2 Ottobre 2020

Modena – Le lotte operaie non si processano!

Sabato 3 ottobre saremo in piazza a Modena alla manifestazione nazionale convocata dal Si-Cobas contro la repressione e la criminalizzazione di importanti lotte operaie scoppiate negli ultimi anni nella nostra provincia. Mentre invitiamo tutti a partecipare, questo è il testo del volantino che diffonderemo.

Quasi 500 procedimenti penali contro lavoratori e sindacalisti del SI-Cobas, oltre a fogli di via, cariche, lacrimogeni, fermi in Questura e un’irruzione poliziesca nella sede di Modena del SI-Cobas : questo è il modo col quale l’apparato statale ha cercato di intimidire non solo le lotte di un settore combattivo della classe ma anche, preventivamente, tutti quelli che vivono del proprio salario e faticano sempre di più ad arrivare alla fine del mese.

Culmine di questa offensiva è stata la vertenza Italpizza. I lavoratori hanno scioperato e lottato contro la sete di profitto della proprietà, che ha gonfiato i suoi guadagni licenziando e riassumendo centinaia di lavoratori col contratto del settore multiservizi anziché degli alimentaristi ; contro la loro mobilitazione è stata dispiegata una repressione durissima, con ben 120 denunciati, che ha beneficiato del silenzio o dell’aperto sostegno di tutte le principali forze politiche della città, a partire dal PD.

Vuoi lottare per rivendicare diritti, salario e dignità ? Aspettati cariche della polizia, denunce e perquisizioni delle sedi sindacali. Questo è il linguaggio e la strategia dei padroni. Il nuovo presidente nazionale di Confindustria, Bonomi, ne è un interprete fedele : il capo del padronato italiano vuole accrescere i profitti della sua classe imponendo turni di lavoro massacranti, precarietà e salari di miseria ai lavoratori.

Per lottare contro la repressione giudiziaria che si sta scatenando ora contro il SI-Cobas è necessaria la massima unità delle forze politiche e sindacali del movimento operaio. Rivendichiamo l’archiviazione di tutti i procedimenti intentati contro le lotte sindacali.

Il crollo dell’economia italiana è senza precedenti.

La classe lavoratrice può trovare i mezzi per difendersi da questa catastrofe incombente solo prendendo in mano in prima persona la difesa dell’occupazione e delle condizioni di lavoro. Se in marzo sono stati gli scioperi spontanei a costringere i padroni e il governo alla chiusura, almeno parziale, per salvaguardare la vita e la salute di milioni di persone, nei prossimi mesi sarà indispensabile mobilitarsi con ancora maggior forza e determinazione. Ogni impresa che chiude o licenzia deve essere posta sotto il controllo dei lavoratori e se necessario espropriata e posta sotto la gestione dei lavoratori.

Dagli Stati Uniti all’Algeria, dal Cile alla Thailandia, in decine di paesi le masse sono scese in lotta contro le ingiustizie ed i disastri creati da questo sistema economico condannato dalla storia. Prepariamoci a fare la nostra parte anche in Italia.

Se toccano uno, toccano tutti !

Lavoratori di tutti i paesi, uniamoci !

Articoli correlati

Monfalcone – Non chiamatela fatalità, chiamatela strage!

Un altra vittima del profitto, un altro operaio morto sul lavoro.
Questa mattina ai cantieri di Monfalcone un giovanissimo operaio di 19 anni è rimasto schiacciato da un blocco di cemento di 700 kg. Immediato lo sciopero di tutte le maestranze del cantiere.

A proposito della lotta all’outlet di Serravalle Scrivia

C’è un luogo dove la vertenza contro la liberalizzazione degli orari è salita alla ribalta nazionale e i lavoratori hanno preteso a gran voce dai sindacati che per Pasqua lo sciopero fosse uno sciopero vero. Questo posto è l’outlet di Serravalle Scrivia, un immenso centro commerciale, il più grande d’Europa con 2.500 dipendenti di proprietà di una multinazionale americana.

Poclain (Modena): gli operai alzano la testa!

Da oltre una settimana, alla Poclain di Gaggio in Piano, nella provincia di Modena, gli oltre cento lavoratori sono in lotta per il rinnovo del contratto aziendale, scaduto da tre anni nei quali è stato valido un ormai lunghissimo accordo ‘ponte’.

Whirlpool Napoli: fermiamo la chiusura con una lotta generalizzata!

Nell’incontro tenuto il 29 gennaio con governo e sindacati la Whirlpool ha stabilito che il 31 ottobre andrà via da Napoli. L’amministratore delegato ha ribadito che il sito napoletano non è economicamente sostenibile.

Dopo Pasqua, un test e si torna in fabbrica! La fame di profitto dei padroni a Bologna

La regione Emilia Romagna ha deciso di avviare una strategia di campionamento della popolazione a cui sottoporre il test sierologico in modo tale da permettere la graduale riapertura delle attività economiche. L’impazienza dei padroni per una celere riapertura è palese.

Bologna – RCM: a pagare deve essere il padrone, non i lavoratori

Il volantino che distribuiremo oggi al presidio dei lavoratori Rcm, azienda a rischio di chiusura di Monteveglio (Bo).