14 Gennaio 2016

No alle espulsioni dalla Fiom e dalla Cgil

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

la Redazione

Al Segretario Generale Nazionale e alla segreteria Nazionale della Fiom-Cgil
Ai Segretari generali Fiom di Molise e Basilicata
Al Segretario Generale Nazionale e alla Segreteria Nazionale della Cgil

Cari compagni,

abbiamo appreso che nell’ultimo Comitato Centrale della Fiom-Cgil tenutosi il 7e 8 Gennaio scorsi è stato comunicato che oltre una decina di nostri compagni RSA Fiom di diversi stabilimenti del gruppo FCA sono stati chiamati in causa da un interpello redatto dai segretari generali della Fiom Molise e Basilicata e rivolto al Collegio Statutario Nazionale della Cgil. Date le nostre regole statutarie inerenti la magistratura interna, qualora l’interpello fosse accolto questi RSA Fiom rischierebbero l’espulsione dalla Fiom (e dalla Cgil).
La “colpa” di questi compagni sarebbe quella di aver costituito nei propri stabilimenti un coordinamento con delegati e lavoratori appartenenti ad altre sigle sindacali per contrastare il modello Marchionne.
Non è nostra intenzione entrare, in questa sede, nel merito della questione sollevata. Rileviamo semplicemente che l’opportunità o meno della scelta compiuta da parte di questi RSA è eventualmente materia di una discussione di carattere esclusivamente politico nelle sedi opportune dell’organizzazione. In alcun modo può essere ascritta ad una questione di carattere disciplinare le cui conseguenze risulterebbero per altro di una gravità inaudita e senza precedenti nella storia del nostro sindacato. Sono infatti a rischio di espulsione la maggioranza delle RSA Fiom di Termoli, una buona parte delle RSA Fiom di Melfi e gli RSA Fiom tra i primi eletti RLS della Sevel. Inutile dire che un tale scenario, qualora si concretizzasse, avrebbe conseguenze disastrose per tutta l’organizzazione e la sua capacità di intervento non solo negli stabilimenti interessati ma in tutto il gruppo FCA.
In questo caso c’è una ragione in più che ci spinge a scrivervi e riguarda direttamente le gravi conseguenze che questi compagni e queste compagne potrebbero pagare in prima persona dentro Fca nel rapporto con i vertici aziendali.
Facciamo pertanto appello al senso di responsabilità dei segretari generali della Fiom Molise e Basilicata affinchè ritirino tale interpello e riportino la discussione nel giusto ambito di carattere politico. Facciamo altresì appello alla segreteria nazionale della Fiom e al segretario Generale, compagno Landini, affinchè facciano quanto nelle loro disponibilità per scongiurare questo epilogo che sarebbe davvero tragico per tutti noi. Ci rivolgiamo infine, qualora l’interpello non fosse ritirato, alla segreteria ed al Segretario Generale Nazionale della Cgil compagna Susanna Camusso, affinchè venga respinto e non abbia alcuna conseguenza formale né sostanziale.

Un cordiale saluto,

 

Primi Firmatari:

FERRARI AUTO: Paolo Ventrella (RSA, RLS e Direttivo Fiom Provinciale), Parlati Matteo (RSA, RLS e Direttivo Fiom Provinciale), Parente Giovanni (RSA, RLS e Direttivo Fiom Provinciale),Ghinelli Augusto (RSA e Direttivo Provinciale Fiom), Fischetti Elvis Vito (RSA Fiom Ferrari), Candolfi Gennaro (RSA Fiom Ferrari), Palazzi Sauro (RSA Fiom Ferrari), Merighi Silvano (RSA e Direttivo Provinciale Cgil), Quarta Marco (Direttivo Provinciale Fiom Ferrari), Parisi Ferdinando (Direttivo Provinciale Fiom), Gaipa Vincenzo (Direttivo Provinciale Fiom), La fata Salvo (Direttivo Provinciale Fiom)

POMIGLIANO:Nello Niglio (Direttivo Regionale Fiom), Mimmo Loffredo (direttivo Fiom Napoli e Regionale), Stefano Birotti (RSA Fca Pomigliano),Arcangelo De Falco (Rsa fca Pomigliano polo logistico), Francesco Ruggiero (Direttivo regionale Fiom), Bruno Cacciapuoti (Direttivo Regionale Fiom), Mellone Giovanni (Rsa Pomigliano), Pulcrano Angelo (Rsa pomigliano), Michele Sangiovanni (Iscritto Fiom fca pomigliano), Enzo Iossa (iscritto Fiom operaio Alenia), Francesco Scognamiglio (iscritto FIOM operaio Alenia), Andrea Morisco (rsa Dema indotto Alenia), Vincenzo Chianese (Rsu Ergom Direttivo fiom Napoli), Francesco Viscione (Direttivo Fiom Regionale)

MASERATI MODENA:Giuseppe Violante (Rsa Fiom e direttivo fiom modena), Leuci Francesco (RSA fiom)

MIRAFIORI: Pasqualino Salvatore (Rsa Fiom), Mary Epifania (RSA fiom)

MELFI: Antonio Gravinese (Rsa Fiom), Antonio D’Andrea (Rsa e Direttivo Fiom)

CNH MODENA: Fedele Gennaro (Rsa CNH Modena)

PRATOLA SERRA: Italia D’Acierno (Rsa, RLS e Direttivo Cgil e Fiom Avellino)

 

Chi volesse sottoscrivere questo appello invii la propria adesione alla RSA Fiom ferrari via mail all’indirizzo: rsufiomferrari@libero.it

Articoli correlati

Fiom – L’intervento di Paolo Brini all’Assemblea dei 500

Pubblichiamo il video dell’intervento di Paolo Brini (Comitato centrale Fiom Cgil) all’assemblea nazionale dei 500 che si è tenuta a Roma il 5 e 6 aprile a Roma.

A lavorare in fabbrica…si diventa matti!

Il 23 ottobre a Modena nell’ambito della “Settimana della Salute Mentale” organizzata dal Dipartimento di Salute Mentale dell’Asl di Modena, la Fiom locale e nazionale hanno organizzato in collaborazione con il DSM una assemblea pubblica dal titolo “A lavorare in fabbrica si diventa matti”.

Metalmeccanici – È finito il tempo delle parole, è l’ora della lotta!

Dopo oltre tre mesi di discussione e ben tredici riunioni coi padroni, martedì 16 marzo i sindacati metalmeccanici hanno dovuto rompere con Federmeccanica e Assistal sul rinnovo del contratto nazionale.

Solidarietà con i lavoratori in lotta di Kragujevac

La solidarietà dei lavoratori del gruppo Fca in Italia

Fiom: sul contratto nazionale adottata una linea confusa e pericolosa

“Un negoziato per la realizzazione di un Contratto nazionale capace di coniugare il miglioramento della competitività delle imprese con il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro di tutte

Trasferimenti a Cassino, per i lavoratori Fca non c’è mai pace

Non c’è pace per i lavoratori Fiat dello stabilimento G.B.Vico di Pomigliano d’Arco. Fca in autunno ha annunciato l’esigenza di trasferire temporaneamente 550 lavoratori dello stabilimento di Pomigliano a quello di Cassino per esigenze produttive.