23 Gennaio 2022 Sinistra Classe Rivoluzione

La scuola lavoro miete la prima vittima

Il 21 gennaio per la prima volta uno studente è morto in alternanza scuola-lavoro.

Lorenzo Parelli, 18 anni appena compiuti, all’ultimo giorno di alternanza, è stato schiacciato da una putrella, una trave di metallo, che lo ha ucciso sul colpo.

Nessuno dica che non se lo aspettava. In questi anni sono stati molti gli incidenti in alternanza: uno studente finito sotto un muletto a La Spezia, uno che ha perso un pezzo di dito in un macchinario a Prato, solo 6 mesi fa a Rovato (Brescia) un ragazzo di 16 anni è precipitato per 6 metri da una piattaforma e portato in ospedale in pericolo di vita. Solo per fare degli esempi. Nel 2021 sono morte 1404 persone per infortunio sul lavoro. Quasi 4 ogni giorno, e sono solo quelli regolarmente denunciati.

Sul lavoro si muore, perché nel capitalismo il lavoro è sotto un padrone che non vuole perdere tempo e soldi per la sicurezza. Lo sanno i padroni che usano gli studenti per avere lavoro gratis, e lo sanno quelli che hanno creato l’alternanza scuola-lavoro e l’hanno votata in parlamento. Lo sa Draghi e lo sa il ministro Bianchi, che vuole fare una riforma della scuola per cui nei professionali si dovrà passare metà del tempo in azienda invece che a scuola. E adesso le loro squallide dichiarazioni se le possono prendere e rificcare in gola. Scommettiamo che nessuno dei loro figli rischia di essere schiacciato da una putrella domani.

Questa morte forse farà chiarezza a chi vaneggia chiedendo garbatamente un po’ più di sicurezza e garanzie in alternanza, fra le organizzazione sindacali e studentesche. Questa è la sicurezza che sono disposti a concedere, se non si era capito. Dopo la morte di Lorenzo è necessaria una mobilitazione in tutte le scuole e tutte le organizzazioni studentesche devono attivarsi per questo obiettivo. La Cgil deve convocare uno sciopero generale ed esigere l’immediato blocco dell’alternanza scuola lavoro e misure che garantiscano davvero che i lavoratori non rischino di morire sul lavoro.

L’unico modo per onorare la morte di oggi è attivarsi e organizzarsi per cambiare le cose.

 

SCARICA QUESTO TESTO come volantino in formato PDF

Articoli correlati

Scuola

Scuole e centri estivi: Confindustria chiama, Bonaccini prepara i lazzaretti

Il governatore della Regione Emilia-Romagna è capofila tra quelli che vogliono aprire tutto e ora: “Se ripartono le imprese, non possono non ripartire anche i servizi.” Senza giri di parole, Bonaccini spiega che le imprese devono ripartire per fare profitti, e i lavoratori genitori devono essere liberi dall’“incombenza” dei figli a carico.

Scuola

Anche a Bologna si lotta contro la “Buona scuola”!

La riforma della scuola è stata approvata in Senato, con tanto di fiducia al governo. Non c’è da stupirsi: non è la via legislativa la strada giusta per fermare il

Scuola

Scuola, rilanciamo la lotta!

Sono necessarie assemblee sindacali capillari nei territori, nelle quali i lavoratori possano discutere dei punti rivendicativi e di come rendere il più efficace possibile la mobilitazione. I lavoratori hanno dimostrato di non esitare se sono chiamati a bloccare le scuole con un obiettivo chiaro. Il Governo può e deve essere piegato portando la lotta fino in fondo.

Scuola

Buona Scuola? Lasciate ogni speranza o voi che insegnate…

Gli effetti della riforma sulla scuola varata a luglio hanno iniziato a manifestarsi già all’inizio dell’anno scolastico. Dopo le classiche immissioni in ruolo d’agosto, fatte come ogni anno in numero esiguo rispetto alla copertura delle cattedre disponibili nelle scuole, a partire dal 2 settembre è iniziata la fase di reclutamento successiva.

Scuola

150 milioni alle scuole private, mentre si tagliano i fondi all’istruzione pubblica

La ministra Azzolina ha stanziato 150 milioni di euro per le scuole paritarie. Mentre le scuole pubbliche vengono abbandonate, il governo si preoccupa delle private. I numeri però parlano chiaro, le scuole paritarie in Italia accolgono circa 866 mila studenti mentre quelle pubbliche ne accolgono 7,6 milioni.

Scuola

Precaria precarietà (breve cronaca di un ordinario inizio di anno scolastico)

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una lettera inviataci da un’insegnante precaria.