21 Ottobre 2020 S. Kumarasamy (da www.marxist.com)

India – Per porre fine all’oppressione delle donne dobbiamo lottare per il socialismo!

Una donna appartenente ad una casta inferiore, quella dei Dalit, è morta in un ospedale di Delhi martedì 29 settembre dopo essere stata violentata e torturata da quattro uomini nel distretto di Hathras dell’Uttar Pradesh. L’indignazione pubblica sta travolgendo il Paese. Questa azione raccapricciante e disumana ha evidenziato ancora una volta la barbarie che le donne povere delle caste inferiori affrontano quotidianamente in India, una barbarie radicata nel marcio sistema capitalista.

La donna Dalit è stata violentata e torturata il 14 settembre mentre raccoglieva legna da ardere nel proprio villaggio. I quattro uomini le hanno rotto la spina dorsale e le hanno tagliato in due la lingua. Ha anche subito fratture multiple su altre parti del corpo. La polizia ha cercato di proteggere i criminali e non ha indagato sul crimine fino a quando non c’è stata una protesta pubblica. Alla vittima sono state negate le cure mediche fino a quando il suo caso non ha fatto notizia dopo le crescenti proteste. Questo ritardo le è costato la vita.

Poiché questo orrore a quanto pare non era abbastanza per la vittima e la sua famiglia, le autorità statali hanno continuato a giocare il proprio ruolo orribile nella vicenda. La salma della ragazza non è stata consegnata alla famiglia, bensì è stata bruciata in presenza delle autorità di polizia mentre ai familiari non è stato permesso di avvicinarsi al rogo. I video di questo caso sono diventati virali e hanno suscitato l’indignazione dell’opinione pubblica. Ci sono manifestazioni che si stanno svolgendo in tutto il paese, compresa Delhi, contro questa brutalità. Novant’anni fa, gli imperialisti britannici cercarono di fare la stessa cosa con i cadaveri di Bhagat Singh e dei suoi due compagni, impiccati nel 1931 per le loro idee rivoluzionarie. Sembra che nulla sia cambiato e il brutale apparato statale, il sistema giudiziario e la classe dominante che ancora opprimono le masse sono una continuazione del Raj britannico, che dovrebbe essere combattuto e distrutto attraverso una rivoluzione.

L’unica cosa che è cambiata è che la brutalità dello stato indiano ha raggiunto vette mai viste prima. Anche l’oppressione delle donne in India, inclusi stupri, torture e violenze, ha raggiunto livelli senza precedenti. In un recente rapporto del National Crime Records Bureau, una media di 87 stupri sono stati segnalati in India ogni giorno nel 2019, il che costituisce un aumento del 7% rispetto al 2018. Nel corso dell’anno sono stati segnalati 405.861 crimini contro le donne, e il numero reale è probabilmente molto più alto dato lo stigma che subisce chi denuncia uno stupro.

Lo stupro e la tortura di questa ragazza Dalit non è un caso isolato. All’inizio di settembre, una bambina di tre anni è stata violentata in gruppo e uccisa in un campo di canna da zucchero nel distretto di Lakhimpur dell’Uttar Pradesh. L’anno scorso, due bambini Dalit sono stati picchiati a morte dopo aver defecato all’aperto. Nel 2019, una ragazza di 13 anni di una famiglia di casta inferiore è stata violentata e decapitata dai suoi stessi fratelli e zii nello stato del Madhya Pradesh.

La pandemia in corso ha peggiorato la situazione delle donne. I casi di violenza domestica, tortura e violenza sessuale si sono diffusi come un’epidemia di cui sembra non esserci fine in vista.

La discriminazione contro le donne in India non è una novità, e c’è una lunga storia di oppressione, ma ora sono stati raggiunti nuovi livelli ed è diventata più brutale in una società che si sgretola sotto il peso di un sistema capitalista morente. La crisi del capitalismo in India sta trascinando le donne negli abissi della brutalità e della disperazione.

