23 Gennaio 2019

NO AL COLPO DI STATO IMPERIALISTA IN VENEZUELA!

Il presidente dell’Assemblea nazionale venezuelana, dominata dall’Opposizione, Juan Guaidó si è proclamato “presidente ad interim” durante una manifestazione nell’est di Caracas

Immediatamente la Casa Bianca ha annunciato di aver riconosciuto Guaidó come legittimo presidente del Venezuela. Il colpo di stato è iniziato!

La decisione di Trump di riconoscere Guaidó come “presidente” del Venezuela al posto di Maduro (eletto nel 2018) è uno scandalo totale ed è stata seguita dall’appoggio segretario generale dell’OSA, Almagro, che gioca anche lui un ruolo chiave nel colpo di stato e dal Presidente del Brasile, Bolsonaro.

L’Assemblea nazionale (in aperta sfida alla Corte suprema) ha già illegittimamente nominato un “ambasciatore” all’OSA – il colpo di stato Trump – Bolsonaro – Almagro è in pieno svolgimento, il primo passo è stato quello di creare un nuovo “presidente” .

La nostra posizione rimane la stessa: non appoggiamo il governo di Maduro, le cui politiche stanno minando le conquiste della Rivoluzione Bolivariana e non sono in grado di affrontare la crisi economica. Allo stesso tempo, ci opponiamo con tutti i mezzi a nostra disposizione al golpe reazionario targato Trump-Bolsonaro-Almagro.

I marxisti, gli attivisti del movimento operaio e qualsiasi sincero democratico hanno il dovere di respingere questo tentativo di colpo di stato in corso e di difendere il diritto del popolo del Venezuela a decidere il proprio futuro, libero da ogni ingerenza imperialista.

Giù le mani dal Venezuela!

Articoli correlati

I cospiratori al soldo dell’imperialismo gridano al colpo di stato – Cosa sta realmente accadendo in Venezuela?

“C’è stato un colpo di stato in Venezuela! Maduro ha cercato di prendere tutto il potere!”. grida l’opposizione e l’imperialismo. Ma quali sono realmente i fatti? Un’analisi della Tendenza marxista internazionale.

Venezuela: la controrivoluzione vince le elezioni

Nella tarda notte del 6 dicembre, il Consiglio elettorale nazionale Venezuelano ha comunicato i risultati provvisori ma conclusivi delle elezioni parlamentari. Il MUD, l’opposizione contro-rivoluzionaria, ottiene 99 seggi contro i 46 del PSUV bolivariano, con altri 22 da assegnare. Si tratta di una grave battuta d’arresto ed è nostro dovere analizzare le ragioni e spiegare le probabili conseguenze.

Venezuela: Maduro vince le elezioni presidenziali, nonostante l’ingerenza imperialista. Cosa succederà ora?

Nicolas Maduro è stato rieletto per un altro mandato alle elezioni presidenziali venezuelane di domenica 20 maggio. La maggioranza dell’opposizione reazionaria, con il pieno sostegno di Washington e Bruxelles, aveva fatto appello al boicottaggio, un fatto che ha portato a un’affluenza molto bassa nelle aree delle classi medio-alte delle principali città.

Venezuela – La sospensione del referendum revocatorio, l’acutizzazione della lotta di classe e i compiti dei rivoluzionari

Giovedi 20 ottobre, i tribunali penali di Monagas, Carabobo, Aragua e Apure, fra gli altri, hanno dichiarato non valida la raccolta dell’1% delle firme necessarie per convocare un referendum revocatorio,

Guaidò si autoproclama Presidente della Repubblica. È iniziato il colpo di stato

Come abbiamo denunciato in Venezuela è in corso un colpo di stato promosso dall’imperialismo e dai suoi lacchè del cartello di Lima, messo in campo dai burattini dell’opposizione. Oggi 23

No al golpe made in Usa! Giù le mani dal Venezuela!

E’ necessario appoggiare Maduro mantenendo una totale indipendenza dal suo programma. Non si illudano gli imperialisti americani e i loro lacchè. Il popolo venezuelano lotterà fino alla morte per cacciarli via! E solo un secondo dopo la sconfitta del golpe si devono fare i conti con una burocrazia che ha condotto la rivoluzione venezuelana in un vicolo cieco.