28 Luglio 2015

Logistica: il contratto nazionale è dei lavoratori.

Anche se la crisi non accenna a diminuire, il settore del trasporto merci e della logistica anche quest’anno “tiene” (crescendo fra l’1 e il 3%) grazie ad un recupero di produttività avvenuto attraverso la “razionalizzazione e l’efficientamento del sistema logistico” (Confetra 2015) che in altre parole significa: aumento dello sfruttamento dei lavoratori del settore, in particolare degli operai, magazzinieri e autisti. In questo contesto a fine dicembre scade il contratto nazionale. I sindacati confederali hanno presentato il 30 giugno una bozza di piattaforma unitaria per il suo rinnovo. Fare questo, con gli attuali rapporti di forza a nostro sfavore – in cui i contratti non si rinnovano o si rinnovano a perdere – è stato un atto di grande “coraggio”.
Ma il coraggio se non è supportato da determinazione, scelte politiche forti, da un programma decente, e soprattuto dal protagonismo e dal coinvolgimento dei lavoratori, servirà a ben poco. Questo è ciò che abbiamo detto alle segreterie nazionali confederali negli incontri nazionali organizzati seppure privi degli spazi e dei tempi adeguati per condividere con i lavoratori la piattaforma.  Anche noi lavoratori e delegati diretti ed indiretti del mondo Ups abbiamo dato il nostro contributo e l’abbiamo espresso con proposte di modifica e rivendicazioni chiare. Abbiamo rivendicato maggiore democrazia quindi più assemblee e su questo le direzioni nazionali  hanno raccolto il nostro invito ad animare le assemblee anche dopo il 30 giugno. A questo si aggiunge un’altra richiesta: l’inserimento nella delegazione trattante di una rappresentanza di lavoratori scelti dalle assemblee. Tutte le sigle sindacali hanno posto il veto delegando alle strutture territoriali la costituzione di coordinamenti di delegati per il seguito della vertenza. 
Gli altri punti li potete trovare sul sito trasportiinlotta.it nella sezione “Contratto nazionale”.
Quello che invece ha fatto molto discutere sono stati due punti:
• lo sfaldamento del fronte delle controparti con l’abbandono delle associazioni delle piccole imprese e delle cooperative dal Ccnl. Un evento che mina fortemente la futura trattativa. Di tutto questo quello che il gruppo dirigente non comprende è che questi non sono incidenti né sintomi di schizofrenia padronale ma il consolidamento di una prassi ventennale per ottenere ulteriori “deroghe” contrattuali. All’inseguimento del feticcio del contratto unico, si è retto un sistema di deroghe e concessioni che ci ha impoverito ed indebolito in questi decenni. Noi abbiamo detto: Sì al contratto unico ma con regole uguali e migliori per tutti i lavoratori del settore.
• l’inspiegabile fatto che altri sindacati non confederali e non firmatari del contratto si battono per l’applicazione dello stesso e in alcuni casi lo migliorano, mentre le nostre confederazioni, firmatarie di Ccnl, sottoscrivono accordi in deroga. Una contraddizione che si spiega solo con la crisi dei sindacati e della loro rappresentatività, frutto della burocratizzazione e dell’adattamento alle condizioni esistenti. Sarà sempre così? Noi crediamo no. Sicuramente continueremo questo lavoro per rendere i lavoratori protagonisti e non comparse.

Articoli correlati

I lavoratori hanno bisogno di un partito!

Il ribaltone dal governo giallo-verde al Conte bis ha messo in luce una volta di più l’assenza di una forza politica che rappresenti gli interessi della classe lavoratrice. Nel rumoroso concerto di accuse e controaccuse che tutti si sono scagliati addosso, mancava una voce che esprimesse il punto di vista dei lavoratori.

Pubblico Impiego e Scuola: Un’attesa di 7 anni per un piatto di lenticchie

Per Statali, lavoratori della Sanità, delle Autonomie Locali e della Scuola, dopo 7 anni, un accordo tra Governo e Cgil Cisl Uil garantisce la bellezza di 85 euro lordi! Eppure un paio d’anni fa la Cgil aveva stimato una perdita di circa 3000 euro l’anno pari all’incirca a 250-300 euro mensili odierne. Non un centesimo di “risarcimento” per le lavoratrici e i lavoratori dopo un’assenza del rinnovo contrattuale per così tanto tempo.

Un appello di delegate e delegati – CORONAVIRUS, i lavoratori non sono carne da macello!

Siamo nel pieno dell’emergenza coronavirus. Le disposizioni del governo obbligano a restare a casa: una necessità per fermare la diffusione del contagio.
Ma questo non vale per tutti. Milioni di lavoratori sono costretti a recarsi a lavorare.

Domeniche lavorative in Esselunga, dalla padella alla brace!

Il 22 gennaio del 2016, presso l’hotel NH di Bologna, Esselunga, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil, hanno siglato una ipotesi di accordo sulla programmazione del lavoro domenicale.

Lunedì 30 marzo – Assemblea nazionale dell’appello “I lavoratori non sono carne da macello”

Questa sera alle 19 è in programma l’assemblea nazionale dei firmatari dell’appello “I lavoratori non sono carne da macello”. Sarà possibile seguire l’assemblea sia su Zoom che su Youtube

Basta salari da fame! Un libro da discutere

Basta salari da fame! di Marta e Simone Fana ha il merito di mettere il dito nella piaga di una questione salariale ormai esplosiva. L’obiettivo politico è esplicito: sostenere la battaglia per l’introduzione in Italia di un salario minimo legale, che gli autori propongono sia fissato a 10 euro l’ora.