In India, l’oppressione delle donne porta con sé tutto il peso della cultura, della religione, delle norme sociali e del primitivo sistema delle caste. Ma ancora più importante, il fattore della povertà significa che una donna dal giorno in cui nasce è considerata uno svantaggio per la famiglia. Se la bambina non viene abortita durante la gravidanza, ci si aspetta che lei compensi la propria esistenza sostenendo la famiglia attraverso il lavoro salariato, i lavori domestici e sposandosi in modo tale da migliorare la propria posizione economica. Passando dall’essere proprietà del padre o del fratello a proprietà del marito, le donne della classe lavoratrice e le contadine vivono una vita subordinata dalla culla fino alla tomba.

 

Vivere nell’ombra

La vita delle donne lavoratrici e contadine è fatta di difficoltà e ostacoli enormi. Spesso queste donne vivono all’ombra dei propri mariti e padri. Nel 2016, il National Crime Records Bureau ha riferito che viene registrato un crimine contro una donna ogni tre minuti, ogni ora almeno due donne vengono aggredite sessualmente e ogni sei ore una donna sposata viene picchiata a morte, bruciata o spinta al suicidio. Nel 95 per cento dei casi di stupro denunciati, gli stupratori non erano estranei ma membri della famiglia, amici e vicini di casa.

Fin dalla tenera età le ragazze soffrono uno stato di denutrizione. Un’indagine afferma che più della metà delle donne indiane in età riproduttiva soffre di anemia. L’India ha il maggior numero di donne anemiche al mondo. Pratiche retrograde come mangiare solo dopo che tutti i maschi della famiglia hanno consumato il pasto contribuiscono a questa malnutrizione cronica.

La pandemia di coronavirus e il conseguente lockdown hanno esacerbato una situazione già tragica. Il rapporto 2020 sulla popolazione mondiale del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) ha avvertito che “la pandemia potrebbe vanificare tutti gli obiettivi raggiunti finora nella lotta contro le pratiche dannose contro le donne in tutto il mondo”. C’è stato un aumento dei casi di violenza domestica in India durante la pandemia e il lockdown. Un’altra inchiesta ha mostrato che il lockdown nazionale ha visto un aumento del 50% della violenza domestica.

La pandemia ha influito anche sull’accesso all’assistenza sanitaria. Ci sono state diverse segnalazioni di donne migranti che hanno partorito sui treni organizzati per riportare i migranti ai propri villaggi. A queste donne è stata negata l’assistenza sanitaria, sono state costrette a lasciare la città e hanno dovuto partorire su treni sporchi. Queste situazioni aumentano il rischio di infezione sia per la madre che per il bambino. Un altro rapporto afferma che, durante la pandemia, a un milione e 850.000 donne è stato negato l’accesso agli aborti a causa delle restrizioni. Il lockdown ha anche reso estremamente difficile per le donne accedere ai servizi di salute sessuale o riproduttiva e ai prodotti sanitari.

La pandemia ha anche aumentato il numero di donne che tornano ad essere relegate al lavoro domestico in modo permanente. Le donne hanno 1,8 volte più probabilità di perdere il lavoro rispetto agli uomini. Ciò significa che le donne sono maggiormente costrette a restare a casa e a dedicarsi ai lavori domestici. I dati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico hanno riferito che, in media, le donne svolgono ogni giorno quasi sei ore di lavori domestici, incluso l’educazione dei figli, mentre gli uomini dedicano meno di 36 minuti al giorno a queste faccende. Questo è almeno il 40 per cento in più di quello che fanno le donne in Africa subsahariana e in Cina. Questo aumento del carico di lavoro ha portato a più stress, ansia e altri problemi di salute mentale.

