8 Febbraio 2018

Non un passo indietro! Il fascismo si ferma nelle piazze, piaccia o meno a Minniti!

Tanto tuonò che alla fine piovve. La continua campagna xenofoba portata avanti apertamente da tutta la destra (“gli immigrati sono il problema e vanno cacciati”) e implicitamente dal Pd (“non vogliamo che gli immigrati siano il problema e quindi vanno fermati”) ha trovato il fascista di turno, stavolta in area Lega, che ha pensato bene di fare il patriota andando a seminare pallottole e terrore per le strade di Macerata.

Occasione della tentata strage: la morte orrenda (overdose o omicidio) di una ragazza di 18 anni che prima di morire ha incontrato sulla sua strada gente di diversa nazionalità ma tutta di buon cuore che le ha dato qualche euro in cambio di un rapporto sessuale, che le ha venduto una dose e che ha fatto scempio del suo corpo.

I fascisti fanno a gara nel solidarizzare: ultimamente è Casapound a fare più rumore con le imprese squadristiche e mettendo i suoi (considerevoli) mezzi economici al servizio di un attivismo che trova grande spazio sui media e tanti intellettuali “democratici” disposti a legittimarla partecipando a dibattiti e confronti pubblici. Forza Nuova cerca allora di superarla nella rincorsa a destra proclamando il suo sostegno a Traini e accollandosi le spese legali. La destra parlamentare si tiene solo un passo indietro, con Berlusconi e Salvini che promettono l’espulsione di 600mila immigrati.

I fascisti hanno rialzato la testa e tanti interessi convergono nel dare loro spazio. La guerra tra poveri serve a tanti: serve ai padroni grandi e piccoli che vogliono i lavoratori divisi, ricattabili, impauriti. Ma non è vero che è un’ideologia egemone. Il nuovo fascismo fa molto rumore solo finché la risposta è debole e balbettante.

Dell’antifascismo a chiacchiere del Pd e del governo non sappiamo che farcene. Chi predica solidarietà dopo avere distrutto i diritti, i salari, le pensioni, la scuola e la sanità pubblica, merita solo disprezzo. Questa solidarietà pelosa che predica buoni sentimenti a chi non arriva a fine mese fa danni quanto il razzismo conclamato.

La risposta la si deve dare nelle piazze, nelle fabbriche e nei luoghi di lavoro, nelle scuole e università: uniti contro lo sfruttamento, le discriminazioni, la violenza. Ma uniti contro questo sistema, contro i suoi padroni economici e i loro servi politici.

A Genova sabato 3 febbraio 5000 persone sono scese in piazza contro la presenza neofascista sempre più aggressiva in città; in tante altre città si moltiplicano le iniziative contro l’apertura delle sedi fasciste: è la strada da seguire!

Il PD ha tentato di disinnescare la manifestazione convocata a Macerata per sabato 10 febbraio. Il ministro Minniti parla (mentre scriviamo non è ancora chiaro) di vietarla. È logico: un fascista tenta una strage, i suoi amici passeggiano indisturbati a Macerata seminando veleno, e il governo proibisce una manifestazione antifascista. Con democratici così, che bisogno c’è dei fascisti?

E i 5 Stelle? Hanno qualcosa da dire oltre a qualche frase generica contro il razzismo?

Indecorosa la ritirata dei dirigenti nazionali di Anpi, Arci, Cgil e Libera che hanno disdetto la loro partecipazione. Verrà ricordata a lungo. Salutiamo la presa di posizione della Fiom, che ha confermato la presenza, e di tantissime realtà che si stanno mobilitando.

Non un passo indietro! Saremo presenti al corteo a Macerata e in tutte le piazze antifasciste convocate in questi giorni per ribadire che solo con la mobilitazione di massa si potranno spazzare via i rigurgiti fascisti. Una mobilitazione che deve basarsi sull’unione dei lavoratori e degli sfruttati, contro il padronato e il capitalismo.

Oggi più che mai, lavoratori di tutto il mondo uniti!

SCARICA questo testo in formato volantino (.pdf)

Articoli correlati

L’Italia, oggi. Un paese di emigrati.

Il fenomeno dell’immigrazione è uno dei temi più discussi negli ultimi anni. Di fronte ai drammi di questi mesi e alle campagne xenofobe che vengono portate avanti, abbiamo sentito più

Adesione alla manifestazione del 16 giugno a Roma, “Basta disuguaglianze”

SCR aderirà alla manifestazione del 16 giugno a Roma e scenderà in piazza a fianco dei compagni dell’Usb e delle altre realtà politiche e sociali che vorranno essere presenti, ma soprattutto scenderemo in piazza a fianco dei nostri fratelli e compagni immigrati, che rappresentano il settore più sfruttato ed oppresso della classe sociale a cui apparteniamo.

Modena – Si vietino i banchetti e ogni agibilità ai fascisti!

Nonostante le ennesime aggressioni fasciste di questi giorni ( ultima quella di ieri al segretario della Fiom-Cgil di Forlì) a #Modena lo scorso 9 dicembre è stato permesso al movimento “vitale e pulito” tanto caro a #Mentana e #Formigli ma soprattutto alla famiglia Spada di #CasaPound di fare un banchetto in centro così come a #Carpi è stato concesso al comitato di affari manghenello/aspersorio di #ForzaNuova di fare altrettanto.

Per non dimenticare: quando erano gli italiani ad emigrare

“Gli immigrati si prendono il lavoro e le case, mentre gli italiani non hanno nulla! Il governo dovrebbe pensare prima agli italiani.” Quante volte sentiamo queste frasi, sbandierate da televisione e stampa, soprattutto da quella più bieca, e dai demagoghi di destra? Quelli che diffondono queste idee però non spiegano che, immigrati o no, il governo non aiuterà gli italiani, e che l’innalzamento dell’età pensionabile e i tagli al welfare non avvengono per colpa degli immigrati. La disoccupazione e la povertà non sono un prodotto dell’immigrazione; la verità è che la borghesia italiana ha per anni “importato” nel paese la forza lavoro a buon mercato per trarne vantaggio, allo stesso modo in cui, in passato, la esportava, creando grande fonte di reddito per lo Stato italiano.

A chi piace il reazionario Orban?

Nell’attuale crisi umanitaria dei migranti, è balzata agli onori della cronaca l’Ungheria di Viktor Orban, per il ruolo che si è trovata ad assumere e per il modo disumano e

Pavia: i fascisti aggrediscono ma i compagni si difendono

A Pavia nella notte tra venerdì 14 e sabato 15 luglio, il capo provinciale di CasaPound, Lorenzo Cafarchio, ha prima insultato e poi attaccato con un pugno il responsabile di Sinistra Classe Rivoluzione a Pavia, il nostro compagno Mauro Vanetti.