NO TRIV, NO OMBRINA – La lotta non va in ferie

Il Governo continua ad andare a testa bassa con lo “Sblocca Italia” che porterà grandi vantaggi al potere economico e capitalistico ma che arrecherà notevoli danni all’ambiente e conseguentemente alla salute dei cittadini: il 7 agosto i ministri dell’ambiente e dei beni culturali hanno firmato il decreto di compatibilità ambientale per la costruzione della piattaforma “Ombrina Mare” che prevede 4/6 pozzi estrattivi di olii e la relativa lavorazione sul posto con una nave di appoggio.

Il Governo ha completamente ignorato tutte le numerose proteste di cittadini, associazioni ambientaliste e amministrazioni locali culminate nella grandiosa manifestazione di Lanciano del 23 maggio scorso e sperava in una distrazione collettiva favorita dal periodo feriale per tentare di far passare sotto traccia un provvedimento indigesto a gran parte degli italiani.

notriv3Ma così non è stato perché la lotta NO TRIV non è andata in ferie; infatti numerose manifestazioni si sono svolte per l’intero mese di agosto su tutta la fascia costiera adriatica e ionica, dalla Romagna alla Sicilia, in un crescendo di partecipazione di massa sia qualitativa che quantitativa; si perché la protesta dei No Triv e No Ombrina ha riscosso la condivisione  e la compartecipazione di tutti gli altri movimenti colpiti duramente dalla politica capitalistica a favore dei  grandi gruppi  bancari, finanziari e industriali e di profonda austerità per i comuni mortali.

Ne citiamo due di particolare spessore: nelle Isole Tremiti è stata organizzata un catena umana che, partendo dal Molo Nuovo di San Domino, è giunta fino alla Punta di Cala Spido sull’isolotto di Cretaccio mentre a San Salvo (Ch) è stato organizzato il Festival “No Ombrina a Trivelle Zero” una cinque giorni di dibattiti, visione e proiezione di documentari, mostre fotografiche e musica coinvolgendo tantissimi cittadini che hanno voluto condividere la voglia di lottare per rendere l’ambiente più vivibile.
Ma l’apice di queste mobilitazioni popolari è stata registrata il 25 agosto prima a Pesaro e successivamente a L’Aquila dove il Premier Renzi ha fatto visita per illustrare le azioni di Governo e di convincere i cittadini della loro utilità.

Ma ad attenderlo, insieme ai No Ombrina e No Triv, c’erano anche i No Terna, il mondo della scuola con studenti e docenti, il mondo della Cultura penalizzata dalle politiche di austerità, i cassaintegrati delle numerose aziende che in questo ultimo periodo hanno sospeso le attività produttive e non potevano mancare i numerosi movimenti spontanei aquilani sorti dopo le 3:32 del 6 aprile 2009 che si attivarono per la ricostruzione della città ma che ancora oggi a sei anni di distanza non vedono ancora l’uscita dal tunnel.
Una grande manifestazione di massa nonostante il periodo feriale che ha costretto Renzi a rinunciare a gran parte del programma della visita.

Di fronte ad un governo che non arretra di un millimetro rispetto alle proprie scelte politiche e che rifiuta sistematicamente un corretto confronto con le parti sociali, l’unica strada praticabile e produttiva non può che essere un deciso conflitto sociale coinvolgendo tutti quei movimenti e quei cittadini comuni che incontriamo puntualmente ad ogni manifestazione.
La bontà di questa analisi è certificata proprio dal successo della nostra rivista RIVOLUZIONE  che ha attirato particolare interesse nei lettori, grazie ai suoi contenuti che spaziano su tutti i problemi sociali oggi sul tappeto, dal lavoro alla scuola, dalla sanità all’ambiente e all’immigrazione.

Lo sfruttamento indiscriminato del territorio è un aspetto del funzionamento del capitalismo stesso, per questo la lotta per la difesa dell’ambiente deve essere strettamente collegata a quella contro il sistema.

Articoli correlati

Privatizzazioni

Ultimo Stadio: Berdini, la Raggi e lo stadio dell’As Roma

Travolta dalle inchieste, alle prese con il quarto cambio nella compagine degli assessori in poco più di sei mesi, senza lo straccio di un’idea, quale che sia, per governare una città allo sbando di tre milioni di abitanti, Virginia Raggi con il M5S a Roma va avanti, soprattutto per la plateale assenza di avversari minimamente all’altezza

Ambiente

Solidarietà al Movimento No Tav dal Congresso di Sinistra classe rivoluzione

Il congresso di Sinistra Classe Rivoluzione sezione italiana della TMI riunito a Milano nei giorni 7-8-9 Dicembre conferma il proprio supporto alla lotta del Movimento No TAV.

Ambiente

Lotta contro la TAP: vincere è possibile!

Continua nel Salento la lotta contro la TAP (Trans Adriatic Pipeline), mega-gasdotto che, attraversando la Grecia, dovrebbe portare il combustibile dall’Azerbaigian fino alle coste salentine, per proseguire poi fino in Nord Europa. Centinaia di attivisti stanno in questi giorni portando avanti iniziative pacifiche ma decise per cercare di impedire i lavori di realizzazione di questa grande opera inutile.

Ambiente

Il capitalismo sta uccidendo il pianeta… Abbiamo bisogno di una rivoluzione!

“L’oceano si sta sollevando, e lo siamo facendo anche noi.” era quello che si leggeva su un cartellone al recente corteo #YouthStrike4Climate a Londra. I giovani di tutto il mondo stanno scendendo in piazza per affrontare il problema scottante della nostra epoca: la catastrofe climatica imminente.
La dichiarazione della Tendenza marxista internazionale

Ambiente

NO TAV – Condannata per una tesi di laurea

Negli ultimi mesi abbiamo visto l’inasprirsi della repressione contro il movimento No Tav in Val Susa. Tale repressione colpisce anche studenti universitari che si trovano in valle a fini di ricerca. È il caso di Roberta Chiroli, laureata in antropologia alla Ca’ Foscari di Venezia, che noi abbiamo intervistato:

Ambiente

Acqua alta e sopravvivenza di Venezia – Il capitale non guarda in faccia a nessuno!

Quelli appena trascorsi sono stati giorni difficili per la città di Venezia e per i suoi abitanti, data la straordinaria violenza con cui le maree del 12 novembre e quelle successive hanno piegato la città. Questo è il segno che i cambiamenti climatici causati dallo sfruttamento incontrollato delle risorse ambientali e dall’inquinamento scellerato da parte delle grandi industrie ha compromesso il già fragile ecosistema della laguna veneta.