2 Ottobre 2020 Sinistra classe rivoluzione Modena

Modena – Le lotte operaie non si processano!

Sabato 3 ottobre saremo in piazza a Modena alla manifestazione nazionale convocata dal Si-Cobas contro la repressione e la criminalizzazione di importanti lotte operaie scoppiate negli ultimi anni nella nostra provincia. Mentre invitiamo tutti a partecipare, questo è il testo del volantino che diffonderemo.

Quasi 500 procedimenti penali contro lavoratori e sindacalisti del SI-Cobas, oltre a fogli di via, cariche, lacrimogeni, fermi in Questura e un’irruzione poliziesca nella sede di Modena del SI-Cobas : questo è il modo col quale l’apparato statale ha cercato di intimidire non solo le lotte di un settore combattivo della classe ma anche, preventivamente, tutti quelli che vivono del proprio salario e faticano sempre di più ad arrivare alla fine del mese.

Culmine di questa offensiva è stata la vertenza Italpizza. I lavoratori hanno scioperato e lottato contro la sete di profitto della proprietà, che ha gonfiato i suoi guadagni licenziando e riassumendo centinaia di lavoratori col contratto del settore multiservizi anziché degli alimentaristi ; contro la loro mobilitazione è stata dispiegata una repressione durissima, con ben 120 denunciati, che ha beneficiato del silenzio o dell’aperto sostegno di tutte le principali forze politiche della città, a partire dal PD.

Vuoi lottare per rivendicare diritti, salario e dignità ? Aspettati cariche della polizia, denunce e perquisizioni delle sedi sindacali. Questo è il linguaggio e la strategia dei padroni. Il nuovo presidente nazionale di Confindustria, Bonomi, ne è un interprete fedele : il capo del padronato italiano vuole accrescere i profitti della sua classe imponendo turni di lavoro massacranti, precarietà e salari di miseria ai lavoratori.

Per lottare contro la repressione giudiziaria che si sta scatenando ora contro il SI-Cobas è necessaria la massima unità delle forze politiche e sindacali del movimento operaio. Rivendichiamo l’archiviazione di tutti i procedimenti intentati contro le lotte sindacali.

Il crollo dell’economia italiana è senza precedenti.

La classe lavoratrice può trovare i mezzi per difendersi da questa catastrofe incombente solo prendendo in mano in prima persona la difesa dell’occupazione e delle condizioni di lavoro. Se in marzo sono stati gli scioperi spontanei a costringere i padroni e il governo alla chiusura, almeno parziale, per salvaguardare la vita e la salute di milioni di persone, nei prossimi mesi sarà indispensabile mobilitarsi con ancora maggior forza e determinazione. Ogni impresa che chiude o licenzia deve essere posta sotto il controllo dei lavoratori e se necessario espropriata e posta sotto la gestione dei lavoratori.

Dagli Stati Uniti all’Algeria, dal Cile alla Thailandia, in decine di paesi le masse sono scese in lotta contro le ingiustizie ed i disastri creati da questo sistema economico condannato dalla storia. Prepariamoci a fare la nostra parte anche in Italia.

Se toccano uno, toccano tutti !

Lavoratori di tutti i paesi, uniamoci !

Articoli correlati

Corrispondenze Operaie

Almaviva – L’appello dei lavoratori per uno sciopero nazionale

Riceviamo e pubblichiamo l’appello dei lavoratori Almaviva per uno sciopero nazionale a Roma di tutti i siti in concomitanza con l’incontro al ministero. Il 5 maggio i lavoratori Almaviva hanno

Corrispondenze Operaie

BOLOGNA – “Non siamo carne da macello” Intervista a Gianplacido Ottaviano, Rsu Bonfiglioli

Gianplacido Ottaviano, RSU della Bonfiglioli riduttori di Calderara di Reno (Bo) è stato intervistato da Radio Città Fujiko, un’emittente locale, durante lo sciopero effettuato oggi in protesta contro i provvedimenti discriminatori presenti nel decreto di ieri del governo Conte.

Corrispondenze Operaie

Amazon, si sciopera in tutta Europa… E in Italia?

Il 17 luglio c’è stato lo sciopero europeo di Amazon nel giorno del Prime day, Spagna, Germania, Polonia si sono fermate.

Corrispondenze Operaie

Carpi (Mo) – La Goldoni va nazionalizzata! La Goldoni è dei lavoratori e della collettività!

Il testo del volantino che stiamo distribuendo ai cancelli della Goldoni, fabbrica metalmeccanica a rischio chiusura con 210 posti di lavoro in pericolo.

Corrispondenze Operaie

Michelin: senza gerarchie? I miti della rivista “Internazionale”

I miti dell’organizzazione del lavoro delle multinazionali e la cruda realtà. Un nostro lettore ci scrive.

Corrispondenze Operaie

La lotta alla Castelfrigo: il buono, il brutto e il cattivo

La fine di questa orgogliosa lotta contro l’inferno del settore carni e delle (false) cooperative, portata avanti coraggiosamente da lavoratori doppiamente sfruttati, in quanto prevalentemente immigrati, non è ancora arrivata. Ma deve esserci una svolta immediata. L’immensa esperienza accumulata alla Castelfrigo non può andare dispersa!