Infanzia flessibile per una vita precaria!

BOLOGNA – Ormai non c’è anno scolastico che non termini con un attacco, o una provocazione, ai lavoratori dell’infanzia. Quest’anno si tratta dell’annuncio di una riflessione sull’apertura serale, nei week end e d’estate dei “servizi educativi” per l’infanzia: siccome il mondo del lavoro è ormai flessibile bisogna che lo siano pure i servizi.
Ha aperto così la discussione la vicepresidente della Regione con delega al welfare, Elisabetta Gualmini. È un problema per le lavoratrici che sono costrette a lavorare nel week end o di notte non poter usufruire di alcun servizio. Ed è sempre più forte il ricatto che ricade sulle donne nei posti di lavoro. Si parla di un aumento del 30 per cento del mobbing per maternità negli ultimi cinque anni, negli ultimi due anni sono state licenziate o costrette a licenziarsi 800mila donne, almeno 350mila per maternità.
La verità è che negli ultimi anni i servizi all’infanzia di Bologna sono stati duramente attaccati e ridotti. È aumentato il rapporto bimbi-educatore tagliando così sul personale, il servizio è stato ridotto alle 16,30 con apertura fino alle 18,00 solo per chi ne fa richiesta e pagando di più. L’anno 2014-15 ha visto una lista d’attesa di 820 bimbi di famiglie che hanno fatto richiesta. Perché non risolvere questo problema, anziché sovvenzionare i nidi privati o convenzionati per coprire i buchi? Ora si parla di aprirli la sera, il week end e durante le vacanze. Sono anni che ci viene detto che non si può assumere perché c’è la spending review (infatti in questi giorni è saltata l’assunzione di 158 maestre che avevano vinto il concorso quest’anno), allora come è possibile prolungare i servizi se non spremendo ulteriormente i lavoratori già in organico o esternalizzando i servizi per avere lavoratori sottopagati? Ci dicono che non si può continuare a spendere soldi pubblici come una volta. Quindi, come si finanzierebbe questo progetto se non facendo ricadere tutto il peso sulle famiglie stesse? Le due risposte sembrano ovvie! Tutto questo fa pensare a intenzioni tutt’altro che pedagogiche o di pubblica beneficenza di affrontare la questione: si vogliono trasformare i servizi educativi in semplici parcheggi, possibilmente privati e con costi di gestione minimi (tanto non si deve educare ma solo controllare che non si facciano male).
Non siamo contrari a dei servizi pubblici e di qualità da offrire a chi lavora nel week end o di notte ma ciò non ha nulla a che vedere con ciò che sono gli asili nido e le scuole per l’infanzia!

Articoli correlati

Lotta al precariato

Per essere belle chi deve soffrire? – Una testimonianza sullo sfruttamento delle lavoratrici nel settore cosmetico

Dopo la crisi del 2008, il cremasco, zona settentrionale della provincia di Cremona, ha assistito al boom dell’industria cosmetica: dalla produzione, al packaging; dal riempimento, al confezionamento. Sul territorio coesistono tanto la grande multinazionale cosmetica che si occupa di tutti i vari processi produttivi, quanto la piccola azienda a gestione familiare che si occupa principalmente di confezionamento in conto terzi.

Lotta al precariato

Jobs Act – A fare festa sono sempre i soliti

I dati INPS relativi al mercato del lavoro nei primi otto mesi dell’anno, fanno dire a confindustria che le cose vanno bene. Si può sempre migliorare, ma i risultati del jobs act sono incoraggianti. Se le cose vanno bene per i padroni, allora vanno anche per il governo Renzi, loro fedele servitore. Quindi, cosa c’è che non va?

Lotta al precariato

“Na Manzoor”… Inaccettabile! I riders respingono l’accordo-truffa

Nel giorno in cui entra in vigore l’accordo truffa tra Ugl e Assodelivery, l’associazione delle piattaforme online di consegna del cibo, abbiamo intervistato un rider bolognese, fra i protagonisti della lotta esplosa in queste settimane.

Lotta al precariato

Come si lavora alle Poste dopo Amazon

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lavoratore precario di Poste Italiane

Lotta al precariato

La crisi Covid-19? Scaricata sugli educatori!

L’emergenza sanitaria ha influito in maniera piuttosto pesante sugli educatori di comunità ma va detto che anche prima la situazione non era delle migliori. Bisogna lottare non solo per il diritto dei lavoratori ad avere migliori condizioni di lavoro ma soprattutto per gli utenti, in particolare i bambini, che non devono essere penalizzati da queste logiche.

Lotta al precariato

Contro gli appalti serve una lotta generale!

Dopo i fatti di Tavazzano, con il ferimento grave di un lavoratore licenziato Fedex durante un picchetto, e dopo l’uccisione di Adil Belakhdim al magazzino Lidl di Biandrate, si è riacceso con forza il dibattito su appalti, subappalti e contratti di fornitura nel settore della logistica.