ambizione è quella di dare un contributo affinché su questa, come su tutte le altre questioni, il movimento operaio assuma una posizione indipendente, basata sui reali interessi di classe dei lavoratori e non accodata a questo o quel fronte borghese.
Alcuni dei punti trattati: la crisi politica nell’Ue, la crisi dell’euro e le proposte di ritorno alle monete nazionali, la divisione fra sovranisti ed europeisti nella Sinistra europea, il programma di Mélenchon e della France Insoumise, la questione delle nazionalizzazioni, la questione della “sovranità popolare”, e soprattutto come si concretizza una alternativa di classe e internazionalista.

Richiedi l’opuscolo,al prezzo di 2 euro,

ai nostri sostenitori o a [email protected]

Articoli correlati

Sinistra

Perché non abbiamo aderito all’appello di Je so’ pazzo. Per una sinistra rivoluzionaria alle prossime elezioni!

Vogliamo risollevare quella bandiera rossa, gettata nel fango dai riformisti e tornare a sventolarla con orgoglio ricostruendo una sinistra di classe, schierata sempre e dovunque dalla parte dei lavoratori, impegnata nella unificazione delle loro lotte e resistenze sociali, a partire dalle rivendicazioni più semplici; ma soprattutto impegnata a ricondurre ogni lotta di opposizione e di resistenza all’unica prospettiva di alternativa vera: un governo dei lavoratori e delle lavoratrici, basato sulla loro organizzazione e la loro forza, che rompa col capitalismo e riorganizzi da cima a fondo la società.

Sinistra

Le elezioni a Padova e la parabola della disobbedienza

La nuova formula magica per salvare la sinistra è il “civismo”, si ripete da più parti, dopo l’affermazione della lista “Coalizione civica per Padova” che ha ottenuto oltre l’11% alle elezioni comunali. Ma osservando meglio le vicende nella città del Santo si noterà che c’è ben poco di nuovo sotto il sole.

Sinistra

Sinistra e “sovranismo”

“Sovranista” è l’insulto del momento, l’epiteto che la classe dominante usa per etichettare partiti e leaders politici che giudica ostili agli interessi capitalistici e in particolare alle istituzioni dell’Unione europea. Ma a sinistra chi lotta contro il capitalismo può rivendicare come propria questa definizione?

Europa

L’Irlanda che esce dalla Brexit è schiacciata tra le opposte tendenze dell’imperialismo

La Brexit ha solo un mese di vita, ma l’Irlanda è già rimasta coinvolta nel fuoco incrociato dello scontro tra Regno Unito e UE. La minaccia del settarismo protestante sta emergendo di nuovo. Solo la lotta di classe unitaria dei lavoratori protestanti e cattolici può offrire una via d’uscita.

Sinistra

Le elezioni riguardano anche la sinistra di classe!

La giornata di oggi rappresenta un momento importante per tutti noi che sentiamo forte l’esigenza di rendere visibile e manifesta l’opposizione di classe a questo governo e a tutto il quadro politico che lo sostiene. Questa legislatura è stata davvero un quinquennio di infamie e non a caso termina con il Pd in forte crisi di strategia e di consenso.

Europa

Verso le Europee – Brutta aria per i partiti europeisti

La classe dominante è sempre più nervosa per gli esiti delle elezioni del 26 maggio. Sono preoccupati di non avere più un’ampia maggioranza filoeuropeista, come quella su cui hanno potuto contare in tutti questi anni per imporre tagli draconiani e feroci politiche di austerità.