19 Maggio 2022 Roberto Sarti

No all’estradizione di Julian Assange!

Nell’aprile scorso la corte di Londra ha emesso un ordine di estradizione verso gli Usa per Julian Assange. Mentre scriviamo, da un giorno all’altro il governo britannico potrebbe renderlo esecutivo. Il fondatore di Wikileaks rischia negli Stati uniti fino a 175 anni di carcere, sulla base dell’Espionage act, una legge che punisce i “traditori che passano informazioni al nemico”.

Assange è stato arrestato una prima volta nel 2010 e, dopo aver passato sette anni nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra come rifugiato politico, dall’aprile 2019 è detenuto nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh, conosciuto anche come “la Guantanamo britannica”.

Ma qual è il crimine di Julian Assange?

Quello di aver diffuso a partire dall’aprile 2010 centinaia di migliaia di video, diari e documenti riservati del governo e dei servizi segreti americani. In questi documenti si squarcia un velo sulla natura dell’imperialismo statunitense. Si va dalla documentazione delle torture e dei soprusi a Guantanamo e negli altri carceri militari Usa, alle operazioni militari in violazione di ogni convenzione internazionale in Iraq e Afghanistan. C’è il video “Collateral murder” dove gli elicotteri a stelle e strisce sparano su civili iracheni inermi, provocando 18 morti, tra cui due giornalisti della Reuters. La telecamera era stata scambiata per un lanciarazzi! Ma i documenti rivelano anche le stragi nascoste in Afghanistan , con centinaia di morti mai documentati prima.

Altri documenti descrivono le operazioni compiute dai servizi per condizionare i governi, come le intercettazioni telefoniche ai principali capi di governo del mondo (anche “alleati” come Merkel), o per stringere accordi commerciali a condizioni favorevoli agli Usa. “Perché non ci sono golpe negli Usa? Perché non c’è un’ambasciata statunitense”, scherzavano due diplomatici.

Nuova luce viene lanciata anche sugli intrecci fra governi e multinazionali, come l’aiuto fornito dai servizi segreti alla Union Carbide contro gli attivisti che richiedevano giustizia per la strage di Bhopal, dove nel 1984 una fuoriuscita di sostanze tossiche provocò quasi 4mila morti.

Molti di questi documenti furono fatti trapelare da Chelsea Manning, coraggiosa analista dell’intelligence, che ha pagato per questo con 7 anni e 4 mesi di carcere, interrotti solo dalla grazia concessa nel 2019.

La colpa di Assange è dunque quella di aver detto la verità, cosa che non va assolutamente a genio alla classe dominante quando nuoce ai propri interessi.

La “lotta per la democrazia e della libertà” la “difesa dei valori umani”, il “sacro valore del giornalismo”, tutte parole che trasudano di ipocrisia in bocca a Biden o Johnson.

Assange è stato spiato per anni nell’ambasciata dell’Ecuador (e la violazione della sovranità?). Gli Usa hanno promesso al paese latinoamericano la cancellazione di parte del debito, in cambio della fine dell’asilo politico al giornalista australiano. Se tale pressione non fosse riuscita, la Cia sarebbe passata al piano b, quello di rapire o uccidere Assange, per “consegnarlo alla giustizia”, come rivelato di recente da Yahoo News.

La difesa della libertà di espressione e di informazione può vincere solo se legata alla lotta di classe!

Libertà per Julian Assange!

 

Articoli correlati

Repressione

Pavia: dieci sotto processo per essersi opposti a uno sfratto

Lunedì 27 gennaio 2020 a Pavia si terrà la prima udienza del processo contro 10 persone che il 18 aprile 2013 hanno partecipato a un’iniziativa di lotta e solidarietà: un picchetto al Crosione, in via Capri, per difendere una famiglia con bambini piccoli dalla minaccia di uno sfratto per morosità incolpevole. Tra gli imputati c’è anche il nostro compagno Mauro Vanetti.

Internazionale

Elezioni dipartimentali in Francia: un rigetto del sistema

Il 23 marzo scorso i candidati dell’Unione di destra, alleati attorno all’Ump di Sarkozy, hanno ampiamente vinto le elezioni amministrative in Francia. Il Partito socialista al governo crolla, perdendo metà

emergenza coronavirus

L’impotenza dell’OMS e le relazioni tra Cina e Stati Uniti

La crisi del COVID-19 sta mettendo in luce i limiti delle organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite e l’OMS, intrappolati tra gli interessi dell’imperialismo statunitense e cinese in competizione tra loro. Come un ombrello pieno di buchi, sono inutili proprio quando sarebbero più necessarie.

Repressione

A 50 anni dalla rivolta di Stonewall – È ancora tempo di Pride!

Stonewall Inn, bar nel quartiere Greenwich Village (New York): la polizia irrompe nel locale, come di norma, perché frequentato da omosessuali e transgender. Ma se l’irruzione in un locale gay non sovverte gli schemi, la ribellione degli avventori rappresenta un momento di rottura di portata mondiale. È il 28 giugno 1969.

Internazionale

La guerra in Ucraina e il nuovo disordine mondiale

Dal conflitto ucraino sta emergendo una svolta fondamentale nei rapporti internazionali. Il mondo capitalista entra in una fase di “deglobalizzazione” o, più precisamente, della costruzione di blocchi di alleanze contrapposti che sempre più sistematicamente costringono tutti i paesi ad allinearsi all’interno dell’uno o dell’altro di questi blocchi.

Repressione

Covid-19 – Strage al carcere di Modena e ipocrisia dell’unità nazionale

L’insicurezza sanitaria in carcere davanti all’accelerazione del contagio del Covid-19, assieme alla sospensione dei colloqui coi familiari in assenza di qualsiasi misura alternativa di contatto, hanno acceso un’ondata di rivolte carcerarie cui non si assisteva, in Italia, almeno dagli anni ‘70. al carcere di Modena è avvenuta una strage. Ma non è stata una fatalità.