23 Gennaio 2019

NO AL COLPO DI STATO IMPERIALISTA IN VENEZUELA!

Il presidente dell’Assemblea nazionale venezuelana, dominata dall’Opposizione, Juan Guaidó si è proclamato “presidente ad interim” durante una manifestazione nell’est di Caracas

Immediatamente la Casa Bianca ha annunciato di aver riconosciuto Guaidó come legittimo presidente del Venezuela. Il colpo di stato è iniziato!

La decisione di Trump di riconoscere Guaidó come “presidente” del Venezuela al posto di Maduro (eletto nel 2018) è uno scandalo totale ed è stata seguita dall’appoggio segretario generale dell’OSA, Almagro, che gioca anche lui un ruolo chiave nel colpo di stato e dal Presidente del Brasile, Bolsonaro.

L’Assemblea nazionale (in aperta sfida alla Corte suprema) ha già illegittimamente nominato un “ambasciatore” all’OSA – il colpo di stato Trump – Bolsonaro – Almagro è in pieno svolgimento, il primo passo è stato quello di creare un nuovo “presidente” .

La nostra posizione rimane la stessa: non appoggiamo il governo di Maduro, le cui politiche stanno minando le conquiste della Rivoluzione Bolivariana e non sono in grado di affrontare la crisi economica. Allo stesso tempo, ci opponiamo con tutti i mezzi a nostra disposizione al golpe reazionario targato Trump-Bolsonaro-Almagro.

I marxisti, gli attivisti del movimento operaio e qualsiasi sincero democratico hanno il dovere di respingere questo tentativo di colpo di stato in corso e di difendere il diritto del popolo del Venezuela a decidere il proprio futuro, libero da ogni ingerenza imperialista.

Giù le mani dal Venezuela!

Articoli correlati

Venezuela: Come sconfiggere il colpo di Stato imperialista?

Ancora una volta l’opposizione in Venezuela tenta la strada del colpo di Stato per scrivere definitivamente la parola fine sulla rivoluzione venezuelana. Il 23 gennaio il leader della Mesa de Unidad Democratica Juan Guaidò si è autoproclamato presidente della Repubblica al posto di Nicolas Maduro.

Venezuela, elezioni del 6 dicembre – La sfida più difficile per la Rivoluzione bolivariana

I venezuelani andranno alle urne il 6 dicembre per eleggere i deputati all’Assemblea Nazionale. Una combinazione di fattori hanno reso questa tornata elettorale una delle sfide più difficili che la Rivoluzione bolivariana abbia affrontato nei 17 anni iniziati quando il presidente Chavez è stato eletto la prima volta nel 1998.

Venezuela – Un ultimo avvertimento

Negli ultimi giorni e settimane negli editoriali e sulle prime pagine dei quotidiani spagnoli e statunitensi si è intensificato l’assalto contro la rivoluzione bolivariana. I problemi di scarsità delle merci in corso hanno portato a casi di saccheggio. L’opposizione di destra vuole arrivare a un referendum per la revoca del presidente, ma sta anche minacciando azioni violente facendo appello alle potenze straniere e chiedendo, in alcuni casi, l’intervento militare.
Che cosa sta realmente accadendo in Venezuela e come si può rispondere a queste minacce?

Venezuela – La sospensione del referendum revocatorio, l’acutizzazione della lotta di classe e i compiti dei rivoluzionari

Giovedi 20 ottobre, i tribunali penali di Monagas, Carabobo, Aragua e Apure, fra gli altri, hanno dichiarato non valida la raccolta dell’1% delle firme necessarie per convocare un referendum revocatorio,

Guaidò si autoproclama Presidente della Repubblica. È iniziato il colpo di stato

Come abbiamo denunciato in Venezuela è in corso un colpo di stato promosso dall’imperialismo e dai suoi lacchè del cartello di Lima, messo in campo dai burattini dell’opposizione. Oggi 23

No al golpe! No alla guerra! Giù le mani dal Venezuela!

La Tendenza Marxista Internazionale respinge il tentativo in atto dell’imperialismo statunitense di portare avanti un colpo di stato in Venezuela. Quello a cui stiamo assistendo è il tentativo spudorato di una coalizione di diversi paesi, guidata da Trump, di destituire il governo venezuelano del presidente Maduro.