Milano, 1 dicembre – Manifestazione contro i CPR: il nostro volantino

No ai lager per gli immigrati!

I Cpr (Centri di permanenza per il rimpatrio) sono prigioni in cui gli immigrati sono detenuti senza aver commesso reati. A Milano il governo vuole aprirene uno in Via Corelli, dove un tempo c’era il Cie (Centro di Identificazione ed Espulsione) chiuso per le condizioni invivibili in cui erano costretti gli immigrati. Con il decreto sicurezza sempre più immigrati vengono cacciati nella clandestinità, e chi alza la testa viene colpito. Oggi gli immigrati, domani le lotte degli studenti e dei lavoratori.
Certo non possiamo affidarci a “giunte illuminate” come quella di Sala, che dicono di non volere il Cpr in via Corelli (perché, da un’altra parte va bene?) e con i governi del Pd hanno votato leggi anti-immigrati che non hanno nulla da invidiare al governo giallo-verde.
Combattere questo governo significa contrastare anche chi come il PD ha spalancato la strada a personaggi come Salvini con leggi anti-immigrati come la Turco-napolitano Minniti.

Scendi in piazza con noi!

Manifestazione regionale contro i CPR e il decreto Salvini
Sabato 1 dicembre h 14:30 piazzale Piola (MM2 Piola)

Leggi il nostro volantino:

Articoli correlati

Il 25 APRILE
 nelle lotte di ieri e di domani

È questo il vero contenuto del 25 aprile e, per quanti sforzi facciano, è impossibile cancellare dalla coscienza popolare il significato della festa della Liberazione: il ricordo di chi ieri lottò contro il fascismo, il nazismo e contro la borghesia che li aveva messi al potere è da sempre un incoraggiamento per chi lotta oggi contro questo sistema.

L’Italia, oggi. Un paese di emigrati.

Il fenomeno dell’immigrazione è uno dei temi più discussi negli ultimi anni. Di fronte ai drammi di questi mesi e alle campagne xenofobe che vengono portate avanti, abbiamo sentito più

Pavia: i fascisti aggrediscono ma i compagni si difendono

A Pavia nella notte tra venerdì 14 e sabato 15 luglio, il capo provinciale di CasaPound, Lorenzo Cafarchio, ha prima insultato e poi attaccato con un pugno il responsabile di Sinistra Classe Rivoluzione a Pavia, il nostro compagno Mauro Vanetti.

Trieste, il 25 aprile torna antifascista

Quattrocento persone alla cerimonia ufficiale, 2000 alla contromanifestazione: sono questi i numeri del 25 Aprile di Trieste che segnalano una netta cesura col passato. La festa della Liberazione del capoluogo Giuliano infatti era soprattutto una cerimonia funebre, ma quest’anno qualcosa è cambiato.

Ius soli – La cittadinanza spetta a tutti

Il decreto sullo ius soli non supera l’esistenza di persone di serie A e di serie B in base alla loro provenienza e non abbatte quegli steccati tra persone che, nonostante siano nate in luoghi diversi, continuano a subire la stessa oppressione e lo stesso sfruttamento.

Aggressione fascista a Crema!

Lunedì notte, tra l’una e mezza e le due, a Ombriano, quartiere di Crema, c’è stata un’aggressione fascista.