11 Marzo 2017

Lenin e Trotskij: dopo il Febbraio ci sarà un’altra rivoluzione

Quando lo zar viene rovesciato (13 marzo), Lenin è in esilio in Svizzera; Trotskij, espulso dalla Francia su pressioni dell’ambasciata zarista, è a New York.

Mentre a Pietrogrado si consolida il meccanismo del “dualismo di potere” e della collaborazione di classe, Lenin dalla Svizzera si sforza con ogni mezzo di fare arrivare al suo partito le proprie indicazioni. Ne nascono le sei “lettere da lontano” del marzo 1917.

I nodi sono: quale atteggiamento verso il governo, verso la guerra e quali compiti per il proletariato che ha condotto la rivoluzione ma ne ha già perso la guida?

Il 19 marzo Lenin anticipa con un telegramma la propria linea:

Lenin (con ombrello e bombetta) a Stoccolma, tappa del suo ritorno in Russia

Nostra tattica: completa sfiducia, nessun appoggio nuovo governo, sospettiamo soprattutto Kerensky, armamento proletariato unica garanzia, elezioni immediate Duma pietrogradese, nessun avvicinamento altri partiti. Telegrafate questo Pietrogrado. Ulianov”.

Sul governo e la guerra scrive il giorno seguente:

Il governo borghese degli ottobristi (monarchici costituzionali – ndr) e dei cadetti (liberali), che vuol condurre ‘fino in fondo’ la guerra imperialistica e che è di fatto un commesso della ditta finanziaria ‘Inghilterra e Francia’, è costretto a promettere al popolo il massimo delle libertà e concessioni compatibili con la conservazione del suo potere sul popolo e con la possibilità di continuare il massacro imperialistico.

Il soviet dei deputati operai è (…) l’embrione di un governo operaio (…). La lotta fra queste forze (…) segna il passaggio dalla prima alla seconda fase della rivoluzione.”

Scrive Trotskij da New York:

“‘Il governo dello zar non c’è più’, dicono al popolo i Miljukov e i Gučkov, ‘ora dovete versare il vostro sangue per gli interessi comuni di tutta la nazione’.” (…) La transizione da un imperialismo dinastico e della nobiltà a un imperialismo di natura puramente borghese non potrà mai riconciliare il proletariato russo con la guerra.”

Un conflitto aperto tra le forze della rivoluzione capeggiate dal proletariato delle città e la borghesia liberale anti-rivoluzionaria che si trova temporaneamente alla testa del governo diventa sempre più imminente. Non può essere evitato. (…) nessuno è mai riuscito a rimuovere i contrasti sociali con giochi di parole.”

La questione agraria aprirà una profonda breccia nell’attuale blocco tra nobili, borghesi e socialpatrioti (…) il proletariato rivoluzionario svilupperà il programma della rivoluzione agraria in tutta la sua ampiezza (…).”

Il carattere dell’Assemblea costituente dipenderà in larga misura da chi la convocherà. È quindi evidente che fin da subito il proletariato rivoluzionario dovrà costruire i propri organi, i Consigli dei deputati operai e contadini, contro gli organi esecutivi del governo provvisorio. (…) per la conquista del potere statale.”

Lenin: “Il proletariato ha due alleati: (…) la grande massa dei semiproletari e, in parte, dei piccoli contadini, che ammonta a decine di milioni e comprende la stragrande maggioranza della popolazione. (…) Il secondo (…) è il proletariato di tutti i paesi belligeranti e di tutti i paesi in generale.”

La rivoluzione ha ristabilito, dopo 14 anni, l’unità di vedute tra Lenin e Trotskij; apre invece il conflitto politico tra Lenin e i suoi stessi seguaci, che sarà l’evento decisivo del mese di aprile e della preparazione della seconda rivoluzione.

(3 – continua)

Articoli correlati

Le “giornate di luglio”

Il punto critico nel quale le speranze suscitate dalla prima rivoluzione si rivelano illusorie giunge a fine giugno 1917. Il governo provvisorio disattende tutte le promesse, in particolare sulla guerra che non solo non cessa, ma viene rilanciata da Kerenskij, ministro della guerra, con l’offensiva di fine giugno.

La battaglia di Lenin e le Tesi di aprile

La discussione che ha attraversato il partito bolscevico nell’aprile del 1917 svolse un ruolo decisivo nel corso degli avvenimenti che condussero alla Rivoluzione d’Ottobre.

La rivoluzione d’Ottobre e… chi la vuole imbalsamare

Sabato 4 novembre a Rovereto (Tn) il famoso filologo e storico Luciano Canfora ha presentato l’edizione aggiornata del suo libro “Pensare la rivoluzione russa”.

Alla vigilia dell’insurrezione

Alla fine dell’estate del 1917 l’alta marea riprende a spingere in avanti il partito bolscevico. Il tentativo di colpo di Stato del generale Kornilov, spazzato via in pochi giorni dalla mobilitazione delle masse, lascia scoperto anche il governo Kerenskij, le cui complicità col generale sono evidenti.

Menzogne, pure e semplici menzogne e Netflix – La diffamazione nei confronti di Lev Trotskij

Trotsky, una recente serie di Netflix prodotta dalla televisione di stato russa, è una scandalosa mistificazione sia della vita di Trotskij che della Rivoluzione d’Ottobre. Alan Woods e Josh Holroyd rispondono a questa offensiva rappresentazione di Trotskij e dell’eredità dei bolscevichi.

Ottobre 1917 – Nascita del potere sovietico

Cento anni dopo, calunniata e falsificata dalla borghesia e dai suoi intellettuali, sfigurata dalla degenerazione stalinista, la rivoluzione d’ottobre è ancora viva, spaventa ancora, è ancora considerata dalla classe dominante come il “peccato originale” del XX secolo. Nostro compito è riscoprirla, riscattare il suo vero contenuto di liberazione e di emancipazione, e studiarne attentamente le lezioni più che mai attuali per chiunque lotti contro questo sistema marcescente.