La farsa dello slogan del BJP Beti Bachao, Beti Padhao

La condizione delle donne è ulteriormente peggiorata sotto il governo antioperaio del primo ministro Narendra Modi. Da quando è salito al potere nel 2014, Modi ha continuato sempre con la stessa musica: Beti Bachao, Beti Padhao Yojna (salvare le nostre figlie, istruire le nostre figlie). Ha affermato di mettere i problemi delle donne al centro delle priorità del proprio partito di destra, ma campagne come Beti Bachao, Beti Padhao Yojna non sono state altro che una farsa. Questa particolare campagna mirava a prevenire l’aumento dei tassi di aborto selettivo in base al sesso del nascituro. Nonostante la precedente legislazione contro l’aborto selettivo in base al sesso, questo tipo di aborto persiste a causa della povertà. Il costo di una dote e del frazionamento della terra per la famiglia dello sposo rendono le figlie un peso economico per le famiglie rurali e questo contribuisce a questa pratica barbara. La maggior parte di questi aborti vengono operati illegalmente e portano ad ulteriori complicanze per la salute della madre. Secondo il Population Research Institute, in India si sono verificati almeno 12.711.043 aborti selettivi per sesso dal 2000 al 2014. Una media giornaliera di 2.332 aborti selettivi per sesso.

La promessa di Modi di risolvere questa crisi non ha portato a nulla. Il suo programma è stato introdotto nel 2014. Tuttavia, i dati del Ministero per le donne e l’Infanzia (Ministry of State for Womena and Child Development) nel 2018 hanno riferito che il 56% dei fondi per il programma è stato utilizzato per la pubblicità, mentre solo il 26% è stato utilizzato in diverse regioni e stati per opuscoli informativi.

Manifestazione contro la legge discriminatoria sulla cittadinanza approvata dal governo MOdi

Il regime patriarcale, sessista e nazionalista di Modi è un nemico di tutte le donne lavoratrici e e contadine.
Nel 2017, il BJP ha spinto la Corte Suprema a vietare il triplo talaq o “divorzio istantaneo” nella comunità musulmana. Lodato dalla destra Hindu come un modo per riformare le pratiche islamiche conservatrici e per salvare le donne dalla morsa del patriarcato, si tratta di uno strumento utilizzato per criminalizzare in modo facile gli uomini musulmani. Permette a chiunque, non solo alla moglie, di sporgere denuncia contro un musulmano. La pena detentiva è di tre anni. Anche la destra religiosa musulmana sta cercando di sfruttare questa situazione per opprimere ulteriormente le donne musulmane. Perciò le donne subiscono il fanatismo religioso da entrambe le parti, dai leader religiosi e dai politici Hindu e musulmani.

La legge sul triplo talaq è stata approvata nello stesso momento in cui Modi e il BJP si sono opposti alla criminalizzazione dello stupro all’interno del matrimonio. La corte suprema ha cercato di far passare questa legge per criminalizzarlo, ma è stata bloccata. Secondo i membri del BJP, questa legge “non può essere adeguatamente applicata nel contesto indiano”.

Nel 2018, il BJP si è pronunciato contro la decisione della corte suprema di consentire alle donne di visitare il santuario di Sabarimala nel Kerala meridionale. Alle donne è stato vietato di visitare questo tempio e molti altri a causa del loro ciclo mestruale. La pratica arcaica di bandire le donne dai luoghi di culto a causa delle mestruazioni cementa ulteriormente l’oppressione delle donne. Le mestruazioni sono viste come disgustose e peccaminose: una ragazza che ha le mestruazioni in India dovrà affrontare l’esclusione sociale, interrompere la frequenza a scuola e persino di andare al lavoro, con conseguente isolamento a casa. Quando la corte suprema ha annullato il divieto, il BJP ha chiesto un blocco dell’intero Paese.

