La TMI respinge le condanne di reclusione per i prigionieri politici catalani

Nove prigionieri politici catalani, detenuti in custodia cautelare da quasi due anni, sono stati condannati a lunghe pene detentive da 9 a 13 anni dalla Corte suprema spagnola per sedizione e malversazione di fondi pubblici. E quale sarebbe il loro “crimine”? L’organizzazione del referendum sull’indipendenza catalana del 1 ottobre 2017. Questa è una sentenza scandalosa e non democratica che rivela il marciume del regime spagnolo del 1978. La Tendenza marxista internazionale respinge queste sentenze scandalose e invita le forze del movimento operaio, socialiste e democratiche del mondo a mobilitarsi contro di esse con tutte le loro forze.

I prigionieri politici catalani sono stati assolti dall’accusa di ribellione, ma sono stati giudicati colpevoli del crimine di sedizione, che risale direttamente al codice penale dell’epoca franchista . Implica “sollevarsi pubblicamente e tumultuosamente per impedire, con la forza o al di fuori dei mezzi legali, l’applicazione della legge”. In Catalogna non c’è stato né “tumulto” né “uso della forza”. Ciò che è accaduto è stato un movimento di massa che è sceso in piazza in modo organizzato per esercitare il diritto democratico all’autodeterminazione. Lo stesso processo è stato pieno di irregolarità e arbitrarietà da parte dei giudici, che sono stati sempre aggressivi contro la difesa e sistematicamente non hanno ammesso le prove portate da quest’ultima.

Uno dei pilastri del regime spagnolo del 1978, nato da un marcio compromesso tra i dirigenti del movimento operaio e la dittatura dopo la morte di Franco, è l’unità della Spagna – garantita dalla forza – e la negazione del diritto delle nazioni a scegliere liberamente se vogliono rimanere all’interno della Spagna. Mettere in discussione questo principio è considerato una sfida all’intero sistema. Questo è il motivo per cui lo stato spagnolo ha usato una brutale repressione volta a soffocare il referendum, quindi ha arrestato i leader del governo catalano e ha chiuso il parlamento catalano. Ora ha emesso sentenze esemplari, che sono intese come un avvertimento contro chiunque cerchi di ripetere la stessa sfida.

Mobilitazioni di massa sono già in corso in Catalogna. Gli studenti hanno abbandonato le scuole e le università e a migliaia si stanno radunando nelle principali città per protestare contro questa sentenza scandalosa. Chiedono il rilascio immediato di tutti i prigionieri politici e difendono il diritto all’autodeterminazione. Questa è la strada da seguire. Come dimostrato nell’ottobre 2017, il regime spagnolo può essere combattuto solo attraverso un’azione di massa.

La Tendenza marxista internazionale si schiera con le masse catalane nella loro lotta per l’autodeterminazione e nella difesa dei diritti democratici. Abbiamo già preso una posizione chiara chiedendo il rilascio dei prigionieri politici catalani. I leader del governo catalano, ora condannati alle pene detentive, nel momento cruciale del 2017 vacillarono e non portarono la lotta fino in fondo. Ciò non li ha salvati, ma da questa esperienza bisogna trarre lezioni. La lotta per una Repubblica catalana, che rappresenterebbe un duro colpo per il regime spagnolo del 1978, può avere successo solo tramite metodi rivoluzionari. Deve anche essere combinata con la lotta per il lavoro e i diritti sociali (casa, istruzione, assistenza sanitaria, diritti sul lavoro) in modo che possa avere una risonanza più ampia, in Catalogna e in tutto lo Stato spagnolo.

La Tendenza marxista internazionale esprime la sua solidarietà ai condannati e ai membri dei Comitati in difesa della repubblica (CDR) arrestati nel settembre di quest’anno, che sono detenuti in custodia cautelare. Chiediamo il loro rilascio immediato senza cauzione. Sono tutti prigionieri politici, detenuti per aver esercitato diritti democratici basilari. Chiediamo al movimento operaio alle organizzazioni democratiche e socialiste in tutto il mondo di mobilitarsi contro questo attacco ai diritti democratici.

Libertà per i prigionieri politici catalani!

Solidarietà con la mobilitazione delle masse catalane!

Per una repubblica socialista catalana, scintilla della rivoluzione iberica!

Articoli correlati

Spagna

Spagna: Rajoy sfiduciato – Le sue politiche vanno sconfitte con la lotta di massa

Il leader del Partito Socialista Spagnolo (PSOE), Pedro Sanchez, è diventato primo ministro dopo aver deposto, con un voto di sfiducia, un Mariano Rajoy rovinato dalle condanne per corruzione. Sanchez ha promesso alcuni cambiamenti estetici, ma manterrà la finanziaria approvata dal Partito Popolare di Rajoy (PP) e ha promesso di “garantire la responsabilità economica e i vincoli di bilancio” e di soddisfare “i doveri con l’Europa”.

Spagna

Catalogna – Amnistia per i prigionieri politici! Rispondere alla destra e alla magitsratura reazionaria con la mobilitazione di massa!

L’intenzione del governo di concedere l’indulto ai prigionieri politici catalani del movimento indipendentista ha provocato una reazione rabbiosa da parte della destra, che cerca di mobilitare la propria base sociale per logorare l’esecutivo Sánchez. Tuttavia, settori chiave della classe dominante sostengono dietro le quinte il provvedimento. Quale dovrebbe essere la posizione della sinistra?

Spagna

Repubblica catalana: epilogo rimandato

Sembrava che tutto fosse stato preparato in anticipo. Il presidente catalano, Carles Puigdemont, stava per recarsi al Parlamento catalano e annunciare la costituzione di una repubblica indipendente, come avrebbe dovuto fare visti i risultati del referendum del 1 ° ottobre. Alla fine lo scontro è stato ritardato, ma molto probabilmente non sarà evitato.

Spagna

Podemos – Le differenze tra Errejon e Iglesias, un riflesso della lotta di classe

La Seconda “Asamblea ciudadania” nazionale di Vistalegre (in programma l’11-12 febbraio prossimi) ha una grande importanza per Podemos e per la sinistra spagnola e non è un caso che sia caratterizzata dalla polarizzazione delle posizioni dei compagni Pablo Iglesias e Íñigo Errejón.

Spagna

Il colpo di stato della Spagna contro la democrazia in Catalogna

Sabato 21 ottobre a Barcellona 450mila persone sono scese in corteo mentre altre decine di migliaia l’hanno fatto in diverse altre città, grandi e piccole, in tutta la Catalogna, per chiedere la libertà per i due Jordi e respingere il colpo di stato avvenuto tramite l’applicazione dell’articolo 155 annunciata dal presidente spagnolo Rajoy il mattino del 21 ottobre.

Spagna

Breve cronaca di un comizio a Madrid

Spesso ci sentiamo dire, soprattutto in Italia, che i tempi della partecipazione di massa in politica sono passati e che il divario tra le masse e i partiti è definitivamente incolmabile.