14 Giugno 2022 Jorge Martin (da marxist.com)

L’imperialismo occidentale esprime pessimismo rispetto all’Ucraina

Sono passati più di 100 giorni dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, e non si intravede la fine della guerra. Le dichiarazioni entusiastiche dell’Occidente dopo il ritiro della Russia dalle aree occupate intorno a Kiev, Sumy, Chernihiv e Kharkiv si sono trasformate in valutazioni più pessimistiche. Le forze russe, grazie a un’artiglieria superiore, stanno avanzando nel Donbass, lentamente, ma implacabilmente. Le perdite ucraine stanno aumentando. La Russia ha mantenuto le sue entrate da petrolio e gas, nonostante le sanzioni dell’Occidente, i cui effetti a catena minacciano di spingere l’economia mondiale verso una nuova e dannosa recessione.

La guerra ha attraversato due fasi distinte. Nella prima, la Russia ha lanciato un’operazione combinata su più fronti, a nord, a sud e a est, con un dispiegamento rapido di forze e l’accerchiamento di città chiave dell’Ucraina. L’obiettivo di questa tattica d’urto non era tanto quello di conquistare la capitale, quanto piuttosto di innescare il collasso della catena di comando e costringere alla resa il governo ucraino. Il tentativo è fallito.

La resistenza ucraina è stata più tenace del previsto e l’accesso all’intelligence occidentale ha permesso alle forze ucraine di prepararsi e difendersi da alcuni degli attacchi russi, ad esempio all’aeroporto di Hostomel. Le forze russe, le cui linee di rifornimento erano sovraccariche, si sono impantanate nelle tattiche di guerriglia di piccole unità rispetto alle quali l’esercito ucraino si era addestrato.

Alla fine di marzo e all’inizio di aprile, ciò ha portato a un cambiamento di tattica da parte dell’esercito russo. L’esercito russo si è ritirato dalle aree conquistate a nord e ha trasferito le proprie forze a est, pur lasciando una piccola presenza nella regione di confine a nord di Kharkiv. L’obiettivo era ora quello di conquistare il Donbass (fino ai confini amministrativi degli oblast di Luhansk e Donetsk) e consolidare le conquiste a Kherson e Zaporizhzhia.

 

La guerra per procura dell’imperialismo statunitense

Il governo ucraino e l’Occidente hanno cantato vittoria. “I russi sono stati sconfitti”, hanno proclamato. Dato che avevano previsto che l’Ucraina sarebbe crollata nei primi giorni di guerra, le forze speciali britanniche e francesi avevano sviluppato piani concreti per fare uscire Zelenskij dal paese, come Washington aveva consigliato di fare a sua volta. Ora l’imperialismo statunitense ha ridefinito i suoi obiettivi nella guerra. Si tratta, ora affermano apertamente, di una guerra per procura condotta per indebolire in modo decisivo la Russia. Gli Stati Uniti hanno iniziato a inviare miliardi di dollari di equipaggiamenti e aiuti e hanno incoraggiato i loro alleati a fare altrettanto.

Ma le cose non sono andate secondo i piani. È passato più di un mese da quando gli Stati Uniti hanno approvato una legge da 40 miliardi di dollari per armare l’Ucraina. Gli obici M777 da 155 mm di fabbricazione statunitense sono stati dispiegati sul campo di battaglia per un mese, insieme ad altri pezzi di artiglieria, aerei senza pilota, ecc. eppure non hanno avuto un impatto significativo sul corso della guerra. La superiorità russa per quanto riguarda l’artiglieria è ancora schiacciante. La guerra nel Donbass non sta andando bene. La Russia sta vincendo.

