25 Marzo 2021 Marzia Ippolito

Le donne discutono, si organizzano, lottano! Bilancio del nostro convegno sulla condizione femminile

Le 432 registrazioni e i 400 partecipanti fanno del convegno marxista sulla condizione femminile “Libere di lottare”, tenuto online il 6 e 7 marzo, un indubbio successo. Nonostante le restrizioni imposte dalla pandemia la campagna di lancio di questa due giorni ha visto la nostra organizzazione impegnata in volantinaggi fuori da scuole, università, posti di lavoro, consultori e centri antiviolenza. In alcune città, come a Parma e Milano, sono state organizzate assemblee in preparazione; in altre, come a Napoli, assemblee di istituto nelle scuole; in altre ancora, è il caso di Roma ma non solo, abbiamo conosciuto diverse lavoratrici che si sono offerte di promuovere con noi l’evento.

L’adesione che abbiamo raccolto è inevitabilmente legata alla consapevolezza diffusa dell’esistenza di un’oppressione di genere che costringe le donne in ogni ambito sociale in una posizione di subalternità, approfondita con la pandemia, ma parte di una condizione strutturale. Per questo motivo la prima delle quattro sessioni del convegno si è concentrata sulle radici dell’oppressione femminile individuando nel rapporto tra l’emersione della società divisa in classi e la nascita della proprietà privata la ragione materiale dello sviluppo del patriarcato. Da questo punto di vista l’analisi che conduciamo parte dal prezioso contributo di Engels, L’origine della famiglia, della proprietà privata e dello Stato. Nel dibattito sono stati evidenziati i limiti principali che individuiamo nelle diverse correnti del femminismo, da quello liberale incarnato da Kamala Harris, a quello materialista, su cui rimandiamo al materiale a disposizione sul nostro sito.

Caratterizzando, in ultima analisi, l’oppressione di genere come il prodotto della divisione in classi nella società riteniamo che le discriminazioni di genere colpiscano in particolare le lavoratrici. La seconda sessione del convegno si è concentrata proprio sulla loro condizione: precarietà strutturale, differenziali salariali, discriminazioni. Contributi di analisi e testimonianze dirette hanno sottolineato come la pandemia abbia notevolmente esasperato una situazione di per sé già insostenibile. L’elemento comune tra tutti gli interventi è stato quello della necessità della lotta. Le tutele e i diritti conquistati in passato ci vengono oggi sottratti, dobbiamo dunque tornare ad organizzarci. Tra i diritti negati ci sono sicuramente quelli civili, la terza sessione del convegno ha approfondito questo aspetto. Partendo dai processi di lotta che hanno portato all’approvazione della legge 194 si è discusso della situazione dei consultori, delle campagne bigotte portate avanti dai movimenti pro-life, della libertà sessuale.

L’ultima sessione intitolata “Un mondo di donne in lotta” ha visto la partecipazione di compagne di altre sezioni della Tendenza marxista internazionale che hanno portato contributi significativi al dibattito descrivendo il trattamento feroce riservato alle donne in alcuni paesi come in Brasile, Messico e Pakistan, e inquadrando la battaglia che conduciamo per la liberazione della donna nella nostra più complessiva lotta rivoluzionaria contro il capitalismo. Sul nostro canale YouTube sono state caricate le registrazioni di questo meraviglioso convegno che ha rappresentato un momento importante di confronto e approfondimento. Ora è il tempo di far vivere queste idee, è il momento di organizzarsi!

 

 

Leggi anche:

Articoli correlati

Donne

Roma, 24 novembre – Tutte in piazza!

Il 24 novembre a Roma si terrà la manifestazione nazionale per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Da qualche anno questa giornata ha riacquistato connotati di un momento importante di mobilitazione e di lotta a livello internazionale. Anche quest’anno le motivazioni che ci vedranno in piazza sono tante.

Donne

Schiave d’Italia – Donne, caporali e sfruttamento disumano

Quando si parla di lavoro agricolo si pensa ad un’occupazione prevalentemente maschile. La realtà è tutt’altra. Le braccianti costituiscono un segmento significativo e certamente più sfruttato rispetto agli uomini. In particolare se ci riferiamo alle straniere, che sono in assoluto il settore più oppresso del proletariato di casa nostra.

Donne

Giù le mani dalla Casa Internazionale delle Donne!

Molti si chiedono come è possibile che un sindaco donna faccia chiudere un luogo di lotta e di simbolo per le donne: la risposta è semplice: Virginia Raggi non rappresenta tutta le donne e le vicende romane sono un’anticipazione di quello che sarà il futuro governo nazionale.

Donne

Per essere belle chi deve soffrire? – Una testimonianza sullo sfruttamento delle lavoratrici nel settore cosmetico

Dopo la crisi del 2008, il cremasco, zona settentrionale della provincia di Cremona, ha assistito al boom dell’industria cosmetica: dalla produzione, al packaging; dal riempimento, al confezionamento. Sul territorio coesistono tanto la grande multinazionale cosmetica che si occupa di tutti i vari processi produttivi, quanto la piccola azienda a gestione familiare che si occupa principalmente di confezionamento in conto terzi.

Donne

6-7 marzo 2021 – Libere di lottare! Convegno marxista sulla condizione femminile

Pubblichiamo la risoluzione votata nel congresso nazionale di Sinistra Classe Rivoluzione (dicembre 2020) sul nostro intervento fra le donne.

Donne

Non una di meno, un bilancio critico dell’Assemblea nazionale del 22-23 aprile

Nel fine settimana del 22-23 aprile si è tenuta a Roma l’assemblea nazionale della rete Non una di meno, la terza dopo le due precedenti di Roma (27 novembre) e Bologna (4-5 febbraio) e la prima dopo la giornata di lotta internazionale dell’8 marzo che in Italia, come in decine di altri paesi in tutto il mondo, ha visto mobilitarsi migliaia di donne.