14 Ottobre 2019

La TMI respinge le condanne di reclusione per i prigionieri politici catalani

Nove prigionieri politici catalani, detenuti in custodia cautelare da quasi due anni, sono stati condannati a lunghe pene detentive da 9 a 13 anni dalla Corte suprema spagnola per sedizione e malversazione di fondi pubblici. E quale sarebbe il loro “crimine”? L’organizzazione del referendum sull’indipendenza catalana del 1 ottobre 2017. Questa è una sentenza scandalosa e non democratica che rivela il marciume del regime spagnolo del 1978. La Tendenza marxista internazionale respinge queste sentenze scandalose e invita le forze del movimento operaio, socialiste e democratiche del mondo a mobilitarsi contro di esse con tutte le loro forze.

I prigionieri politici catalani sono stati assolti dall’accusa di ribellione, ma sono stati giudicati colpevoli del crimine di sedizione, che risale direttamente al codice penale dell’epoca franchista . Implica “sollevarsi pubblicamente e tumultuosamente per impedire, con la forza o al di fuori dei mezzi legali, l’applicazione della legge”. In Catalogna non c’è stato né “tumulto” né “uso della forza”. Ciò che è accaduto è stato un movimento di massa che è sceso in piazza in modo organizzato per esercitare il diritto democratico all’autodeterminazione. Lo stesso processo è stato pieno di irregolarità e arbitrarietà da parte dei giudici, che sono stati sempre aggressivi contro la difesa e sistematicamente non hanno ammesso le prove portate da quest’ultima.

Uno dei pilastri del regime spagnolo del 1978, nato da un marcio compromesso tra i dirigenti del movimento operaio e la dittatura dopo la morte di Franco, è l’unità della Spagna – garantita dalla forza – e la negazione del diritto delle nazioni a scegliere liberamente se vogliono rimanere all’interno della Spagna. Mettere in discussione questo principio è considerato una sfida all’intero sistema. Questo è il motivo per cui lo stato spagnolo ha usato una brutale repressione volta a soffocare il referendum, quindi ha arrestato i leader del governo catalano e ha chiuso il parlamento catalano. Ora ha emesso sentenze esemplari, che sono intese come un avvertimento contro chiunque cerchi di ripetere la stessa sfida.

Mobilitazioni di massa sono già in corso in Catalogna. Gli studenti hanno abbandonato le scuole e le università e a migliaia si stanno radunando nelle principali città per protestare contro questa sentenza scandalosa. Chiedono il rilascio immediato di tutti i prigionieri politici e difendono il diritto all’autodeterminazione. Questa è la strada da seguire. Come dimostrato nell’ottobre 2017, il regime spagnolo può essere combattuto solo attraverso un’azione di massa.

La Tendenza marxista internazionale si schiera con le masse catalane nella loro lotta per l’autodeterminazione e nella difesa dei diritti democratici. Abbiamo già preso una posizione chiara chiedendo il rilascio dei prigionieri politici catalani. I leader del governo catalano, ora condannati alle pene detentive, nel momento cruciale del 2017 vacillarono e non portarono la lotta fino in fondo. Ciò non li ha salvati, ma da questa esperienza bisogna trarre lezioni. La lotta per una Repubblica catalana, che rappresenterebbe un duro colpo per il regime spagnolo del 1978, può avere successo solo tramite metodi rivoluzionari. Deve anche essere combinata con la lotta per il lavoro e i diritti sociali (casa, istruzione, assistenza sanitaria, diritti sul lavoro) in modo che possa avere una risonanza più ampia, in Catalogna e in tutto lo Stato spagnolo.

La Tendenza marxista internazionale esprime la sua solidarietà ai condannati e ai membri dei Comitati in difesa della repubblica (CDR) arrestati nel settembre di quest’anno, che sono detenuti in custodia cautelare. Chiediamo il loro rilascio immediato senza cauzione. Sono tutti prigionieri politici, detenuti per aver esercitato diritti democratici basilari. Chiediamo al movimento operaio alle organizzazioni democratiche e socialiste in tutto il mondo di mobilitarsi contro questo attacco ai diritti democratici.

Libertà per i prigionieri politici catalani!

Solidarietà con la mobilitazione delle masse catalane!

Per una repubblica socialista catalana, scintilla della rivoluzione iberica!

Articoli correlati

La capitolazione della Cup in Catalogna

La Cup (Candidatura d’unitat popular), il raggruppamento “anticapitalista e indipendentista” della Catalogna, premiato da un 8% di voti nelle elezioni autonomiche del 27 settembre, ha riprodotto in salsa catalana lo stesso voltafaccia di cui si era reso protagonista Tsipras la scorsa estate.

La questione catalana e la confusione della sinistra

Il movimento delle masse catalane per l’autodeterminazione, straordinario per i numeri, la partecipazione e l’organizzazione messa in campo, non solo incute terrore alle borghesie di tutta Europa, è anche incomprensibile nelle stanze sempre più anguste e misere della sinistra nostrana, che hanno scelto di attaccarlo e demonizzarlo.

Le prossime elezioni e la crisi politica in Spagna

Per la quarta volta in meno di quattro anni, gli spagnoli si preparano a tornare alle urne, il 10 novembre prossimo. Il paese ha assistito a un’instabilità politica senza precedenti nell’ultimo periodo poiché la polarizzazione sociale e l’estrema frammentazione del parlamento hanno reso praticamente impossibile formare governi duraturi. Alla radice questa turbolenza c’è la radicalizzazione della società spagnola in seguito alla crisi economica.

Catalogna – La frusta della reazione fa ripartire le proteste repubblicane

L’altro ieri, 14 ottobre, la Corte suprema spagnola ha condannato dodici prigionieri politici catalani coinvolti nel referendum dell’ottobre 2017, tra cui nove ex ministri, il Presidente del parlamento catalano e due leader della società civile molto popolari. La sentenza ha scatenato una reazione immediata da parte delle masse catalane, che sono scese in piazza in gran numero.

Catalogna – Lo sciopero generale del 3 ottobre e il discorso reazionario del Re

La sospensione della seduta del Parlamento catalano, decretata ieri, conferma la nostra analisi. Nel contesto del regime spagnolo del 1978, il compito dell’autodeterminazione nazionale diventa un compito rivoluzionario e pertanto non può essere raggiunto dai politici borghesi catalani, ma solo tramite mezzi rivoluzionari e tramite la conquista della classe operaia catalana nel suo complesso alla causa repubblicana. Pubblichiamo l’ultima dichiarazione dei nostri compagni di Lucha de clases, scritta mercoledì 4 ottobre.

Elezioni spagnole: un calice avvelenato per la classe dominante

Il 26 giugno gli spagnoli sono stati chiamati alle urne in un clima di polarizzazione e di attesa. Queste elezioni sono arrivate dopo mesi di stallo politico, in cui nessun partito è stato in grado di formare un governo. Dai sondaggi ci si aspettava un buon risultato, come secondo partito, per la coalizione della sinistra radicale Unidos Podemos (UP) e che i partiti dell’establishment sarebbero stati colpiti seriamente.