21 Ottobre 2021 Domenico Minadeo (Rsu Fiom Metaltarghe, BO)

La lotta della Gkn contro la chiusura – Cooperativa, intervento statale o nazionalizzazione?

La vertenza della Gkn ha conquistato una esposizione mediatica e soprattutto una larga simpatia tra i lavoratori e i giovani che era ben visibile nella grande manifestazione tenuta a Firenze lo scorso 18 settembre. Ha rimesso in evidenza anche un tema fondamentale per tutti i lavoratori: come difenderci davanti a padroni che decidono di chiudere le fabbriche o delocalizzare le produzioni in altri paesi.

Il tema è stato affrontato nella trasmissione televisiva di La7 “Piazzapulita” del 23 settembre scorso, dove come ospiti c’erano i lavoratori in presidio e in studio l’ex ministro Calenda, Federico Rampini e l’economista Giulio Sapelli. Quest’ultimo ha dichiarato sul fondo Melrose che “la società capitalistica non può che comportarsi così” e dobbiamo “cambiare l’assetto di proprietà”: suggeriva che bisogna “ricreare una cultura della impresa cooperativa” e quindi la soluzione alla delocalizzazione è la costituzione di una cooperativa con il tfr dei lavoratori, che possono così esercitare il controllo della produzione.

Le cooperative hanno una lunga storia alle spalle: nate alla metà del 1800 per migliorare le condizioni familiari e sociali dei soci, non hanno mai costituito una alternativa al modello di produzione capitalistico, ma anzi con il trascorrere del tempo si sono adattate al sistema e il capitalismo le ha tollerate anche con una legislazione favorevole.

Nei fatti nelle cooperative si sono riprodotte le gerarchie delle aziende private dove i lavoratori non hanno nessun potere decisionale nelle scelte. Oggi vengono sistematicamente usate solo per ridurre salari e diritti dei lavoratori.

Inoltre la cooperativa non è sinonimo di posto garantito in caso di crisi economiche. Dopo quella del 2008 che ha avuto un grosso impatto nell’edilizia, in Emilia-Romagna sono falliti dei colossi delle costruzioni come la Cesi di Imola, la Coop costruzioni di Bologna o la Coop muratori di Reggiolo, in totale circa 700 posti di lavoro persi.

Insomma non proprio una soluzione originale e alternativa.

 

La proposta di legge

L’assemblea permanente dei lavoratori Gkn insieme ad alcuni giuslavoristi ha formulato una proposta di legge contro le delocalizzazioni fondata su 8 punti.

In sostanza si chiede l’intervento dello Stato per impedire le procedure di licenziamento, nell’attuazione di un piano che deve essere votato dai lavoratori al fine di trovare una soluzione alternativa che potrebbe essere l’acquisizione da parte dello Stato, di cooperative
o di un privato.

È previsto che se l’azienda non rispetta il piano vengano annullati i licenziamenti e si proceda con il ricorso all’articolo 28 dello Statuto dei lavoratori per condotta antisindacale.

Anche durante la trasmissione in più occasioni si è fatto appello all’intervento dello Stato, dal presidio dei lavoratori il delegato Dario Salvetti ha espressamente detto che “lo Stato deve avere la capacità di far rimanere lo stabilimento qua”.

Intervenire dunque, ma a che scopo? Lo Stato capitalista negli scorsi anni, in situazioni simili, è sempre intervenuto per limitare i costi sociali, ma ha usato questo intervento per risanare le aziende con soldi pubblici, per poi riproporle sul mercato al miglior offerente che intasca i profitti senza nessuna garanzia per i posti di lavoro. Sono emblematiche da questo punto di vista le vicende di Ilva e Alitalia, dove lo Stato deve continuare ad intervenire a ripianare i debiti, senza una soluzione definitiva.

Ma la cosa più grave in questi interventi è che i lavoratori non vengono minimamente coinvolti per incidere sulle trattative, ma vengono chiamati solo ad esprimersi attraverso referendum con un Sì o un No ad una eventuale soluzione, con la spada di Damocle che con un voto negativo si ripartirebbe da zero.

Non sarà certo una legge dello Stato borghese a fermare chiusure o delocalizzazioni da parte di padroni alla ricerca del massimo profitto.

 

Nazionalizzare sotto il controllo operaio

In Italia attualmente ci sono diverse fabbriche che stanno rischiando di chiudere, è il caso di Whirlpool, Blutec, Embraco, Gianetti Ruote, Gkn, Timken e altre, e i lavoratori si stanno facendo tutti la stessa domanda: come possiamo evitare la chiusura?

I lavoratori della Gkn in questi mesi sono stati un esempio per tanti, in quanto hanno messo in campo una lotta radicale con occupazione dello stabilimento e diverse manifestazioni tutte molto ben riuscite. Ora il giudice ha bloccato i licenziamenti invitando azienda, Rsu e istituzioni ad aprire una vera trattativa. I lavoratori hanno riportato una vittoria che seppure parziale ha ridato morale e fiducia a tutto il movimento operaio.