Per prima cosa abbiamo assistito alla resa di Azovstal, l’enorme acciaieria in cui si erano rintanati i resti del reggimento neonazista Azov (parte della Guardia nazionale ucraina) insieme ad alcune truppe dei marines ucraini. Nonostante avessero dichiarato più volte che non lo avrebbero mai fatto, dopo diverse settimane di assedio e senza accesso a nuovi rifornimenti, si sono effettivamente arresi, anche se i media occidentali e ucraini hanno cercato di presentarla come una “evacuazione”. Un'”evacuazione” direttamente nei campi di prigionia russi! Più di duemila soldati fanatici e agguerriti sono stati eliminati dall’equazione. Questo è stato un colpo psicologico, che la campagna mediatica di dissimulazione riguardo alla resa ha cercato di attenuare.

I soldati ucraini escono da Azovstal e si arrendono

La caduta di Azovstal ha liberato truppe russe per rafforzare l’avanzata nel Donbass. I russi hanno conquistato due località chiave. Uno era la piccola città di Popasna, a Luhansk, che si trova su un’altura, dando loro un punto da cui procedere verso la cruciale strada Bakhmut-Lysychansk. L’obiettivo era quello di circondare l’agglomerato urbano di Lysychansk-Severodonetsk, che se fosse stato preso avrebbe dato loro il controllo completo dei confini amministrativi di Luhansk. L’altro era Izyum, un punto di comunicazione cruciale sulla strada verso Slavyansk e Kramatorsk, due centri urbani chiave di Donetsk.

Un tentativo di accerchiamento completo attraverso l’attraversamento del fiume Siverskyi Donetsk è stato tuttavia sconfitto, con l’esercito ucraino che ha distrutto un gran numero di veicoli blindati e ponti di barche. Ma questo non ha fermato l’avanzata russa. La battaglia per Severodonetsk continua, ma i russi hanno il controllo della maggior parte della città.

Dopo essere state fermate nella loro avanzata a sud di Izyum, le forze russe hanno concentrato i loro sforzi sulla conquista di Lyman, un altro importante centro di comunicazione a nord-est di Slavyansk (che, per inciso, è stata la prima città a essere conquistata dai ribelli filorussi nel 2014).

Nel frattempo, i tentativi di contrattacco dell’esercito ucraino, a nord di Kharkiv (Ternova, Rubizhne, Staryi Saltiv), sulla linea del fronte a Kherson (Davydiv Brid) e più recentemente nella foresta a ovest di Izyum, sembrano essere stati respinti dai russi. L’obiettivo di questi attacchi sembra essere stato quello di allontanare le truppe russe dal teatro principale delle operazioni, piuttosto che respingerle con decisione.

 

“Siamo solo pedine”

Il tono della leadership ucraina e degli imperialisti occidentali è cambiato notevolmente. Sono state diffuse notizie sul morale basso delle truppe ucraine. Le forze di difesa territoriale ucraine – coloro che si sono arruolati nei primi giorni dell’invasione per difendere il loro Paese, ma soprattutto le loro case e le loro famiglie – sono particolarmente colpiti. Sentono di essere mandati al fronte come carne da cannone, senza addestramento né equipaggiamento adeguato, per morire in una guerra che non possono vincere. Diversi plotoni hanno registrato e trasmesso video di protesta. Alcuni hanno lasciato completamente il fronte.

The Economist descrive così la situazione: “Se le notizie appaiono tristi per entrambe le parti, sono peggiori per l’Ucraina. I soldati che rientrano parlano di un comando nel caos e di munizioni esaurite. Giovani soldati inesperti provenienti da unità di volontari vengono inviati al fronte per sostituire i compagni caduti”.

The Independent ha citato un rapporto dell’intelligence occidentale-ucraina che dipinge un quadro desolante:

“Le truppe ucraine stanno subendo perdite massicce in quanto sono soverchiate dalle forze russe con un rapporto di 20 a 1 per l’artiglieria e di 40 a 1 per le munizioni… Un rapporto di funzionari dell’intelligence ucraina e occidentale rivela anche che gli ucraini stanno affrontando enormi difficoltà a rispondere ai bombardamenti russi con la loro artiglieria limitata a un raggio di 25 chilometri, mentre il nemico può colpire da 12 volte più lontano”. Per la prima volta dall’inizio della guerra, si teme la diserzione. Il rapporto, visionato dall’Independent, afferma che il peggioramento della situazione nel Donbass, con un centinaio di soldati uccisi al giorno, sta avendo “un effetto gravemente demoralizzante sulle forze ucraine, nonché un effetto materiale molto reale; i casi di diserzione aumentano ogni settimana”.

