marxismo.net si rinnova!

Ecco il nuovo sito marxismo.net! Screenshot - 19102015 - 22:11:06
Accanto a rivoluzione.red, legato al quindicinale Rivoluzione, Sinistra Classe Rivoluzione si è dotata di un secondo sito, rinnovando il vecchio dominio marxismo.net.

Il nuovo marxismo.net, oltre ad accogliere i testi della rivista Falcemartello, approfondirà questioni di teoria marxista, metterà a disposizione testi classici ma offrirà anche un’analisi dei principali avvenimenti della nostra epoca sulla base delle armi teoriche del marxismo.

Articoli correlati

Il nostro movimento

Un programma per l’alternativa rivoluzionaria

Rendiamo disponibile in formato Pdf il programma approvato dal nostro movimento nella conferenza nazionale tenutasi nel dicembre 2014.

Il nostro movimento

25 aprile e Primo maggio: dove puoi trovare Sinistra classe rivoluzione

Il 25 aprile e il Primo maggio Sinistra classe rivoluzione scende in piazza! Ecco le città dove potrai trovare i nostri sostenitori, discutere con noi, acquistare il nostro materiale o

Il nostro movimento

Grande successo della prima conferenza nazionale dei lavoratori di Sinistra classe rivoluzione

Preceduta da una ventina di conferenze locali, alla presenza di un centinaio di delegati provenienti da tutta Italia, si è svolta a Reggio Emilia il 13 e 14 febbraio la prima conferenza nazionale dei lavoratori di Sinistra Classe Rivoluzione.

Il nostro movimento

Unisciti a Sinistra classe rivoluzione!

L’epidemia ha fatto esplodere le contraddizioni del capitalismo. Questo sistema ha mostrato il suo volto reale e non ha più nulla da offrire. E’ il momento di cominciare una militanza politica rivoluzionaria. Unisciti alla lotta, unisciti a Sinistra Classe Rivoluzione!

Il nostro movimento

Ciao, compagno Giuseppe

Stanotte ci ha lasciato il compagno Giuseppe Gullone. Giuseppe era nato a Molochio, un piccolo paese calabrese 65 anni fa. Nato in una famiglia operaia aveva conosciuto l’emigrazione a cui

Chi siamo

Chi siamo e che cosa vogliamo

Il marxismo ha pienamente confermato la sua validità come unica teoria capace di spiegare la crisi del capitalismo nella quale siamo immersi. Nessuna delle teorie economiche provenienti dalla classe dominante ha saputo dare una analisi coerente delle cause della crisi, né tantomeno indicare una via d’uscita.