14 Dicembre 2017

Modena – Si vietino i banchetti e ogni agibilità ai fascisti!

Nonostante le ennesime aggressioni fasciste di questi giorni ( ultima quella di ieri al segretario della Fiom-Cgil di Forlì) a #Modena lo scorso 9 dicembre è stato permesso al movimento “vitale e pulito” tanto caro a #Mentana e #Formigli ma soprattutto alla famiglia Spada di #CasaPound di fare un banchetto in centro così come a #Carpi è stato concesso al comitato di affari manghenello/aspersorio di #ForzaNuova di fare altrettanto.

Il prefetto è responsabile diretto di questa situazione perché nonostante le richieste, stavolta (miracolo!!) anche da parte della giunta comunale, di non concedere il permesso ha imposto l’autorizzazione ai banchetti dei fascisti.

D’altro canto IL PD È COMPLICE a livello locale come nazionale di questa situazione perché in tutti questi anni (come ben documentato dai Wu Ming in diverse loro inchieste) nei migliori dei casi non è mai andato oltre una opposizione di facciata che ha per esempio permesso a Terra dei Padri di continuare ad esistere. Nei peggiori e più frequenti dei casi invece il PD è stato complice e connivente concedendo sale, autorizzazioni, agibilità facendo finta di nulla al punto da permettere a Forza Nuova di consegnare con una buona dose di sarcasmo a diversi esponenti del PD la tessera onoraria della propria organizzazione neofascista per il loro fascistissimo operato.

Sappiamo che si sta parlando nella Giunta di Modena di far approvare al consiglio comunale una delibera (come già altre approvate negli scorsi mesi in diversi comuni) che vincoli l’autorizzazione ad avere banchetti e/o cortei all’accettazione ed al riconoscimento da parte dei richiedenti dei valori della Costituzione. Tale delibera può avere un senso e un efficacia se e solo se vieta esplicitamente e A PRESCINDERE a tutte quelle organizzazioni che già sono state riconosciute anche da sentenze passate in giudicato come fasciste ed alle loro sigle di copertura, come per esempio Terra dei Padri appunto, qualsiasi tipo di agibilità. In caso contrario una tale delibera non sarebbe altro che una foglia di fico facilmente aggirabile dai fascisti utile solo al PD che, vista la campagna elettorale, vuole maldestramente tentare di rifarsi una verginità antifascista. Inoltre tale delibera non può essere un cavallo di troia usato strumentale a pretesto, come pare si voglia invece fare a Firenze, per mettere in discussione il diritto di manifestare alle organizzazioni di sinistra, comuniste, anarchiche ecc. Sappiamo bene che la logica degli “opposti estremismi” è da sempre funzionale al capitale per reprimere non i loro gendarmi e utili idioti fascisti ma chi lotta per cambiare il mondo e liberare gli sfruttati dal sistema capitalista.

In ogni caso il problema non è solo locale ma è innanzitutto e soprattutto nazionale. Per questo la prima ed essenziale rivendicazione di tutti gli antifascisti non può essere che una soltanto:

AL BANDO TUTTE LE ORGANIZZAZIONI NEOFASCISTE!

Per questo lo ribadiamo

VENERDÌ 15 DICEMBRE, ORE 20 Largo Porta Bologna
TUTTI IN PIAZZA CONTRO I FASCISTI!

 

Articoli correlati

Pavia: i fascisti aggrediscono ma i compagni si difendono

A Pavia nella notte tra venerdì 14 e sabato 15 luglio, il capo provinciale di CasaPound, Lorenzo Cafarchio, ha prima insultato e poi attaccato con un pugno il responsabile di Sinistra Classe Rivoluzione a Pavia, il nostro compagno Mauro Vanetti.

A chi piace il reazionario Orban?

Nell’attuale crisi umanitaria dei migranti, è balzata agli onori della cronaca l’Ungheria di Viktor Orban, per il ruolo che si è trovata ad assumere e per il modo disumano e

Modena – L’antifascismo non si processa!

Oggi, 22 settembre, il tribunale di Modena ha condannato i nostri compagni Matteo Parlati (operaio, delegato Fiom-Cgil in Ferrari) e Matteo Pirazzoli (studente universitario), assieme a due attivisti del centro sociale “Guernica”.

Sul corteo del 25 aprile a Roma

Ancora una volta alla vigilia del 25 Aprile si è aperta da parte della Comunità Ebraica di Roma, sostenuta dal sindaco 5 stelle Raggi e dal Pd, una polemica strumentale

Unione Europea – Turchia: l’accordo della vergogna

Il 19 marzo è stato firmato l’accordo sui rifugiati tra Turchia ed Unione Europea che, nelle speranze della borghesia europea, dovrebbe avere l’effetto di ridurre l’afflusso dei migranti, appaltando di fatti la gestione dei rifugiati e richiedenti asilo all’autoritario stato turco.

L’Italia, oggi. Un paese di emigrati.

Il fenomeno dell’immigrazione è uno dei temi più discussi negli ultimi anni. Di fronte ai drammi di questi mesi e alle campagne xenofobe che vengono portate avanti, abbiamo sentito più