14 Aprile 2022 la redazione

NO alla guerra, NO ai sacrifici

L’editoriale del nuovo numero di Rivoluzione

La guerra in Ucraina prosegue, si fa sempre più crudele e soprattutto non se ne vede la fine. Una soluzione del conflitto sembra allontanarsi tanto sul piano militare che su quello diplomatico. La Russia non appare in grado di ottenere un successo militare risolutivo in tempi brevi e in questo hanno giocato un ruolo decisivo le armi inviate all’esercito ucraino dagli Stati Uniti e dagli altri paesi NATO.

Contrariamente alle rappresentazioni giornalistiche che ci parlano di una resistenza popolare ucraina combattuta con le bottiglie molotov, quella che vediamo in Ucraina è una guerra convenzionale, in cui le truppe regolari ucraine hanno impiegato droni, artiglieria e missili forniti dai paesi occidentali. D’altra parte l’aiuto militare dell’Occidente non è sufficiente a garantire una vittoria dell’Ucraina, serve solo a far proseguire i combattimenti a oltranza, a impedire a Putin di dilagare, a logorare le truppe russe e infliggere loro quante più perdite possibile.

Anche le prospettive diplomatiche non appaiono molto più incoraggianti. Dell’ONU è meglio non parlare nemmeno, dal momento che la sua inutilità è più che mai palese: lo stesso Zelensky ha dichiarato che le Nazioni Unite farebbero meglio a sciogliersi e nessuno ha battuto ciglio. Quanto ai colloqui bilaterali, le accuse di crimini di guerra contro Putin e i suoi generali rendono ancora più remota la possibilità di una soluzione di compromesso. Il leader russo non ha certo intenzione di fare la stessa fine di Slobodan Milosevic, l’ex presidente della Serbia morto in una cella del Tribunale dell’Aja.

E così la guerra va avanti, con tutti gli elementi di barbarie che inevitabilmente porta con sé. A farne le spese sono gli ucraini, sfruttati cinicamente come carne da cannone dalla NATO, ma anche i giovani soldati di leva russi, mandati al macello contro la loro volontà nell’esclusivo interesse del regime di Mosca.

Intanto il governo Draghi prosegue sulla strada del riarmo, aumentando di altri 13 miliardi il budget per acquistare armamenti. Tutti i soldi che negli ultimi anni non si sono mai trovati per finanziare la sanità, la scuola e le pensioni, ora si trovano miracolosamente per comprare armi. Conte ha cercato di rifarsi una verginità facendo dichiarazioni roboanti contro le spese militari, ma oramai è risaputo che la tenuta dei 5 Stelle sulle questioni “di principio” è la stessa di un cubetto di ghiaccio sotto il sole d’agosto: e infatti in Senato non hanno fatto mancare il loro voto favorevole al Decreto Ucraina.

Nella discussione sul prossimo Def (Documento di Economia e Finanza), si parla esplicitamente di “economia di guerra”. La situazione economica peggiora a vista d’occhio e il problema dei costi dell’energia incombe. Draghi ha dichiarato che dobbiamo rinunciare ai condizionatori d’estate per amore della pace, ma i sacrifici che il governo ci chiederà vanno ben oltre l’aria condizionata.

Da più parti si scrive che “la libertà ha un prezzo”. Sulla libertà ci sarebbe parecchio da ridire, visto che il ministro Di Maio è stato da poco a Baku per contrattare l’aumento delle forniture di gas con Ilham Aliyev, il despota la cui famiglia governa con pugno di ferro l’Azerbaigian da trent’anni. Ma a prescindere da questo, la vera domanda è: chi pagherà il prezzo di questa presunta libertà? Chi pagherà per l’acquisto delle nuove armi? Chi pagherà i costi più alti per le forniture di energia? Chi sosterrà il peso dell’inflazione? Non certo le grandi aziende del settore energetico, che anzi stanno facendo profitti favolosi. Non certo gli oligarchi di casa nostra, i grandi capitalisti che hanno i conti nei paradisi fiscali. Pagheranno come sempre i lavoratori con i loro salari sempre più magri. D’altronde anche i fondi destinati dal governo a contenere il caro-bollette e il caro-benzina da dove arrivano se non dalla fiscalità generale, rimpinguata in massima parte dalle tasse pagate dalla classe lavoratrice? Si sa che, a differenza dei grandi speculatori finanziari, i lavoratori dipendenti non possono evadere le tasse, visto che i prelievi fiscali alleggeriscono le loro buste paga ancora prima di ricevere lo stipendio.

Se vogliamo evitare di pagare il prezzo di questa guerra imperialista, dobbiamo prendere esempio dalla classe operaia greca. In Grecia il 6 aprile si è svolto uno sciopero generale contro l’inflazione, in cui i sindacati rivendicavano aumenti salariali del 13%, mentre i lavoratori delle ferrovie si sono rifiutati di trasportare i carri armati della NATO diretti in Europa orientale. Questa è la strada giusta da seguire, in Italia e a livello internazionale.

12 aprile 2022

Articoli correlati

Politica generale

Manovra economica – Con gli “zero virgola” non c’è cambiamento!

L’utopismo non è dire che si vuole cancellare la povertà, l’utopismo è pensare di farlo con gli “zero virgola”, per giunta elargiti a debito, senza toccare gli interessi della classe dominante. Di difendere i poveri senza attaccare i ricchi. Di difendere i lavoratori senza scontrarsi con i padroni. Di portare il “cambiamento” senza lotta di classe.

Politica generale

Salvini è solo un bulletto al servizio dei padroni!

In cosa consiste la forza di Salvini? Nella pochezza dei suoi avversari e nella nullità dei suoi alleati. Appare come un gigante solo perché gli altri sono dei pigmei, i fatti lo dimostreranno, e anche in tempi brevi.

Italia

Il vero volto della ripresa economica – Un mare di precarietà e di bassi salari

Indubbiamente in molti settori industriali e non solo, il rimbalzo della produzione è forte, dopo il crollo pauroso del 2020. Lo si registra anche dalla crescita degli infortuni e delle morti sul lavoro, misura esatta dello sfruttamento che riprende a correre. Ma la ripresa, lungi dall’attenuare la tensione sociale, mette ancora più in luce gli antagonismi tra capitale e lavoro. E qui non si tratta di parole, ma di nude cifre.

Politica generale

I fantastici numeri di Expo

• 1,3 miliardi (inizialmente 1,6) di euro investiti da Expo Spa, azienda compartecipata di enti pubblici, che organizza l’evento; • 900 milioni che comuni, province e regioni investiranno in infrastrutture

Ambiente

NO TAV – Condannata per una tesi di laurea

Negli ultimi mesi abbiamo visto l’inasprirsi della repressione contro il movimento No Tav in Val Susa. Tale repressione colpisce anche studenti universitari che si trovano in valle a fini di ricerca. È il caso di Roberta Chiroli, laureata in antropologia alla Ca’ Foscari di Venezia, che noi abbiamo intervistato:

Italia

Il Recovery Plan non risolve niente

“Nel Recovery Plan c’è il destino dell’Italia”, ha detto Draghi al Senato mentre illustrava il piano di spesa di 248 miliardi di euro. Gli hanno fatto eco i giornali della borghesia italiana ma ancora di più quelli internazionali, per i quali l’Italia è passata, nel breve intervallo di un cambio di governo, dall’essere l’ultima della classe a modello. Tuttavia, i toni epici che si danno a questo progetto sono del tutto sproporzionati rispetto alla sua reale portata.