Nuovi voucher – La truffa del governo smonta le illusioni della Cgil

Il 6 Maggio la Cgil festeggiava con una manifestazione nella periferia romana la cancellazione dei voucher che ha fatto saltare il referendum inizialmente previsto per il 28 Maggio. Il 17 Giugno manifesta contro il ripristino di una tipologia contrattuale praticamente uguale ai voucher.

Tale vicenda dimostra in maniera chiara e inequivocabile:

  • da che parte sta il PD e tutte le forze di governo e di opposizione sostenitrici dell’emendamento che sta reintroducendo i voucher. Forze politiche che dimostrano che quando c’è da colpire le lavoratrici ed i lavoratori non hanno alcun problema ad unirsi;

  • che lo scontro che si sta consumando dimostra l’incompatibilità dei padroni e dei suoi governi nei confronti di una politica a favore dei settori meno abbienti;

  • che i referendum, da soli, sono uno strumento insufficiente ed hanno un senso solo se sono ausiliari alla lotta, quella vera, che non si riduce a qualche manifestazione nazionale di sabato o a nuove raccolte di firme.

Ciò che scrivevamo dopo la (temporanea) cancellazione dei voucher era che quella scelta del governo era una concessione al gruppo dirigente della Cgil più che una vittoria dei lavoratori, non coinvolti in un percorso di lotta. Inoltre una buona parte di essi, ne avrebbe visto solo parzialmente gli effetti visto che il quesito che proponeva di ripristinare l’art.18 era stato reso nullo dalla decisione della Consulta.

In secondo luogo, evidenziavamo che la “vittoria” era solo relativa visto che la precarietà non era cancellata e sicuramente avrebbero inserito una forma con caratteristiche simili ai voucher visto che i padroni lo chiedevano a gran voce.

Questa era la posizione politica che, chi scrive, aveva espresso nel Direttivo Nazionale Cgil dello scorso aprile e per la quale era stato accusato dalla Segretaria Camusso di essere un guastafeste e di non valorizzare il risultato ottenuto.

Non c’è nemmeno un grammo di soddisfazione nell’aver previsto quanto sta succedendo, ma solo tanto rabbia per la consapevolezza che, l’essersi illusi di aver portato a casa un gran risultato senza dover mettere in campo una vera mobilitazione, ha permesso ai padroni di riprovarci.

Nella “manovra correttiva” il governo, attraverso un emendamento presentato e sostenuto da personale politico della ex “sinistra” (tra i quali Di Salvo – ex della Segreteria Nazionale Cgil, Migliore – ex dirigente di Rifondazione comunista) propone i “PrestO”, le stesse caratteristiche dei voucher, persino nella possibilità di poterli utilizzare nella pubblica amministrazione, il cui nome è tutto un programma: ti chiamo, corri subito, ti sfrutto e smammi in fretta accontentandoti di un buono.

Aver creduto di poter anche solo parzialmente contrastare la precarietà senza mobilitare i lavoratori, confidando esclusivamente negli strumenti istituzionali, rende ora la ripresa della mobilitazione molto più complicata

Sarà importante la riuscita della manifestazione del 17 Giugno, tuttavia appare una risposta debolissima vista la portata dell’attacco del governo, arrogante e provocatorio.

Questa volta, sarà fondamentale non accontentarsi del ritiro dell’ennesimo vergognoso provvedimento, ma lottare per far cadere il governo. È stato un errore fornirgli una legittimazione. Fin dalla sua nascita altro non era che il governo Renzi senza Renzi. La cacciata di Gentiloni è l’unico modo per iniziare un faticoso percorso di ricomposizione della classe come movimento politico.

Articoli correlati

Studenti

La mobilitazione dei dottorandi dell’Università La Sapienza – Non far pagare ai precari le conseguenze dell’emergenza

La pandemia di Coronavirus ha fortemente impattato su molteplici ambiti del mondo del lavoro e della società italiana. Andando spesso ad aggravare contraddizioni già esistenti ed a colpire duramente i soggetti più deboli e più precari. Quello che è accaduto nel mondo dell’università e della ricerca pubblica non sfugge a questo contesto generale.

Lotta al precariato

La crisi Covid-19? Scaricata sugli educatori!

L’emergenza sanitaria ha influito in maniera piuttosto pesante sugli educatori di comunità ma va detto che anche prima la situazione non era delle migliori. Bisogna lottare non solo per il diritto dei lavoratori ad avere migliori condizioni di lavoro ma soprattutto per gli utenti, in particolare i bambini, che non devono essere penalizzati da queste logiche.

Lotta al precariato

Almaviva, ancora un nulla di fatto – Esplode la rabbia dei lavoratori

Il 27 Maggio per i lavoratori Almaviva è stata un’altra giornata di lotta. Centinaia di lavoratori di Roma, Napoli e Palermo si sono ritrovati in un presidio determinato e combattivo a Piazza S.S. Apostoli a Roma.

Lotta al precariato

La giungla degli appalti in sanità. L’esperienza della lotta alla MA.CA.

La vertenza MA.CA., società vincitrice della gara regionale centralizzata per l’affidamento del servizio di pulizia e sanificazione per le Aziende Sanitarie della Regione Lazio, inizia alla fine del 2015

Lotta al precariato

Jobs Act – A fare festa sono sempre i soliti

I dati INPS relativi al mercato del lavoro nei primi otto mesi dell’anno, fanno dire a confindustria che le cose vanno bene. Si può sempre migliorare, ma i risultati del jobs act sono incoraggianti. Se le cose vanno bene per i padroni, allora vanno anche per il governo Renzi, loro fedele servitore. Quindi, cosa c’è che non va?

Lotta al precariato

Almaviva – la parola ai lavoratori!

Pochi giorni fa i lavoratori Almaviva si sono espressi in stragrande maggioranza contro l’ipotesi di intesa proposta dall’azienda. Intervistiamo Antonio Esposito che è RSU per l’ Slc-Cgil del sito napoletano dell’azienda leader dei call center in Italia.