23 Dicembre 2020 Sinistra classe rivoluzione

NUOVO LIBRO – Lenin e Trotskij, per cosa lottarono veramente

La nostra casa editrice ha pubblicato un nuovo importante testo teorico. Si tratta della prima edizione italiana di Lenin and Trotsky. What they really stood for,  scritto da Ted Grant e Alan Woods nel 1969.

La morte di Stalin, la “destalinizzazione” avviata nel 1956, la repressione violenta della rivoluzione ungherese per opera delle truppe sovietiche, avevano fortemente scosso l’autorità della burocrazia sovietica a livello internazionale. Nel tentativo di rilanciare una controffensiva ideologica, il Partito comunista britannico negli anni ’60 affidò a uno dei sui teorici, lo scomparso Monty Johnstone, la stesura di un testo polemico contro Trotskij, nel tentativo di delimitare il terreno soprattutto fra la gioventù, che si dimostrava permeabile alle idee del trotskismo.

Il libro che pubblichiamo nacque come risposta polemica allo scritto di Johnstone e ha avuto negli anni successivi 4 edizioni in lingua inglese, a conferma del suo valore.

Il testo ricostruisce con rigore l’autentico ruolo storico di Lenin, Trotskij e Stalin nel processo di sviluppo del Partito bolscevico, nella rivoluzione d’ottobre e negli anni successivi, soffermandosi sui punti più critici: la pace di Brest Litovsk, la polemica sul “socialismo in un paese solo”, la lotta contro la burocratizzazione dell’Urss, la questione nazionale, il testamento e l’eredità politica di Lenin.

L’interesse di questo testo non è puramente storico, tuttavia: esso parla direttamente a tutti coloro che cercano una effettiva comprensione di cosa possa rappresentare nel mondo attuale la prospettiva comunista e internazionalista, liberata dalle scorie dello stalinismo e del burocratismo che portarono al crollo dell’Unione Sovietica e a un profondo discredito del marxismo,

che precisamente attraverso studi come questo può riscattarsi e apparire con il suo vero volto, e non la maschera sfigurata dallo stalinismo.

Per ordinare il libro, al prezzo di copertina di 15 euro, o organizzare una presentazione,
scrivete a:[email protected]

o andate direttamente al nostro negozio on line

Articoli correlati

Teoria

Riforma sociale o rivoluzione? Rileggere oggi Rosa Luxemburg

Rosa Luxemburg scrisse gli articoli che vanno a comporre Riforma sociale o rivoluzione tra il 1898 e il 1899, in risposta alle tesi di Eduard Bernstein, figura di spicco nel movimento operaio tedesco del Partito socialdemocratico (Spd). Bernstein si proponeva di dimostrare come il capitalismo fosse entrato in una nuova fase, caratterizzata da progresso e stabilità economica. A essere messa da parte era, insomma, l’idea stessa di rivoluzione socialista.

Teoria

Lenin – Tre fonti e tre parti integranti del marxismo

150 anni fa, il 22 aprile 1870, Vladimir Iic Ulijanov, che poi sarà noto a tutto il mondo come Lenin, nasceva a Simbirsk, in Russia.
Lenin è stato il fondatore del Partito bolscevico, il principale dirigente (assieme a Trotskij) della rivoluzione d’Ottobre, il promotore della Terza Internazionale. È stato anche un grande teorico marxista, autore di opere che ancora oggi sono di straordinaria attualità. La sua conoscenza profonda del marxismo gli permetteva di esporre gli assi fondamentali di questa teoria con una chiarezza e una semplicità davvero uniche, come dimostra il testo che pubblichiamo oggi, scritto in occasione del trentesimo anniversario della morte di Karl Marx

Teoria

Lenin – Il Primo Maggio del proletariato rivoluzionario

In occasione della Festa dei lavoratori, consigliamo la lettura di questo articolo del grande rivoluzionario russo, scritto nel 1913.

Teoria

A 75 anni dall’assassinio di Trotskij

Il 20 Agosto 1940 Lev Trotskij veniva assassinato da un sicario di Stalin. In occasione del 75° anniversario della sua morte, pubblichiamo uno degli scritti che stava utlimando nel suo studio di Coyoacan, in Messico.

Teoria

“Realismo capitalista” e gli errori del marxismo accademico

Mark Fisher è stato un filosofo e saggista inglese, che possiamo definire fra gli alfieri del postmodernismo. Questa recensione di uno dei suoi libri più famosi,scritta qualche anno fa dai nostri compagni britannici, crediamo sia utile per gettare una luce sugli approdi di questa corrente filosofica così popolare nelle università.

Teoria

David Harvey contro la rivoluzione: la bancarotta del “marxismo” accademico

David Harvey è un professore universitario e un geografo che si definisce marxista. Le sue serie di video-conferenze sul Capitale sono state viste da centinaia di migliaia di persone, una nuova generazione di giovani che si sono interessati al marxismo sulla scia della crisi del 2008. Per questi motivi, la sua recente affermazione di essere contrario al rovesciamento rivoluzionario del capitalismo ha logicamente suscitato scalpore.