21 Giugno 2020

Messico – Susana Prieto Terrazas libera subito! Solidarietà con il movimento 20/32

Susana Prieto è avvocato del lavoro e attivista di spicco nel movimento operaio delle maquiladoras di Matamoros (Tamaulipas) e Ciudad Juárez (Chihuahua), entrambi situati nel nord del Messico, al confine con gli Stati Uniti . È stata arrestata per ordine del governo statale di Tamaulipas.

Nel gennaio 2019, una delle più importanti lotte dei lavoratori negli ultimi anni è scoppiata in Messico. Migliaia di lavoratori nelle maquiladoras di Matamoros hanno rivendicato un aumento salariale del 20% e un bonus economico di 32.000 pesos, a seguito di un annuncio del governo di Andrés Manuel López Obrador, che si era impegnato ad aumentare il salario minimo. Gli operai della regione hanno preso sul serio questo decreto e hanno lottato per le loro richieste attraverso scioperi e manifestazioni.

La nostra solidarietà da Milano

Il movimento è divenuto rapidamente una minaccia per i capitalisti, il governo dello stato di Tamaulipas e i sindacati gialli corrotti affiliati alla Confederazione dei lavoratori messicani allineata con il Partito rivoluzionario istituzionale (di destra). Questa ondata di scioperi è culminata nella creazione del Movimento 20/32 e del Sindicato Nacional Independiente de Trabajadores de Industrias y Servicios – (SNITIS), che nel corso del 2019 ha intrapreso una lunga lotta per introdurre contratti collettivi vincolanti in questi settori.

Quando è iniziata la pandemia di COVID-19, la SNITIS ha chiesto la chiusura delle fabbriche e il pagamento dei salari al 100% durante il blocco. Ha anche lanciato una campagna molto attiva per denunciare il costo umano causato del coronavirus in questi settori.

A seguito delle pressioni delle forze dell’imperialismo, alcune di queste fabbriche sono state riaperte il primo giugno. Le maquilas nel nord del Messico sono collegate alle catene di approvvigionamento di grandi società statunitensi. La SNITIS ha cercato di organizzare delle manifestazioni per protestare contro questa decisione, che mette i lavoratori a rischio di contagio.

Susana Prieto Terrazas ha svolto un ruolo chiave in questa campagna. Ha sostenuto gli scioperi del 2019, ha guidato la creazione del nuovo sindacato e ha guidato la campagna per denunciare l’impatto di COVID-19 nelle fabbriche e contro la decisione di tornare al lavoro. Ciò fece arrabbiare i capitalisti locali, il governatore dello stato e la burocrazia dei sindacati gialli.

L’8 giugno è stata arrestata. È accusata di sedizione, minacce e intimidazione nei confronti dei funzionari statali. Ma sappiamo che questi non sono i veri motivi del suo arresto. Sono già state organizzate tutta una serie di proteste per chiedere la sua liberazione e il 21 giugno chiediamo una giornata internazionale di azione.

Invia video e foto di solidarietà con gli slogan: Libertà per Susana Prieto Terrazas! Solidarietà con il movimento operaio 20/32 di Matamoros (Tamaulipas)! [¡Libertad para Susana Prieto Terrazas! y ¡Solidaridad con el movimiento obrero 20/32 de Matamoros (Tamaulipas)!]

Si prega di inviare le e-mail a [email protected]

Articoli correlati

Messico: la lotta esplosiva degli studenti del Politecnico!

Un nuovo movimento di protesta è iniziato, in maniera esplosiva, presso il Politecnico Nazionale (IPN) di Città del Messico. Il 14 aprile si sono svolte tre manifestazioni per un totale di circa quindicimila studenti e lavoratori in piazza.

Messico – Solidarietà a Fanny Arriaga!

Questo è un appello a tutte le organizzazioni nazionali ed internazionali, ai lavoratori e i giovani del mondo, affinchè spediscano la seguente risoluzione alle autorità messicane di solidarietà alla compagna Stephanie Arriaga (Fanny) e alla sua famiglia, che in questo momento sono vittime di estorsione e minacciati di morte

Repressione poliziesca a Città del Messico – Feriti milianti della Tmi

Il 26 agosto, al termine della manifestazione a sostegno dei 43 studenti di  Ayotzinapa desaparecidos per responsabilità dello stato 11 mesi fa, la polizia di Città del Messico ha attaccato

Messico: vota e lotta contro la destra e il capitalismo

Domenica primo luglio sono in programma le elezioni più importanti nella storia recente del paese. Dopo 30 anni di politiche brutali contro lavoratori, giovani, donne e poveri, si è creata in Messico una situazione che potrebbe diventare esplosiva.

Messico – Il governo di AMLO: tra la crisi del capitalismo, le pressioni imperialiste e una politica riformista

A un anno dal suo insediamento, il ruolo dell’imperialismo americano, una possibile crisi economica internazionale, la dipendenza del paese rispetto all’economia mondiale, le lotte dei lavoratori, le politiche riformiste del governo, la critica senza freni da parte della destra e dell’ultra sinistra, sono parte degli avvenimenti che stanno segnando il mandato di AMLO.

Messico – La classe dominante minaccia il governo di López Obrador

Il governo di sinistra di Andrés Manuel López Obrador cerca di coniugare gli interessi e le aspirazioni delle masse che l’hanno portato al potere con le esigenze della borghesia. Nonostante i tentativi di placare la classe dominante, questa non si fida di AMLO e vuole rovesciare il suo governo.