L’avanzata russa in Donabass

Le ultime cifre fornite dal consigliere presidenziale Podolyak parlano di 200 soldati ucraini uccisi al giorno. Nikita, un soldato ucraino, è stato citato in un articolo della CBC mentre inveisce contro i suoi superiori:

“Dovete capire che ci sono due caste in questo Paese”, ha detto. “C’è la casta superiore e poi ci siamo noi: la casta inferiore. Siamo solo pedine. Niente di più. La casta superiore prende i soldi e noi riceviamo il comando: “Avanti!”. “È così che ha sempre funzionato qui [in Ucraina]”, ha detto, prima di sottolineare che non si aspetta che qualcuno gli creda.

“Nessuno qui vuole sentire la verità”, ha detto Nikita. “Vogliono solo ascoltare la bella storia di come l’Ucraina è unita. Ma qui siamo fottuti”.

Il contrasto con la propaganda ufficiale è stato notato anche da alcuni giornalisti ucraini che non possono essere accusati di avere simpatie filorusse. Commentando le dichiarazioni trionfalistiche del governatore di Luhansk Haidai, il giornalista Yuiy Butusov è esploso:

“In guerra bisogna ingannare il nemico, non i propri cittadini. In questo caso, la società ucraina deve ricevere informazioni vicine alla realtà, abbiamo bisogno di vittorie reali, non fittizie. Il rischio dell’autoinganno in guerra è che le false montature e le dichiarazioni ottimistiche ingiustificate guidino le unità, le persone e prendano decisioni che non si adattano alla situazione. Smettetela con questi giochi di parole, non dovete farlo… I messaggi regolari fatti di desideri invece che di realtà sono fonte di preoccupazione. Per ottenere vere vittorie, non bisogna creare castelli in aria”.

L’Ucraina chiede quindi di più ai suoi alleati occidentali: più carri armati, più munizioni. Il consigliere del capo dell’Ufficio del Presidente, Mykhailo Podolyak ha pubblicato un tweet – alla vigilia di una nuova riunione dei ministri della NATO il 15 giugno a Bruxelles – con richieste molto specifiche

  • 1.000 obici da 155 mm;
  • 300 lanciarazzi multipli MLRS;
  • 500 carri armati;
  • 2.000 veicoli blindati;
  • 1.000 droni.

È improbabile che ottenga anche solo una parte di ciò che chiede. Molti Paesi europei hanno solo una parte della quantità di MLRS richiesta (Germania 38, Francia 13, Regno Unito 44), e se gli Stati Uniti ne inviassero 300 all’Ucraina, sarebbe un quarto della loro disponibilità totale! Per quanto riguarda i carri armati, ad esempio, l’esercito britannico ne ha 227 in totale, la Germania ne ha 226 e così via.

Inoltre, molti di questi sistemi d’armamento avanzati richiedono settimane, se non mesi, di addestramento, non solo per gli operatori di artiglieria, ma anche per tutto l’esercito che deve essere in grado di operare con essi.

L’umore a Washington è sempre più pessimista. Il portavoce dell’imperialismo statunitense, il Washington Post, ha pubblicato il titolo: “L’Ucraina sta esaurendo le munizioni mentre le prospettive di vittoria sul campo di battaglia si affievoliscono. Le speranze che l’Ucraina sia in grado di fermare l’avanzata russa stanno svanendo di fronte alla potenza di fuoco superiore”. Naturalmente, alcune di queste dichiarazioni devono essere prese con cautela, in quanto sono state concepite anche per esercitare pressioni sui governi affinché forniscano più armi, ma in generale corrispondono alla situazione sul campo. La Russia sta avanzando e le forniture occidentali di artiglieria e altre armi non stanno avendo un impatto decisivo. A questo punto, anche alcuni strateghi imperialisti occidentali potrebbero chiedersi se valga la pena continuare a buttare miliardi di dollari in equipaggiamenti in una guerra che non ritengono possa essere vinta.

