21 Gennaio 2019

“Maternità agile” – Ipocrita regalo ai padroni!

Nella manovra economica 2019 è stata approvata dalla Commissione bilancio alla Camera una misura voluta dalla Lega sul congedo di maternità, il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro che spetta alle donne durante la gravidanza e il puerperio.

Se l’emendamento ottenesse l’approvazione del Parlamento, le donne potrebbero restare al lavoro fino al nono mese ed utilizzare i 5 mesi a disposizione dopo il parto. A valutare il loro stato di salute sarebbe un medico, come si trattasse di un comune raffreddore.

Questo congedo viene proposto in alternativa all’attuale, che prevede la sospensione obbligatoria dal lavoro due mesi prima del parto e nei tre successivi, oppure un mese prima e nei quattro successivi.

È chiaramente fuorviante pensare che potrà trattarsi di una libera scelta offerta alle donne. Non sarà sicuramente la valutazione del medico a condizionare la decisione ultima della lavoratrice di andare o meno a lavorare fino al nono mese di gravidanza, specie se neoassunta, dipendente di un’azienda in crisi o piccola, spesso priva di tutele.

Sono all’ordine del giorno le denunce di tantissime lavoratrici che subiscono vessazioni e discriminazioni per il semplice fatto di aspettare un figlio. La donna per i padroni diventa meno produttiva ed è spesso messa nelle condizioni di subire pressioni talmente forti da renderle impossibile conciliare la maternità con il lavoro, fino a costringerla alle dimissioni.

I casi di “mobbing post partum”, secondo l’Osservatorio nazionale mobbing, sono in continua ascesa: 4 donne su 10 sono state costrette a dare le dimissioni tra il 2013 ed il 2015: “Si tratta di lavoratrici che arrivano da realtà piccole o piccolissime, dove spesso il sindacato non è presente”, conferma il Centro Donna della Camera del Lavoro di Milano. Se si pensa che in Italia le piccole imprese (con meno di 50 addetti) rappresentano il 99,4% dell’intera struttura produttiva nazionale, è facile intuire che si tratta, a tutti gli effetti, dell’ennesima concessione data dal governo giallo-verde ai padroni per rendere le donne ancora più ricattabili.

Lo scopo è quello di minare la sacrosanta libertà, che spetta a ciascun individuo, di poter scegliere come conciliare la propria vita privata con quella lavorativa. Questo governo continua, in tal senso, a deludere le aspettative di quanti pensavano in un riscatto sociale. Basti pensare al famigerato Ddl Pillon, o al pesante attacco alla legge 104. L’obiettivo, ancora una volta, resta puntato verso quei lavoratori più fragili e ricattabili.

Dietro l’infelice definizione di maternità “agile” con questo emendamento l’unica agilità ce l’avranno le imprese nel gestire la vita delle neomamme lavoratrici!

La già abbondante raccolta di dati e statistiche dimostra a sufficienza che è l’ora di dire basta! L’unica possibilità che abbiamo è quella di mobilitarci contro questo governo per mantenere e piuttosto aumentare i nostri diritti come mamme, come lavoratrici e donne. Iniziative di lotta vanno promosse e sostenute dal sindacato, a partire dai luoghi di lavoro e dalle singole vertenze, affinché la lotta per i diritti delle donne diventi anche la lotta per i diritti di tutti i lavoratori.

Articoli correlati

Non una di meno, un bilancio critico dell’Assemblea nazionale del 22-23 aprile

Nel fine settimana del 22-23 aprile si è tenuta a Roma l’assemblea nazionale della rete Non una di meno, la terza dopo le due precedenti di Roma (27 novembre) e Bologna (4-5 febbraio) e la prima dopo la giornata di lotta internazionale dell’8 marzo che in Italia, come in decine di altri paesi in tutto il mondo, ha visto mobilitarsi migliaia di donne.

Contro la violenza sulle donne, per un’alternativa rivoluzionaria!

L’8 marzo 2017 non sarà un 8 marzo come tutti gli altri. Viviamo in un sistema che non è più in grado nemmeno di far finta di garantire condizioni di vita decenti alla maggioranza della popolazione e questo si riflette in modo particolarmente odioso soprattutto sulle donne, ma da qualche mese a questa parte in decine di paesi in tutto il mondo abbiamo visto centinaia di migliaia di donne esprimere tutta la loro rabbia contro il sistema, scendendo in piazza per lottare per la difesa dei propri diritti.

Crema: successo dell’assemblea “Nel 2016 la donna è libera?”

In un periodo di acceso dibattito sui diritti civili, l’assemblea si è trovata a discutere del tema dei diritti, mai facili concessioni, ma sempre frutto di dure battaglie, di movimenti di massa e delle lotte della classe operaia, nella quale, non senza contrasti, le donne hanno spesso rappresentato la componente più sfruttata, ma anche quella più generosa e determinata nella lotta.

Spagna – Sentenza della “Manada ”: manifestazioni di massa contro la giustizia patriarcale e di classe

La sentenza sul caso della “Manada” ha riempito le strade di tutta la Spagna di rabbia e indignazione. Il tribunale ha assolto gli imputati dall’accusa di “aggressione sessuale” condannandoli a 9 anni di prigione per abusi sessuali ma in assenza di violenza e intimidazione.

23 novembre – Donne ancora in piazza!

Il 23 novembre scenderemo nuovamente in piazza a Roma per la manifestazione nazionale “Siamo rivolta”, contro la violenza di genere. Che ci sia la necessità di mobilitarsi contro l’oppressione e le discriminazioni contro le donne ce lo ricorda ogni giorno la cronaca, in Italia e nel mondo.

Per un 8 marzo di lotta – Non è che l’inizio!

Saremo nelle piazze di tutta Italia per lottare insieme a tutte le donne, ai lavoratori, ai giovani presenti. Partiamo da quella giornata per costruire una mobilitazione più generale contro tutti gli attacchi del governo e di tutte le forze oscurantiste del nostro paese. La lotta per i diritti delle donne, la lotta per l’uguaglianza, è una lotta per la liberazione di tutta l’umanità!