Le elezioni in Andalusia e Podemos

Il banco di prova per Podemos parte dalle elezioni regionali tenutesi in Andalusia lo scorso marzo. Podemos, seppur terza forza dopo il Psoe e il Pp, esce rafforzato da questo passaggio elettorale. Teresa Rodriguez, eurodeputata e leader regionale, prende il 15% dei consensi, ponendo su un terreno molto più concreto l’alternativa che da Podemos può porsi al marciume dei partiti tradizionali.
Il Psoe perde la maggioranza assoluta arrivando al 35%, il 4% in meno rispetto le ultime elezioni regionali del 2012, e anche il Pp, che allora prendeva il 40%, crolla al 26%, perdendo mezzo milione di voti. La causa sono le brutali politiche di austerità approvate da Rajoy negli ultimi anni.

Izquierda unida è quella che paga di più e il motivo è da imputarsi alla coalizione stretta con il Psoe negli ultimi tre anni. Il 6,9% è il peggior risultato della sua storia nella regione.

Le feroci misure anti-operaie approvate in Spagna sotto la spada di Damocle del-l’Unione europea hanno solo parzialmente smascherato i due principali partiti. Sotto questo punto di vista, il processo di degenerazione del Pasok in Grecia e la sua alleanza con Nuova democrazia in un governo di unità nazionale, rappresentano uno stadio che in Spagna deve ancora realizzarsi. Infatti, nonostante il ridimensionamento, il Psoe in Andalusia vince con un voto che è in primo luogo una condanna delle politiche di austerità del governo del Pp.

La forte crisi che dal 2008 colpisce la regione andalusa è un elemento che determina il successo di Podemos.

Dall’inizio della recessione in Andalusia si sono persi decine di migliaia di posti di lavoro e il tasso di disoccupazione del 35% è più alto del 10% rispetto a quello nazionale. Il tasso di disoccupazione giovanile tocca il 60% con picchi in alcune zone, come a Cadice, dove il 69% dei giovani non ha lavoro.

Il risultato di Podemos è frutto della crisi, ma sarebbe sbagliato pensare che sia dovuto esclusivamente ad essa. Il programma politico di Podemos fatto di riduzione della settimana di lavoro, diminuzione dell’età pensionabile e della necessità della ristrutturazione del debito è riuscito a connettersi con il sentimento di rabbia espresso dal popolo. In molti tuttavia si aspettavano un risultato ancora superiore. Se Podemos non l’ha raggiunto non è a causa di posizioni troppo radicali, bensì per le ambiguità e l’interclassismo che ancora ne pervadono l’impostazione politica.

Di fronte ad una crisi politica ed economica strutturale come l’attuale non è possibile, per il gruppo dirigente di Podemos, accontentarsi di raccogliere le briciole di un’eventuale redistribuzione. C’è invece la necessità di rompere i legami indissolubili tra l’economia e la grande borghesia agraria, finanziaria e industriale. Per questo motivo Podemos deve andare fino in fondo e non fare alcuna concessione di sorta al governo regionale che dovrà costituirsi.

Il risultato aggregato che raggiungono Podemos e Iu (22% in tutta la regione) è frutto della ricerca di un soggetto di rottura con il passato da parte di tanti giovani e lavoratori. L’Andalusia non è stato che il primo test: da qui fino al prossimo novembre, mese in cui ci saranno le elezioni nazionali, Podemos verrà messa alla prova più volte.

Articoli correlati

Internazionale

Il pallone sgonfiato – Un’analisi marxista del fallimento della Superlega

In poco più di 48 ore dal suo annuncio notturno, il progetto di Superlega promosso da dodici tra i più importanti club di calcio europei sembra essersi squagliato come neve al sole. I membri fondatori che secondo Andrea Agnelli, uno dei suoi principali propugnatori, avevano stretto “un patto di sangue”, hanno invece abbandonato la nave dopo la pioggia di critiche, probabilmente oltre le aspettative.

Internazionale

Aumentano le epurazioni dei gruppi di sinistra sui social media

La censura degli account social dei gruppi di sinistra continua, con Facebook che ha recentemente rimosso e messo limitazioni alle pagine anarchiche e antifasciste statunitensi. Questo è parte di uno schema che ha visto comportamenti simili da parte di altre piattaforme di social media. Queste purghe dimostrano da che parte stanno queste grandi multinazionali e perché dobbiamo lottare per il controllo e la proprietà pubblica dei social media.

Internazionale

Contagio, crisi e rivolte nei paesi ex coloniali

In questi mesi di pandemia sono circolate immagini drammatiche e rappresentative del fallimento di questo sistema nel garantire il diritto alla salute, soprattutto nei paesi ex coloniali, dove il dramma tocca il suo più alto picco e il sistema sanitario è già al collasso.

emergenza coronavirus

L’impotenza dell’OMS e le relazioni tra Cina e Stati Uniti

La crisi del COVID-19 sta mettendo in luce i limiti delle organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite e l’OMS, intrappolati tra gli interessi dell’imperialismo statunitense e cinese in competizione tra loro. Come un ombrello pieno di buchi, sono inutili proprio quando sarebbero più necessarie.

Internazionale

Il capitalismo prepara la miseria per miliardi di lavoratori

L’Organizzazione internazionale del Lavoro (ILO) prevede che 1,6 miliardi di lavoratori nel settore informale perderanno il 60% del loro reddito dopo un mese di crisi. Nei paesi più colpiti, il tasso di povertà fra i lavoratori informali aumenteranno dell’84%. Mentre la crisi morde, i lavoratori con un impiego precario dovranno affrontare un vero e proprio disastro.

Internazionale

Grecia – si sviluppa la trappola della borghesia internazionale

Negli ultimi mesi il governo di Syriza in Grecia non ha compiuto sostanziali passi avanti sulla strada delle riforme. Invece, i passi indietro e le concessioni alla Troika sono per