13 Gennaio 2019

NUOVO OPUSCOLO – La lotta contro l’unione europea e la confusione della sinistra

Il 26 maggio le prossime elezioni europee certificheranno una volta di più la crisi verticale dell’Unione europea e dei partiti che ne sono i pilastri: popolari, socialisti, liberaldemocratici.
Dicano quello che vogliono i riformisti, i pacifisti, i liberali e tutte le anime pie democratiche, è un fatto positivo perché certifica la crisi del dominio politico della borghesia nel nostro continente.
Merkel, Draghi, Macron… tutti i leaders che hanno interpretato questo dominio sono a fine corsa.
Tuttavia la confusione al riguardo è obiettivamente molta.
Dopo molti decenni in cui la sinistra, compresa quella “radicale”, ha spacciato l’europeismo per internazionalismo, emergono ora le tendenze “sovraniste” che spacciano il nazionalismo per lotta al capitale.
L’opportunismo qui non è minore, come dimostra il fatto che queste forze hanno sparso grandi illusioni nel governo gialloverde sostenendo che avrebbe potuto aprire un conflitto con Bruxelles mettendo in crisi le politiche di austerità.
Ora che Conte, Salvini e Di Maio hanno (prevedibilmente) calato le braghe è ancora più opportuno ritornare sull’argomento.
Abbiamo pubblicato queste 30 pagine, scritte da Claudio Bellotti, cercando di fare un po’ di chiarezza, l’ambizione è quella di dare un contributo affinché su questa, come su tutte le altre questioni, il movimento operaio assuma una posizione indipendente, basata sui reali interessi di classe dei lavoratori e non accodata a questo o quel fronte borghese.
Alcuni dei punti trattati: la crisi politica nell’Ue, la crisi dell’euro e le proposte di ritorno alle monete nazionali, la divisione fra sovranisti ed europeisti nella Sinistra europea, il programma di Mélenchon e della France Insoumise, la questione delle nazionalizzazioni, la questione della “sovranità popolare”, e soprattutto come si concretizza una alternativa di classe e internazionalista.

Richiedi l’opuscolo,al prezzo di 2 euro,

ai nostri sostenitori o a redazione@marxismo.net

Articoli correlati

Pap fiction! Qualche lezione dalla scissione di “Potere al Popolo!”

La vicenda fornisce una utile lezione di dialettica. Tutto ciò che al principio faceva la forza di Pap (l’indeterminatezza politica e programmatica, l’organizzazione informe, gli ammiccamenti allo “spirito dei tempi” in tema di populismo, retorica antipartito, ecc.) si è trasformato nel giro di un anno nella causa della sua crisi.

L’emergenza Coronavirus sfata il mito dell’unità europea

Con l’epicentro della pandemia di coronavirus che si è spostato in Europa, il continente si trova ad affrontare la crisi più grave dai tempi dalla Seconda guerra mondiale. Tutti i pilastri della cosiddetta integrazione europea stanno cedendo sotto la pressione di questa emergenza mondiale.

Elezioni subito! L’alternativa necessaria

Non sosterremo alle elezioni quella sinistra fallimentare, che oggi è orfana del Pd, ma che in fondo la pensa come Pisapia e alla prima occasione è pronta a tornare al governo con il Pd. Lavoriamo per qualcosa di completamente diverso. Investiamo tutte le nostre energie su un progetto alternativo e non si presenterà alle noiose ed inutili riunioncine in cui si discuterà l’ennesimo cartello elettorale di sinistra votato al disastro.

Coalizione sociale in mezzo al guado

Con 50mila persone in piazza, il corteo della Fiom del 28 marzo ha confermato le potenzialità del progetto della Coalizione sociale lanciata da Landini. Questo risultato è importante, è necessario

La nostra uscita da Rifondazione comunista

La caratteristica più evidente della situazione italiana è l’assenza di una forza politica, di un partito che sia un riferimento credibile per i lavoratori e gli sfruttati. Allo stato comatoso della sinistra politica si accompagna inoltre la profonda crisi di strategia della Cgil, incapace di opporsi all’offensiva di Renzi e di Confindustria.

Verso le Europee – Brutta aria per i partiti europeisti

La classe dominante è sempre più nervosa per gli esiti delle elezioni del 26 maggio. Sono preoccupati di non avere più un’ampia maggioranza filoeuropeista, come quella su cui hanno potuto contare in tutti questi anni per imporre tagli draconiani e feroci politiche di austerità.