26 Agosto 2021 Angelo Raimondi

“La fabbrica”, di Rossana Carturan: la rivolta di Piazza Statuto

Lina, Toni, Anna ed Antonio sono i personaggi principali de “La fabbrica“, un romanzo di Rossana Carturan.

Il romanzo ci immerge nell’atmosfera della periferia operaia torinese del 1962.

Periferia in piena trasformazione con l’arrivo in massa degli immigrati dal sud Italia in cerca di occupazione che la fabbrica prospetta. La fabbrica a Torino non è nient’altro che la FIAT.

Rossana Carturan ci conduce in quella atmosfera con apparente leggerezza, come se si galleggiasse, in una rappresentazione di quasi realismo cinematografico. Ci avvolge con l’atmosfera di quelle strade, del grigio torinese, del clima carico di umidità, di nebbia estiva, di calura.

Ci descrive il clima di ostilità dei torinesi nei confronti dei meridionali, considerati un po’ come persone di serie B. Lo stesso ambiente ostile che si respira in fabbrica, con la risultante di essere oppressi, dal padrone, attraverso i vari capetti, ed emarginati dagli operai piemontesi che si sentono un po’ “l’aristocrazia operaia”.

Il libro, attraverso le vicende di vita delle due famiglie, spesso drammatiche, sottolinea le difficoltà a comunicare ed a vivere serenamente quando le condizioni economiche e sociali sono precarie. Il tutto aggravato da condizioni di lavoro oltre il limite di sopportazione.

Le storie personali si intrecciano con le vicende politiche e sindacali che porteranno alla rivolta di Piazza Statuto del 7/8/9luglio 1962. Un passaggio della lotta di classe del proletariato italiano molto importante, seppur poco studiato.

Sarà un primo assaggio di ciò che poi esploderà con tutto il suo fragore nel biennio ‘68/’69.

La voglia di riscatto operaia resta per molto tempo soffocata dalla moderazione del gruppo dirigente della CGIL e del PCI, e dalla paura dei lavoratori FIAT ad alzare la testa e contrastare il “potere assoluto“ rappresentato dalla famiglia Agnelli. Equilibrio che si rompe con la discesa in campo dell’operaio “massa”, proveniente dal sud. Spesso giovane, che contamina anche una parte degli studenti iniziando quel processo di avvicinamento tra proletari e studenti.

Rossana Carturan riesce a coniugare in modo semplice, diretto e scorrevole il lato umano, sociale e politico dei personaggi del libro, senza nasconderne le debolezze. Nessuna mitizzazione della classe operaia come fosse una entità superiore e del ruolo rivoluzionario della donna che comunque è presente (in modalità differenti) in Lina, in Anna ed anche nella giovane ed intraprendente Gabriella.

Una bellissima lettura che potrebbe essere lo spunto per poi approfondire gli eventi di quei giorni e la rivolta di Piazza Statuto.

 

Guarda anche:

Articoli correlati

Arte letteratura cinema

A cento anni dalla morte di Jack London

Jack London moriva il 22 novembre 1916, esattamente cento anni fa. In suo ricordo, ripubblichiamo una nostra recensione di uno dei suoi capolavori, Il tallone di ferro, e una lettera

Arte letteratura cinema

Blu – Coprire i murales, svelare le logiche del profitto

Tra sabato 12 e domenica 13 marzo lo street artist Blu ha cancellato tutte le sue opere a Bologna come segno di protesta contro una mostra sulla street art organizzata da Roversi Monaco, ex Magnifico rettore e personaggio di spicco della borghesia cultural-bancaria della città; Genius Bononiae, vale a dire l’ente che gestisce privatamente i musei comunali; con il sostegno della Fondazione Carisbo

Arte letteratura cinema

“Sorry We Missed you!”, di Ken Loach – Un film che incontra la cruda realtà

Ci siamo ritrovati in una decina di delegati/e sindacali, tutti lavoratori (autisti, impiegati, addette call center…) tutti alle dipendenze dirette o negli appalti della multinazionale Ups. Scopo della serata: una visione collettiva dell’ultima pellicola di Ken Loach, Sorry We Missed You! “, un pugno allo stomaco che prende il titolo dall’avviso di passaggio lasciato dai corrieri nel Regno Unito.

Arte letteratura cinema

Proletkult di Wu Ming – Una recensione

A quattro anni da L’Armata dei sonnambuli e a tre da L’invisibile ovunque il collettivo Wu Ming approda nelle librerie con un nuovo romanzo storico-fantascientifico, Proletkult.

Arte letteratura cinema

“Miss Marx”, un’occasione mancata

Il film di Susanna Nicchiarelli avrebbe potuto essere l’occasione giusta per mettere in luce il contributo di Eleanor, figlia minore e prediletta del filosofo tedesco padre del socialismo, alla causa marxista e femminista. Purtroppo si è rivelato solo un film come tanti sui rapporti malati che si possono instaurare in una relazione romantica.

Arte letteratura cinema

In mostra: Pazienza e la Bologna del ’77

La mostra allestita a Palazzo Albergati a Bologna su Pazienza è una di quelle cose che è giusto definire imperdibili, non solo per gli appassionati di fumetti. E non soltanto per l’influenza che Andrea Pazienza ha avuto sulla cultura italiana, non solo nel fumetto, ma anche e soprattutto per il valore storico e politico della sua parabola artistica.