NO AL COLPO DI STATO IMPERIALISTA IN VENEZUELA!

Il presidente dell’Assemblea nazionale venezuelana, dominata dall’Opposizione, Juan Guaidó si è proclamato “presidente ad interim” durante una manifestazione nell’est di Caracas

Immediatamente la Casa Bianca ha annunciato di aver riconosciuto Guaidó come legittimo presidente del Venezuela. Il colpo di stato è iniziato!

La decisione di Trump di riconoscere Guaidó come “presidente” del Venezuela al posto di Maduro (eletto nel 2018) è uno scandalo totale ed è stata seguita dall’appoggio segretario generale dell’OSA, Almagro, che gioca anche lui un ruolo chiave nel colpo di stato e dal Presidente del Brasile, Bolsonaro.

L’Assemblea nazionale (in aperta sfida alla Corte suprema) ha già illegittimamente nominato un “ambasciatore” all’OSA – il colpo di stato Trump – Bolsonaro – Almagro è in pieno svolgimento, il primo passo è stato quello di creare un nuovo “presidente” .

La nostra posizione rimane la stessa: non appoggiamo il governo di Maduro, le cui politiche stanno minando le conquiste della Rivoluzione Bolivariana e non sono in grado di affrontare la crisi economica. Allo stesso tempo, ci opponiamo con tutti i mezzi a nostra disposizione al golpe reazionario targato Trump-Bolsonaro-Almagro.

I marxisti, gli attivisti del movimento operaio e qualsiasi sincero democratico hanno il dovere di respingere questo tentativo di colpo di stato in corso e di difendere il diritto del popolo del Venezuela a decidere il proprio futuro, libero da ogni ingerenza imperialista.

Giù le mani dal Venezuela!

Articoli correlati

Venezuela

Venezuela: l’attacco dall’elicottero e l’escalation della campagna per rovesciare Maduro

La situazione è molto grave. Una vittoria dell’opposizione reazionaria verrebbe pagata a caro prezzo dalle masse dei lavoratori, dei contadini e dei poveri dei barrios. Solo questa settimana tre persone sono state bruciate dai manifestanti dell’opposizione. La tragedia della rivoluzione bolivariana è che non è mai stata completata. Ora ne paghiamo il prezzo.

Venezuela

Venezuela – Un ultimo avvertimento

Negli ultimi giorni e settimane negli editoriali e sulle prime pagine dei quotidiani spagnoli e statunitensi si è intensificato l’assalto contro la rivoluzione bolivariana. I problemi di scarsità delle merci in corso hanno portato a casi di saccheggio. L’opposizione di destra vuole arrivare a un referendum per la revoca del presidente, ma sta anche minacciando azioni violente facendo appello alle potenze straniere e chiedendo, in alcuni casi, l’intervento militare.
Che cosa sta realmente accadendo in Venezuela e come si può rispondere a queste minacce?

Venezuela

Il Venezuela dopo le elezioni per l’Assembea Costituente: conciliazione o rivoluzione?

I risultati dell’Assemblea costituente non significano la fine dell’offensiva reazionaria e imperialista. La controrivoluzione può essere combattuta solo con mezzi rivoluzionari. I lavoratori e i contadini possono fidarsi solo delle proprie forze.

Venezuela

La controrivoluzione alza la testa – Stop al golpe in Venezuela!

L’autoproclamato “Presidente ad interim” del Venezuela Juan Guaidò sta tentando di attuare un colpo di stato militare, “Operazione Libertà”, come ha denominato la “fase finale” del suo tentativo di rimuovere Maduro. È stato raggiunto da Leopoldo Lopez, che è stato liberato dagli arresti domiciliari da un gruppo di poliziotti e militari stamattina. È una mossa del tipo “o la va o la spacca”, come alcuni hanno descritto.

Venezuela

I cospiratori al soldo dell’imperialismo gridano al colpo di stato – Cosa sta realmente accadendo in Venezuela?

“C’è stato un colpo di stato in Venezuela! Maduro ha cercato di prendere tutto il potere!”. grida l’opposizione e l’imperialismo. Ma quali sono realmente i fatti? Un’analisi della Tendenza marxista internazionale.

Venezuela

Venezuela: Maduro vince le elezioni presidenziali, nonostante l’ingerenza imperialista. Cosa succederà ora?

Nicolas Maduro è stato rieletto per un altro mandato alle elezioni presidenziali venezuelane di domenica 20 maggio. La maggioranza dell’opposizione reazionaria, con il pieno sostegno di Washington e Bruxelles, aveva fatto appello al boicottaggio, un fatto che ha portato a un’affluenza molto bassa nelle aree delle classi medio-alte delle principali città.