 

Una guerra sempre più costosa

Mentre la guerra si trascina con i progressi russi costanti, l’impatto sull’economia mondiale pesa molto nei calcoli dell’imperialismo statunitense e spinge un crescente cuneo tra Washington e alcuni dei suoi alleati europei (Francia e Germania, ma anche Italia). Le pressioni per trovare una via d’uscita da questa guerra sempre più costosa stanno crescendo. L’Italia ha proposto un piano di pace. Macron ha ribadito che “Putin non può essere umiliato”. Le perplessità della classe dominante tedesca sull’intera situazione sono molto serie, nonostante l’atteggiamento fanatico del ministro degli Esteri, appartenente ai verdi

Secondo la Reuters: “Fonti governative tedesche hanno anche detto di essere preoccupate che alcuni in Occidente possano spingere l’Ucraina a perseguire obiettivi militari irrealistici, tra cui la riconquista della penisola di Crimea annessa dalla Russia nel 2014, che potrebbero prolungare il conflitto”.

Gli Stati Uniti sono stretti tra diverse pressioni. Da un lato, vedono l’opportunità di assestare un colpo alla Russia, usando i soldati ucraini come carne da cannone per i loro obiettivi. Ma dall’altro lato, sono limitati nel tipo e nella portata dell’artiglieria che possono fornire a Kiev dal timore di provocare ritorsioni da parte della Russia (che, dopo tutto, è una potenza nucleare). Così abbiamo assistito a settimane di tentennamenti sulla consegna dei sistemi missilistici di artiglieria ad alta mobilità. Prima sono stati promessi, poi non sono stati consegnati, infine verranno consegnati, ma solo quattro, e solo con munizioni di una portata limitata. La Russia ha minacciato che se il suo territorio verrà colpito, lo considererà un atto di aggressione diretta e si vendicherà “contro i centri decisionali che non si trovano a Kiev”.

Nel frattempo, le sanzioni non hanno avuto l’effetto desiderato e di certo non hanno fatto cambiare rotta a Putin sull’Ucraina. “La Russia sta vincendo la guerra economica”, ha dichiarato Larry Elliot sul Guardian. La campagna di sanzioni occidentali contro la Russia ha sicuramente avuto un effetto negativo sulla sua economia, che si prevede diminuirà dell’8,5% quest’anno. Ma poiché il prezzo del petrolio e del gas è salito di conseguenza, le entrate della Russia derivanti dalle esportazioni di energia sono in realtà aumentate!

La Reuters ha riferito che: “La Russia potrebbe ora ottenere maggiori entrate dai suoi combustibili fossili rispetto prima dell’invasione dell’Ucraina, poiché gli aumenti dei prezzi globali compensano l’impatto degli sforzi occidentali per limitare le sue vendite, ha detto ai deputati Usa l’inviato degli Stati Uniti per la sicurezza energetica Amos Hochstein”.

Anche l’adesione alla NATO di Finlandia e Svezia, tanto strombazzata, sembra essere in fase di stallo, poiché Erdogan in Turchia usa la leva del potere di veto per ottenere concessioni sostanziali. In pratica vuole che la Svezia lo aiuti a perseguire i suoi oppositori politici, che elimini il divieto di vendita di armi alla Turchia (perché sì, la neutrale e pacifica Svezia è un importante esportatore di armi), che la NATO abbandoni il sostegno ai curdi siriani e forse che gli Stati Uniti gli permettano di acquistare i caccia F-35 (che gli Stati Uniti hanno bloccato dopo che la Turchia ha acquistato il sistema di difesa antiaerea russo S-400).