Questo clima positivo renderebbe possibile convocare una assemblea nazionale rappresentativa delle realtà in lotta e formare un coordinamento di delegati che metta al centro la rivendicazione della nazionalizzazione sotto il controllo operaio, senza alcun indennizzo per i precedenti proprietari.

Se la nazionalizzazione è l’unico modo per fermare chiusure e delocalizzazioni, il controllo dei lavoratori è indispensabile per gestire le fabbriche, per produrre e soddisfare i bisogni della collettività.

Nella storia del movimento operaio italiano ci sono esperienze che hanno dimostrato come l’iniziativa dal basso di delegati sia in grado di coinvolgere ampi settori di lavoratori, basti ricordare le esperienze del movimento degli autoconvocati del 1984 e all’inizio degli anni ‘90 che ebbero la capacità di far uscire dall’immobilismo tutta la Cgil.

I lavoratori della Gkn hanno dichiarato che sarebbero in grado di far ripartire la produzione in qualsiasi momento: ci sono le condizioni per gestire la fabbrica attraverso assemblee di reparto e di stabilimento con delegati eletti e revocabili in qualsiasi momento.

Un coordinamento di fabbriche occupate sotto il controllo dei lavoratori sarebbe un embrione di alternativa all’economia anarchica capitalista, che chiamiamo economia pianificata sotto la gestione operaia.

Certo non basterebbe che siano poche fabbriche a dare l’esempio, i capitalisti cercherebbero di stroncare sul nascere queste iniziative, ma si dovrebbe fare un appello ai lavoratori italiani e di tutto il mondo per chiedere supporto ed estendere le occupazioni.

È basandosi su questa forza e spontaneità della classe che anche una piccola avanguardia audace, fiduciosa e decisa ad andare fino in fondo può giocare un ruolo decisivo per farla finita con l’anarchia del capitalismo e inaugurare una società basata sull’economia pianificata.

Articoli correlati

Lotte e Sindacato

Le nuove frontiere del conflitto: la logistica

Negli ultimi anni si sono sviluppate lotte molto forti e radicali tra i lavoratori impiegati nel settore della logistica. Spesso protagonisti di queste lotte sono stati i facchini organizzati nel

Lotte e Sindacato

CCNL Confcommercio: un nuovo tipo di tradimento

Il 24 ottobre 2016 Confcommercio, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno siglato un accordo integrativo al CCNL firmato il 30 marzo 2015. Questo contratto, già criticabile per le ulteriori perdite di diritti (demansionamento, flessibilità oraria) prevedeva un aumento lordo di 85 euro, spalmati su 3 anni in 5 rate. Le ultime due tranche erano previste per novembre 2016 ed agosto 2017. Erano, appunto, perchè questo accordo stabilisce che vengano congelate a causa dell’incertezza economica e la crisi dei consumi.

Lotte e Sindacato

Alitalia: i lavoratori respingono il ricatto padronale

Il 24 aprile si è chiuso il referendum imposto ai lavoratori Alitalia sulla vergognosa pre-intesa firmato il 14 aprile da sindacati, governo e azienda. Il risultato è stato netto, su 11.673 lavoratori aventi diritto hanno votato in 10.184, quasi il 90%. Di questi il 67% ha bocciato la pre-intesa.

Lotte e Sindacato

Dai lavoratori italiani ai lavoratori del mondo – Un appello internazionale!

L’assemblea nazionale “I lavoratori non sono carne da macello, tenutasi ieri, 30 marzo, è stato uno straordinario successo. Vi hanno assistito, naturalmente on line, centinaia di lavoratori e di lavoratrici e decine sono stati gli interventi, tutti interessanti.
L’assemblea ha lanciato anche un appello ai lavoratori di tutto il pianeta, perché solo l’azione unitaria della classe operaia potrà sconfiggere l’emergenza sanitaria attuale e quella economica e sociale che sta irrompendo nelle nostre vite.

Lotte e Sindacato

Basta salari da fame! Un libro da discutere

Basta salari da fame! di Marta e Simone Fana ha il merito di mettere il dito nella piaga di una questione salariale ormai esplosiva. L’obiettivo politico è esplicito: sostenere la battaglia per l’introduzione in Italia di un salario minimo legale, che gli autori propongono sia fissato a 10 euro l’ora.

Lotte e Sindacato

Crisi industriali – Il momento di osare è ora!

Whirlpool, Gkn, Timken, Gianetti Ruote, Elica, Blutec, Riello, la lista delle aziende che in questi mesi sono state chiuse per cessata attività o per delocalizzazione continua ad allungarsi.

Draghi, Bonomi e compagnia insistono col dire che non c’è alcuna emergenza occupazionale, ma nel frattempo sempre più aziende annunciano chiusure e cassa integrazione, ultima Stellantis che ha ridotto la produzione negli stabilimenti.