30 Aprile 2019

La controrivoluzione alza la testa – Stop al golpe in Venezuela!

L’autoproclamato “Presidente ad interim” del Venezuela Juan Guaidò sta tentando di attuare un colpo di stato militare, “Operazione Libertà”, come ha denominato la “fase finale” del suo tentativo di rimuovere Maduro. È stato raggiunto da Leopoldo Lopez, che è stato liberato dagli arresti domiciliari da un gruppo di poliziotti e militari stamattina. È una mossa del tipo “o la va o la spacca”, come alcuni hanno descritto.

Insieme a una piccola forza militare hanno tentato di prendere possesso della base aerea di La Carlota nella parte orientale di Caracas. Da lì, hanno lanciato un appello alle forze armate del Venezuela per unirsi a loro nel tentativo di rovesciare il governo Maduro. Si sono sentiti colpi di arma da fuoco fuori dalla base aerea, in quello che sembra essere stato uno scontro armato tra i sostenitori di Guaidò e i soldati fedeli al governo.

Sembra che alcune persone stiano rispondendo all’appello di Guaidò – anche se al momento la situazione non è chiara – e stiano scendendo nelle strade di Caracas e nel resto del paese. Le ultime notizie non confermate sembrano indicare che una folla di civili è ora entrata nella base aerea militare di La Carlota.

Dopo aver fallito all’inizio di quest’anno, è chiaro che l’opposizione di destra sta cercando disperatamente di riguadagnare l’iniziativa. “Ora o mai più”, come ha detto uno dei giovani soldati che sostengono Guaido.

Nel frattempo, il presidente dell’Assemblea nazionale costituente, Diosdado Cabello, parlando alla tv nazionale di stato, ha invitato i sostenitori del governo e le milizie bolivariane a uscire in strada e difendere il palazzo presidenziale di Miraflores, mentre Maduro, dopo aver parlato con gli alti comandi militari, ha dichiarato di “totale lealtà al Popolo, alla Costituzione e alla Patria “.

Se il golpe riuscirà o no, lo vedremo nelle prossime ore. Ma l’imperialismo degli Stati Uniti ha già espresso il proprio appoggio. Il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton ha twittato “Le [forze armate] devono proteggere la Costituzione e il popolo venezuelano. Dovrebbe sostenere l’Assemblea nazionale e le istituzioni legittime contro l’usurpazione della democrazia. Gli Stati Uniti stanno con il popolo del Venezuela.” E Luis Almagro, segretario generale dell’Organizzazione degli Stati americani (OSA), ha utilizzato Twitter per esprimere il suo sostegno al colpo di stato.

È chiaro da questi avvenimento che l’opposizione, sostenuta dall’imperialismo statunitense e da tutte le forze reazionarie nelle Americhe, non rinuncerà al tentativo di rimuovere il governo democraticamente eletto del Venezuela. Mostra anche che nessuna politica conciliatoria risolverà questo problema. Guaidó avrebbe dovuto essere arrestato subito dopo il suo precedente tentativo di lanciare un colpo di stato, come abbiamo spiegato all’epoca.

L’opposizione, guidata da Guaidò e Lopez, spera che la crisi economica che attanaglia il Venezuela fornirà loro il sostegno di massa di cui hanno bisogno per completare i loro piani con successo . Nessun compromesso è possibile con questi elementi reazionari di destra . O il governo Maduro completa ciò che la Rivoluzione Bolivariana ha iniziato all’epoca di Chavez – espropriando le proprietà delle grandi aziende operanti in Venezuela insieme con quella dei grandi proprietari terrieri, e ponendole tutte sotto il controllo delle masse rivoluzionarie – oppure se lascia le cose come sono, faciliterà la vittoria per i golpisti di destra. Se questa gente arriverà al potere, distruggeranno ciò che resta delle riforme attuate negli ultimi 20 anni.

Tutte le forze della rivoluzione devono essere mobilitate per fermare questo colpo di stato. Giù le mani dal Venezuela! Le masse devono completare la rivoluzione ora, o alla fine soccombere alla reazione nera: non c’è altra soluzione!

Articoli correlati

Venezuela – Sull’Assemblea costituente, una prima analisi

Il presidente Maduro ha annunciato la realizzazione di un’Assemblea Nazionale Costituente. Che ruolo avrà questo annuncio nell’attuale crisi che vive la Rivoluzione Bolivariana? La prima dichiarazione ufficiale della Corrente Marxista Lucha de Clases sulla convocazione della Costituente, sui compiti della rivoluzione e sulle prospettive della lotta di classe in Venezuela.

Venezuela – L’aggressione imperialista non si ferma

Il 23 gennaio scorso Juan Guaidò si autoproclamava Presidente del Venezuela. Subito gli Stati Uniti lo riconoscevano e i governi di buona parte dell’America latina si affrettavano a seguirli. Due mesi dopo, tuttavia, il golpe non ha vinto. Perche?

Venezuela: la controrivoluzione vince le elezioni

Nella tarda notte del 6 dicembre, il Consiglio elettorale nazionale Venezuelano ha comunicato i risultati provvisori ma conclusivi delle elezioni parlamentari. Il MUD, l’opposizione contro-rivoluzionaria, ottiene 99 seggi contro i 46 del PSUV bolivariano, con altri 22 da assegnare. Si tratta di una grave battuta d’arresto ed è nostro dovere analizzare le ragioni e spiegare le probabili conseguenze.

Il Venezuela dopo le elezioni comunali

Le elezioni municipali del Venezuela del 10 dicembre hanno prodotto una vittoria schiacciante per il Partito Socialista Unito (PSUV) al potere. La debolezza dell’opposizione ha fatto in modo che le contraddizioni represse all’interno del campo bolivariano venissero alla luce. In un certo numero di comuni la sinistra del movimento chavista ha sfidato i candidati ufficiali del PSUV.

No al golpe! No alla guerra! Giù le mani dal Venezuela!

La Tendenza Marxista Internazionale respinge il tentativo in atto dell’imperialismo statunitense di portare avanti un colpo di stato in Venezuela. Quello a cui stiamo assistendo è il tentativo spudorato di una coalizione di diversi paesi, guidata da Trump, di destituire il governo venezuelano del presidente Maduro.

Venezuela: Maduro vince le elezioni presidenziali, nonostante l’ingerenza imperialista. Cosa succederà ora?

Nicolas Maduro è stato rieletto per un altro mandato alle elezioni presidenziali venezuelane di domenica 20 maggio. La maggioranza dell’opposizione reazionaria, con il pieno sostegno di Washington e Bruxelles, aveva fatto appello al boicottaggio, un fatto che ha portato a un’affluenza molto bassa nelle aree delle classi medio-alte delle principali città.