In queste condizioni, naturalmente la Russia non è ancora intenzionata a tornare al tavolo dei negoziati e sta compiendo passi preparatori per incorporare nella Federazione Russa vera e propria le Repubbliche di Donetsk e Luhansk (dove ha imposto un cambio ai vertici), così come Kherson e Zhaporizhzhia. Ciò significherebbe che in futuro qualsiasi attacco alla sua presenza in loco sarebbe un attacco alla Russia, il che dovrebbe fungere da potente deterrente. La base di ogni futuro negoziato non sarà più il ritorno allo status quo ante dei confini precedenti al 24 febbraio, ma piuttosto la situazione attuale sul campo.

Considerando la riluttanza e le difficoltà crescenti dell’intervento occidentale, ciò significa che dopo che i russi avranno completato la presa di controllo completa di Donetsk e Luhansk, che può richiedere settimane o addirittura mesi, saranno pronti a tornare ai colloqui e ai negoziati, sia sotto forma di accordo di pace che di cessate il fuoco. Zelenskij spera che, ritardando l’avanzata dei russi abbastanza a lungo, l’Occidente possa consegnare più artiglieria e armi, il che darebbe all’Ucraina la base per una controffensiva, ora o nel medio termine.

Tuttavia, man mano che le perdite al fronte iniziano ad aumentare, Zelensky dovrà affrontare una crescente opposizione in patria, di cui già si intravede l’inizio.

La guerra è un’equazione algebrica complicata. Da un lato, abbiamo Putin e le ambizioni imperialistiche regionali della Russia. Una volta che si è imbarcato in questa guerra, non può fermarsi senza aver raggiunto alcuni o la maggior parte dei suoi obiettivi. Un’Ucraina indebolita e fuori dalla NATO è il suo obiettivo principale, e ora calcola di poterlo raggiungere con la distruzione inflitta dalla guerra e tagliando il Paese fuori dal Mar Nero. Allo stesso tempo, ciò darebbe alla Russia un corridoio terrestre a protezione della Crimea, sede della sua flotta del Mar Nero. Allo stesso modo, a seconda dell’andamento dell’attuale fase della guerra, potrebbe decidere di perseguire i suoi obiettivi spostandosi verso Mykolaiv e Odessa, completando il ponte terrestre verso la Transnistria e consolidando il controllo completo sulla costa ucraina del Mar Nero.

Dall’altro lato, abbiamo l’imperialismo statunitense, la forza più potente del pianeta, ma che ha subito un declino relativo ed è sfidato dalla potenza crescente della Cina. Non può permettersi di essere sconfitto dalla Russia. Sarebbe un’ulteriore umiliazione e indebolirebbe la sua reputazione a livello globale.

Nel mezzo c’è l’Ucraina, il teatro della guerra, il Paese che subisce le vittime civili e militari e la distruzione delle infrastrutture in questo conflitto tra potenze imperialiste. Dal 2014 è stata governata da una serie di governi oligarchici reazionari che hanno stretto un legame importante con l’imperialismo occidentale. Ciò non ha impedito l’invasione russa e l’Occidente non ha nemmeno concesso loro l’adesione all’UE. Prima o poi ci sarà una rivolta contro questa strategia.

 

Dalla guerra imperialista alla guerra di classe

Infine, c’è un altro elemento nell’equazione, che generalmente non viene preso in considerazione dagli strateghi militari o dai commentatori borghesi: la lotta di classe. Anche le opinioni della classe operaia sono un fattore. Le conseguenze economiche della guerra e delle sanzioni stanno già preparando un’ondata di combattività a livello di lotte sindacali nei Paesi a capitalismo avanzato, mentre i lavoratori lottano per recuperare e mantenere il potere d’acquisto dei loro salari di fronte a un’inflazione fuori controllo. Questo minerà la capacità dei governi europei e statunitensi di portare avanti questa guerra per procura contro la Russia.

