Maserati (Modena): nuvole all’orizzonte, è tempo di agire!

Dal primo gennaio 2017 a Modena non si produrranno più vetture Maserati. È quanto emerso nell’incontro delle delegazioni sindacali con i vertici di Fca.  Questi signori hanno  anche ribadito che Modena diventerà il centro di progettazione ingegneristico del gruppo. Infatti, già negli ultimi due anni sono state circa 600 le assunzioni tra  impiegati, ingegneri e quadri. Il quadro generale lascia presagire il continuo abbandono del ciclo produttivo e il lento “snellimento” dell’organico operaio.
Attualmente, in Maserati ci sono circa 300 operai e 800 impiegati ma l’azienda ha annunciato un piano di 120 esuberi, di cui 15 impiegati. I  lavoratori in esubero verranno trasferiti in altre sedi – tra cui la vicina Ferrari – su base volontaria.

È da notare che la struttura di quest’azienda  ha avuto un lento e  radicale cambiamento. Nel 2008 – anno dei licenziamenti dei 115 interinali, ed anche del nostro compagno Eugenio – si contavano circa 500 operai e 250 impiegati e si producevano 50 vetture Maserati al giorno. Già nel 2014, però, la produzione di vetture cadeva sulle 19 unità giornaliere, per poi passare alle 15 unità del 2015 e infine alle 10 previste nel 2016.

Attualmente, nello stabilimento modenese si produce anche l’Alfa 4c – che  rimarrà in produzione per almeno altri tre anni – che necessita però, per unità, la metà del tempo rispetto alle ore lavorate per produrre una vettura Maserati. Questo determina che per produrre una Alfa 4c ci vogliono meno operai che per produrre una vettura Maserati.
Il ricorso alla cassa integrazione, già in atto, sarà sempre più massiccio e l’anno 2017 sarà ancora più duro per i lavoratori, conti alla mano. Di fronte a questa situazione, la maggioranza dei lavoratori è  ancora in una  fase embrionale della presa di coscienza. Certamente,  i trasferimenti offrono a molti una ghiotta possibilità di avvicinarsi verso la loro terra d’origine, la maggior parte dei dipendenti Maserati di Modena proviene  dal sud. Infatti, le sedi in cui scegliere dove essere collocati sarebbero quattro: la Sevel di Val di Sangro, la Power Train di Termoli, la SATA di Melfi ed infine Cassino dove si produrrà la Nuova Alfa Giulia.

Risulta chiaro che  l’azienda s’è presa tutto  il tempo per pianificare la gestione di tali eccedenze di personale.

Tuttavia, le mancate prospettive industriali dello stabilimento modenese rimangono. Un nuovo modello da allocare, ad oggi, non esiste e la sola produzione dell’Alfa 4c non è sufficiente a garantire il futuro dei circa 180 operai che restano.
E’ proprio tempo questi ultimi inizino a prendere coscienza dello scenario oscuro li attende e capire che  iniziare ad organizzarsi e lottare per avere un nuovo modello da produrre nello stabilimento  di Modena è l’unica strada percorribile.

 

Articoli correlati

Corrispondenze Operaie

La lotta vittoriosa dei facchini in Motovario

I 18 facchini dipendenti della cooperativa Mt Service addetti alla logistica nella ditta metalmeccanica Motovario (440 dipendenti e tra i leader mondiali nella produzione di riduttori) dopo un giorno e

Corrispondenze Operaie

Viadana: la lotta dei facchini del gruppo Saviola

Il 17 maggio ha avuto inizio una lotta del tutto inedita e importante per Viadana, un piccolo territorio nella provincia mantovana: i facchini impiegati alla Composad sono scesi in sciopero con presidio permanente davanti ai cancelli, la rivendicazione è il mantenimento delle loro condizioni di lavoro.

Corrispondenze Operaie

La STM di Agrate Brianza non chiude, mentre il virus uccide

Il Coronavirus miete vittime anche tra i lavoratori!
Sono tre i lavoratori metalmeccanici scomparsi in questi giorni per complicazioni da covid-19 tra Milano e la Brianza, uno all’Engie, uno alla Rcs Thales di Gorgonzola e infine un lavoratore della ST Microelectronics di Agrate Brianza.

Corrispondenze Operaie

Proges – Come perdere una lotta senza sparare un colpo

Quando una cooperativa perde un appalto in favore di un’altra, quella subentrante è obbligata per legge all’assunzione dei lavoratori che sono impiegati in quel cantiere alle stesse condizioni a cui

Corrispondenze Operaie

Bologna – RCM: a pagare deve essere il padrone, non i lavoratori

Il volantino che distribuiremo oggi al presidio dei lavoratori Rcm, azienda a rischio di chiusura di Monteveglio (Bo).

Corrispondenze Operaie

MODENA – Gli operai non sono “carne da macello”, e nemmeno criminali!

Anche a Modena, come nel resto d’Italia, nelle fabbriche e nei magazzini cresce la rabbia operaia contro la mancanza di sicurezza sui luoghi di lavoro. In questo contesto, è gravissimo che all’Emiliana Serbatoi di Campogalliano, durante uno sciopero per rivendicare condizioni minime di sicurezza, la polizia sia intervenuta in anti-sommossa, portando in Questura il coordinatore provinciale del Si-Cobas, Enrico Semprini, ed altri sette lavoratori di quell’azienda.