Le donne, prime vittime della barbarie capitalista

MESSICO – Secondo i dati dell’Instituto nacional de estadística y geografía (Inegi) dal 2005 al 2010 in Messico sono state uccise 9.385 donne, nel solo 2010 si registrano 6,4 presunti omicidi al giorno. Nello stesso studio emerge che tra il 2007 e il 2008 c’è stato un aumento del 32,5% dei femminicidi. Nello Stato di Chihuahua dove si stimano 32,8 presunti omicidi ogni 100mila donne, in Durango 10,7, Sinaloa 7,7. Città come Ciudad Juarez sono tristemente famose per le centinaia di donne sequestrate, torturate e uccise ogni anno, ma come emerge dai dati non si tratta di un caso isolato o specifico delle zone di confine.

Nonostante le cifre da bollettino di guerra, il governatore dello Stato del Messico Aruviel Avila non sembra preoccupato, infatti ha respinto tutte le richieste dell’Observatorio ciudadano nacional del feminicidio (Ocnf) di ottenere un incontro affermando che ci sono cose più importanti di cui occuparsi.

Negli ultimi anni sono state promulgate leggi dai titoli progressisti e rassicuranti come la “Ley de igualdad entre hombres y mujeres” del 2006 o come l’introduzione nel codice penale di sanzioni specifiche per i delitti di femminicidio. Tuttavia questa normativa non ha cambiato niente perché il più delle volte non viene applicata.

Le istituzioni che dovrebbero occuparsi dell’applicazione della legge sono corrotte, invischiate in un sistema di copertura reciproca tra militari, polizia, procure e narcotrafficanti.

Le vittime di violenza si trovano intrappolate tra la paura di scatenare ulteriori rappresaglie e la consapevolezza che lo Stato non dà loro alcuna garanzia di giustizia. è per questo che solo un caso di violenza su dieci viene denunciato, mentre il 95% dei casi di violenza resta impunito. Secondo la coordinatrice dell’Ocnf María de la Luz Estrada Mendoza, questi omicidi trasmettono il messaggio che chiunque può uccidere una donna senza doversi preoccupare delle conseguenze giudiziarie.

La violenza non è un carattere astratto o tanto meno genetico che ad un certo punto colpisce la popolazione, è il prodotto delle condizioni concrete di vita. In una società in cui non sono garantite l’istruzione, il lavoro, la salute, la casa, una parte della popolazione è costantemente soggiogata e questa è il terreno fertile in cui la criminalità può spadroneggiare.

Lo sviluppo dell’industria maquiladora ha avuto un impatto molto forte sulla vita delle donne (e degli uomini) in Messico. Fabbriche in cui si assumevano preferibilmente donne, giovani, non qualificate e con un salario di circa 4 dollari al giorno per 10 ore di lavoro.

La disoccupazione e la povertà fanno sì che ci sia un altissimo livello di ricattabilità: le dipendenti sanno che dietro di loro c’è un vero esercito disposto a prendere il loro posto di lavoro e i padroni hanno incensato un modello di lavoratrice dalle mani abili, mite, non interessata ai sindacati né a rivendicare qualche diritto.

Laddove la campagna ideologica non fosse sufficiente, interviene il terrore di poter essere assassinata per strada andando o tornando dal lavoro, senza che nessuno se ne accorga.

Secondo alcune interpretazioni il femminicidio è una conseguenza del machismo ofendido, un senso di vendetta contro l’integrazione delle donne nel processo produttivo e quindi la minaccia della loro indipendenza. Il machismo ofendido, così come il razzismo, è uno strumento per dividere la classe lavoratrice, creando delle rivalità inesistenti in cui far deragliare una rabbia che altrimenti si indirizzerebbe contro i veri
rivali di classe.

Nel corso degli anni anche gli uomini sono stati assunti nelle maquilladoras, soprattutto dopo il crack del 1994 quando la crisi economica del paese ha esecerbato le condizioni di povertà e disoccupazione. Se nel 1975 gli uomini nelle industrie erano il 12%, nel 2000 sono arrivati al 44% ma a patto di dimostrarsi miti, abili e disinteressati ai sindacati tanto quanto le loro compagne di lavoro.

Che siano donne, uomini, studenti non cambia niente per il cinismo della classe dominante: se uccidere migliaia di persone serve a rompere un fronte che minaccia i loro privilegi, che si faccia pure una strage.

Articoli correlati

Donne

“Qualcuna di meno”, la triste parabola di un movimento

All’indomani della manifestazione contro la violenza sulle donne del 26 novembre come compagne di sinistra classe rivoluzione siamo intervenute all’assemblea nazionale di non una di meno. Prima dell’inizio dell’assemblea il banchetto con il nostro materiale politico è stato chiuso con la forza da un gruppo di decine di dirigenti di non una di meno che hanno lanciato e calpestato il nostro materiale politico dichiarando apertamente di volerci negare la libertà di espressione delle nostre idee, cosa che è avvenuta anche all’interno dell’assemblea quando abbiamo rivendicato il diritto di spiegare l’accaduto e portare le nostre posizioni.

Donne

Lettera aperta alla rete “Non una di meno”

Siamo lavoratrici, studentesse, militanti politiche e sindacali, compagne che hanno partecipato al percorso di discussione e mobilitazione contro la violenza sulle donne che in Italia si è dispiegato tra la manifestazione di Roma del 26 novembre e la straordinaria giornata di lotta dell’8 marzo.

Donne

Riguardo alla manifestazione contro la violenza sulle donne a Roma

Siamo state alla manifestazione contro la violenza sulle donne a Roma con uno striscione che diceva: “Meloni Vattene! La nostra liberazione, Rivoluzione”.
Diversi giornali hanno parlato strumentalmente di slogan che non abbiamo mai pronunciato. Abbiamo così deciso di pubblicare gli slogan che abbiamo pronunciato in piazza.

Lotta al precariato

Per essere belle chi deve soffrire? – Una testimonianza sullo sfruttamento delle lavoratrici nel settore cosmetico

Dopo la crisi del 2008, il cremasco, zona settentrionale della provincia di Cremona, ha assistito al boom dell’industria cosmetica: dalla produzione, al packaging; dal riempimento, al confezionamento. Sul territorio coesistono tanto la grande multinazionale cosmetica che si occupa di tutti i vari processi produttivi, quanto la piccola azienda a gestione familiare che si occupa principalmente di confezionamento in conto terzi.

Donne

Gran Bretagna, il caso Sarah Everard – Basta con la violenza contro le donne! Basta con il capitalismo!

La scomparsa e l’omicidio di Sarah, fin dall’inizio delle ricerche, hanno provocato un’ondata di rabbia, e riacceso il dibattito sulla sicurezza delle donne nelle strade, la violenza di genere e i femminicidi, ma anche sulla brutalità e gli scandali della polizia.
Pubblichiamo la dichiarazione dei compagni di Socialist Appeal, la sezione britannica della Tendenza Marxista Internazionale

Donne

Donne, madri e lavoratrici: indietro non si torna! 

In vista del convegno “Libere di lottare!” del 6-7 marzo, cominciamo la pubblicazione di una serie di articoli sulla condizione femminile a cominciare da cosa voglia dire oggi in Italia essere madri e lavoratrici. Per partecipare al convegno registrati qui.