18 Maggio 2020 un'educatrice di comunità

La crisi Covid-19? Scaricata sugli educatori!

L’emergenza sanitaria ha influito in maniera piuttosto pesante sugli educatori di comunità ma va detto che anche prima la situazione non era delle migliori. Generalmente le comunità sono gestite da cooperative che si occupano di tutta la parte finanziaria e quindi anche del materiale che arriva nelle strutture, dell’affitto della struttura stessa e delle assunzioni. Gli educatori fanno lunghi orari di lavoro con uno stipendio di circa 7/8 euro all’ora con un aspetto gravoso nel contratto che riguarda le ore passive, ossia 7/8 ore durante la notte che non concorrono al conteggio del monte ore svolto e che soprattutto vengono pagati con un forfait che equivale a circa 5 euro all’ora.

Inoltre la cooperativa gioca al risparmio anche per quanto riguarda il materiale necessario per le attività giornaliere sollecitando gli educatori a comprarlo e per quanto riguarda gli spazi gioco sono spesso e volentieri non idonei, piccoli e privi di giochi adatti all’età dei bambini, soprattutto quando si tratta di bambini molto piccoli quindi in comunità da 0-3 anni. Alcune comunità non sono perfettamente in regola e nel caso di ispezioni rischiano la chiusura o comunque il trasferimento dei bambini che, nel caso non potessero essere accolte in strutture adatte a loro, possono anche arrivare in comunità adolescenti, in comunità alloggio per anziani o peggio in comunità per tossicodipendenti in attesa che si liberino posti più adatti alle loro esigenze.

Aggiungiamo che nelle stesse strutture, spesso si supera il numero di ospiti da poter accogliere (ad esempio nella stessa comunità in cui lavoro siamo in sovrannumero), e questo è un guadagno ulteriore per le cooperative che prendono tra i 100 e i 150 euro per utenti al giorno. Anche il personale spesso e volentieri non è sufficiente per poter coprire in modo adeguato tutti i turni e quindi le cooperative giocano al risparmio puntando sul volontariato. Volontariato che anche in questo caso è sinonimo di sostituzione di personale retribuito, quindi sfruttamento.

I problemi si sono aggravati in periodo di emergenza sanitaria. I dispositivi di protezione che nella maggior parte dei casi sono arrivati a quasi due/tre settimane dall’inizio dell’emergenza in molte strutture e spesso sotto sollecitazione degli stessi educatori e non come iniziativa da parte delle cooperative. Riguardo ai protocolli di emergenza, in molti casi, è stato sconsigliato o addirittura vietato di usare i mezzi pubblici per raggiungere il luogo di lavoro, quindi per gli educatori è stato un aumento delle spese personali, sappiamo che autostrade e pedaggi non sono economici. A fronte delle giuste obiezioni le cooperative spregiudicate hanno pensato bene di proporre turni di 24 ore. Più giusto sarebbe stato un rimborso di una parte delle spese di viaggio se non nella sua totalità. Inoltre gli educatori che non sono in possesso di un mezzo proprio hanno dovuto arrangiarsi e nei giorni in cui non riuscivano ad arrivare al lavoro, sono stati obbligati a prendere delle ferie forzate che comunque maturano con molta fatica e dopo molte ore di lavoro.

A molti è stato chiesto di fare l’esame sierologico e di ripeterlo a spese dell’educatore mentre deve essere il datore di lavoro a coprire questi costi dal momento che l’ha richiesto. Infine il problema dell’organico non adeguato si è posto in maniera più pesante nel momento in cui mancavano degli operatori a casa in quarantena, in alcuni posti di lavoro gli educatori si sono ritrovati a dover fare non solo il proprio lavoro ma anche quello delle figure mancanti.

In conclusione, le cooperative lavorano su appalti che vanno a risparmio e non a tutela degli utenti. Bisogna lottare non solo per il diritto dei lavoratori ad avere migliori condizioni di lavoro ma soprattutto per gli utenti, in particolare i bambini, che non devono essere penalizzati da queste logiche.

 

 

Articoli correlati

Lotta al precariato

Almaviva: la resa dei conti tra azienda e lavoratori è solo rimandata

Dopo oltre due mesi e mezzo di lotta la vertenza Almaviva si chiude con un accordo firmato dall’azienda con il governo e i sindacati. Quello firmato all’alba del 31 maggio non è una vittoria per i lavoratori, è un accordo che non risolve del tutto e strutturalmente la crisi del settore

Trasporti

Contro gli appalti serve una lotta generale!

Dopo i fatti di Tavazzano, con il ferimento grave di un lavoratore licenziato Fedex durante un picchetto, e dopo l’uccisione di Adil Belakhdim al magazzino Lidl di Biandrate, si è riacceso con forza il dibattito su appalti, subappalti e contratti di fornitura nel settore della logistica.

Lotta al precariato

Parma – Cooperazione e appalti al ribasso: una linea sindacale fallimentare

Dopo la vertenza di quest’estate su un cambio di appalto del settore educativo in provincia di Parma (conclusasi, come scritto sul numero 6 di Rivoluzione, con un accordo sottoscritto da CGIL e CISL totalmente al ribasso per i lavoratori), altri protagonisti della cooperazione sociale, in perfetto accordo con la Giunta Comunale, tornano a colpire gli educatori e i disabili, stavolta nel capoluogo

Donne

Per essere belle chi deve soffrire? – Una testimonianza sullo sfruttamento delle lavoratrici nel settore cosmetico

Dopo la crisi del 2008, il cremasco, zona settentrionale della provincia di Cremona, ha assistito al boom dell’industria cosmetica: dalla produzione, al packaging; dal riempimento, al confezionamento. Sul territorio coesistono tanto la grande multinazionale cosmetica che si occupa di tutti i vari processi produttivi, quanto la piccola azienda a gestione familiare che si occupa principalmente di confezionamento in conto terzi.

Lotta al precariato

Castelfrigo – Lezioni di tre mesi di lotta

E’ notizia di queste ore che finalmente la Cgil, dopo l’ennesima provocazione del padrone di Castelfrigo ha deciso di fare quello che noi da mesi abbiamo suggerito e scritto, ovvero alzare il livello dello scontro e bloccare le merci. Questo ennesimo episodio di arroganza padronale, la scelta conseguente della Cgil e la velleità degli accordi regionali e delle “commissioni antimafia” confermano in pieno quanto sostenuto nell’articolo che stiamo pubblicando e che è stato scritto non più tardi di dieci giorni fa.

Lotta al precariato

Come si lavora alle Poste dopo Amazon

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lavoratore precario di Poste Italiane