2 Febbraio 2022 Claudio Bellotti

Inflazione – I buoi sono già scappati dalle stalle

Con un aumento dei prezzi del 7%, in dicembre l’inflazione negli Usa tocca il massimo da 40 anni. L’Unione europea viaggia attorno al 5%, il Regno unito era al 5,1% in novembre e la Bank of England prevede che si arriverà al 7%. Persino in Giappone, patria mondiale della deflazione, l’indice dei prezzi è tornato in territorio positivo, sia pure di poco.

Quando nel 2021 i prezzi hanno iniziato a crescere, governi ed esperti hanno sentenziato in coro che si trattava di un aumento temporaneo, dovuto alla brusca oscillazione della ripresa dopo il crollo economico del 2020. Qualche mese dopo l’ottimismo era già svalutato e si puntava il dito sulle strozzature delle catene di fornitura, soprattutto nelle materie prime e nella componentistica (ad esempio i semiconduttori). Oggi regna una totale confusione su cause e rimedi.

La causa più evidente dell’aumento dei prezzi è indubbiamente nell’alluvione di liquidità messa in circolo dalle banche centrali: circa 16mila miliardi di dollari solo per fare fronte al crollo economico seguito all’esplosione della pandemia. Una massa senza precedenti di capitale fittizio che ha drogato la domanda mondiale.

Ma ci sono altre cause. Il protezionismo crescente porta con sè un inevitabile aumento dei prezzi, ma anche della rendita, come testimoniano i superprofitti distribuiti dalle aziende estrattive, l’aumento dei prezzi agricoli, ecc. Inoltre la produttività rimane stagnante: le aziende sono riluttanti ad investire massicciamente e se lo fanno pretendono ampie coperture da parte degli Stati. Questo significa che i prezzi di produzione crescono (si fa fronte agli aumenti di domanda senza una vera espansione della base produttiva), oltre a gravare ulteriormente i bilanci pubblici, a loro volta coperti da nuove iniezioni di valuta da parte delle banche centrali.

Per la prima volta da anni si parla quindi di passare dalle politiche monetarie espansive a una linea restrittiva: alzare i tassi d’interesse, ridurre i programmi di acquisto di titoli pubblici e privati che hanno gonfiato all’inverosimile i bilanci delle banche centrali (la Bce e la Fed hanno ciascuna “in pancia” circa 9mila miliardi di dollari di titoli pubblici e privati rastrellati sul mercato per impedire crolli e fallimenti).

La Federal Reserve annuncia la svolta per i prossimi mesi, lo stesso fa la Bank of England. Ma un cambio brusco di rotta in queste condizioni equivale a inchiodare i freni su una strada ghiacciata. Un netto rialzo dei tassi potrebbe strozzare la ripresa negli Usa, generare fughe di capitali da paesi più deboli (primi indiziati: Brasile, Turchia, Egitto, Argentina, Sudafrica), aprire una forte contraddizione tra Usa e Unione europea.

Ma soprattutto l’esplosione dei prezzi chiama in causa il movimento operaio. In numerosi paesi c’è una crescita delle lotte salariali per fare fronte al carovita galoppante e non a caso si inizia a risentire la vecchia cantilena della “spirale prezzi-salari”, che era stata riposta in soffitta da circa trent’anni.

Ma la vera “spirale” sarà quella di un nuovo ciclo della lotta di classe, che dopo l’effetto choc generato dal Covid sta maturando su scala internazionale, sullo sfondo di un sistema economico sempre più parassitario, pervaso da contraddizioni insolubili e incapace di offrire una prospettiva degna alla maggioranza del genere umano.

Articoli correlati

Internazionale

Una bella impiccagione collettiva – L’Unione europea e lo scontro sul “Recovery Fund”

Chiusa il 19 giugno la riunione del Consiglio europeo in cui si è avviato il negoziato sul Recovery Fund, la sintesi più fedele pare la seguente: i governi dell’Unione affronteranno la spinosa questione in base alla nota regola che se si deve essere impiccati, è meglio in compagnia. Corollario: oggi no, magari domani, dopodomani ancora meglio.

Internazionale

Gli Stati tentano di salvare un capitalismo al collasso

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha dichiarato all’inizio di aprile che siamo entrati nella «peggiore recessione economica dai tempi della Grande Depressione». La gestione disastrosa della pandemia del coronavirus ha aggravato una crisi economica che già era in arrivo.

Economia

WannaCry: un cyber-attacco di massa basato sull’arsenale informatico dello spionaggio americano

Lo scorso fine settimana abbiamo assistito a un enorme attacco informatico contro grandi aziende e istituzioni pubbliche. Varie negligenze da parte di governi e imprese hanno permesso agli hacker di crittografare i dati su centinaia di migliaia di computer sfruttando strumenti sviluppati dall’agenzia americana NSA.

Internazionale

Il diluvio universale… di petrolio – Intervista a Enrico Duranti su Radio BlackOut

Stamattina Radio Blackout ha intervistato il nostro compagno Enrico duranti, militante No triv Crema, sulla devastante crisi petrolifera in corso, che ha portato a un crollo drammatico del prezzo di questa materia prima.

Internazionale

Una nuova recessione mondiale è alle porte

Il Fondo Monetario Internazionale è stato costretto, non solo a ridurre ripetutamente le sue previsioni di crescita, ma ora anche a prevedere un calo del PIL mondiale in termini di

Internazionale

Trump approva nuovi dazi – Verso una guerra commerciale?

Con l’annuncio dell’introduzione di dazi del 25% sull’acciaio e del 10% sull’alluminio Donald Trump concretizza la promessa fatta durante la campagna elettorale del 2016: “Rendere di nuovo grande l’America”.