Nei Paesi capitalisti più poveri e arretrati, l’impatto è ancora maggiore e sta già portando a esplosioni sociali che possono assumere proporzioni insurrezionali. Ciò destabilizzerà ulteriormente le relazioni mondiali. Nella stessa Russia, una volta dissipata la nebbia della guerra (come prima o poi dovrà accadere), i lavoratori regoleranno i conti con il proprio governo capitalista reazionario e le sue manie di grandezza imperiali di tipo zarista. Questo potrebbe richiedere un po’ più di tempo. Finché la Russia sembrerà vincere, l’opinione pubblica manterrà un appoggio.

La guerra è spesso l’ostetrica della rivoluzione. In effetti, l’unico vero modo per porre fine alla guerra è proprio la rivoluzione socialista. Dobbiamo capire che la guerra è il risultato inevitabile dell’imperialismo capitalista e che si può porre fine solo rovesciando l’intero edificio marcio del sistema capitalista.

Articoli correlati

Ucraina

La guerra in Ucraina – Un’analisi marxista

La prima vittima della guerra è la verità. Questo è vero anche per ciò che riguarda l’intervento militare russo in Ucraina. I marxisti devono essere in grado di aprirsi un

Russia

Russia – Le masse in piazza

Grandi proteste sono scoppiate in Russia lo scorso 23 gennaio in risposta all’arresto dell’oppositore Alexei Navalny da parte del regime di Putin. Non nutrendo alcuna illusione nei liberali come Navalny, i nostri compagni russi sono intervenuti in queste proteste contro la repressione politica dei gangster di Putin (che colpiranno più duramente la classe operaia e i movimenti socialisti), difendendo una posizione marxista rivoluzionaria.

Germania

Ucraina e Germania: contro il militarismo, il riarmo e l’aggressione imperialista!

La classe capitalista tedesca e il suo governo stanno cogliendo l’occasione della guerra d’aggressione della Russia contro l’Ucraina per favorire il loro programma militarista e imperialista. I marxisti tedeschi di Der Funke smascherano la nauseante ipocrisia e la sete di guerra della classe dominante del loro Paese e fanno appello a combattere la piaga della guerra con la solidarietà internazionale. La classe dominante tedesca, potenza dominante dell’Ue e braccio destro a disposizione dell’imperialismo Usa per mezzo della Nato, ha giocato un ruolo centrale nella preparazione e nell’escalation di questo conflitto di lunga data in Ucraina.

Ucraina

Come l’imperialismo occidentale ha preparato il terreno per il conflitto in Ucraina

Mentre l’esercito russo continua a bombardare le città dell’Ucraina, la stampa e i politici occidentali stanno facendo tutto il possibile per nascondere il ruolo dell’imperialismo occidentale in questo disastro. L’Occidente non è affatto neutrale ma ha provocato il conflitto per le proprie ragioni imperialiste.

Gran Bretagna

Gran Bretagna: “Il ruggito del topo” – Theresa May cerca lo scontro con la Russia

C’è un vecchio film interpretato da Peter Sellers, chiamato Il ruggito del topo, in cui viene descritta una situazione comica in cui una piccola e insignificante nazione europea dichiara guerra agli Stati Uniti per ottenere aiuti. In base a una peculiare serie di circostanze, vincono. La sceneggiatura di questa divertente produzione ricorda in modo sorprendente gli eventi degli ultimi giorni in Gran Bretagna.

Russia

Russia: una frode generalizzata cancella la crescita elettorale del Partito comunista

Si sono svolte le elezioni parlamentari in Russia. Come avevamo previsto, sono state completamente truccate dal regime. Proprio quando sembrava che il Partito Comunista (PCFR) avesse ricevuto la maggioranza dei voti reali, le autorità hanno prodotto, letteralmente da un giorno all’altro, il risultato di cui avevano bisogno. Questo atto spudorato di riscrittura totale dei risultati delle elezioni non farà altro che provocare una rabbia crescente nella società.