Modi ha anche peggiorato la situazione per le donne in Kashmir. Con l’annessione dello stato del Jammu e Kashmir, ha continuato a incoraggiare l’esercito indiano a compiere violenze nella regione, soprattutto contro le donne. Lo stupro e le aggressioni alle donne in Kashmir sono usati come un modo per punire gli abitanti del Kashmir. I soldati hanno confessato e prodotto documenti che dimostrano che è stato loro ordinato formalmente di violentare le donne del Kashmir come un modo per intimidire gli uomini del Kashmir, dissuadendoli dalla lotta per la libertà. Ad oggi 671 donne sono state uccise e 11.179 molestate dalle truppe indiane dal gennaio 2001.

L’esempio più barbaro di punizione delle donne nella regione del Kashmir è quello dello stupro e l’omicidio del 2018 di Aasifa Bano di Kathua, di otto anni. Aasifa Bano viveva nel villaggio di Rasana vicino a Kathua nel Jammu e Kashmir e apparteneva a una comunità nomade. È stata presumibilmente catturata mentre faceva pascolare il bestiame in terra Hindu. Sette Hindu (tra cui quattro poliziotti e un sacerdote del tempio) l’hanno ripetutamente violentata e poi uccisa per strangolamento. Due ministri del BJP hanno guidato le contromanifestazioni per il rilascio gli accusati. Questa non è la prima volta che parlamentari del BJP sono stati coinvolti in atroci crimini contro le donne. Con l’aiuto della polizia e di altri funzionari statali, molti parlamentari del BJP riescono a farla franca con stupri di gruppo, molestie su minori e altro ancora.

Dopo che Modi ha revocato lo status speciale del Kashmir dalla costituzione indiana nell’agosto 2019, un leader del BJP a Haryana ha dichiarato pubblicamente in una manifestazione che le donne in Kashmir saranno ora disponibili per gli uomini indiani.

Ciononostante il più grande attacco contro le donne della classe lavoratrice in India da parte del regime di Modi è stato l’attacco al movimento operaio nel suo complesso. Gli stati controllati dal BJP hanno dato il via libera alla rimozione delle leggi sul lavoro per allungare la giornata lavorativa da otto a dodici ore. In Uttar Pradesh, hanno persino tolto ai sindacati i diritti legali di organizzazione, così come il diritto ad un salario minimo. Il recente attacco ai diritti dei lavoratori dovuto alla pandemia getterà le donne nelle situazioni più disperate. Le donne e le ragazze saranno ulteriormente sfruttate in cambio del salario più basso possibile, spingendole verso povertà e indigenza ancora maggiori.

 

L’origine dell’oppressione femminile

L’oppressione delle donne non è il risultato di una predisposizione genetica in tutti gli uomini né fa parte della natura umana. L’oppressione delle donne è una conseguenza della società di classe. Nella sua opera, “Le origini della proprietà privata, della famiglia e dello Stato”, Fredrich Engels ha studiato le origini materiali dell’oppressione delle donne. Studiando le opere antropologiche di Henry Morgan, arrivò alla conclusione che gli esseri umani non hanno sempre vissuto nella società di classe e non hanno sempre patito l’oppressione e i conflitti che ne derivano. Le prime forme di società umana si basavano sulla cooperazione reciproca per la sopravvivenza e non dividevano o discriminavano in base al sesso. Il ruolo della donna all’interno della società dei cacciatori-raccoglitori era importante quanto quello dell’uomo.

Il passaggio alla sottomissione delle donne agli uomini è avvenuto in un periodo della storia in cui si è sviluppato un surplus di cibo rispetto al fabbisogno necessario per la sopravvivenza dei gruppi primitivi di cacciatori-raccoglitori. Il surplus di cibo ha permesso alle società di cacciatori-raccoglitori di stabilirsi in un’area e continuare a coltivare e migliorare la produttività della terra. Gli uomini svolgevano un ruolo dominante nell’agricoltura e iniziarono ad assumere la proprietà degli strumenti per il lavoro agricolo. Nel tempo, questo ha costretto la donna lontano dai campi e dentro la casa. La rottura del nucleo familiare comunistico in un’unità ristretta con poche femmine per un solo uomo aveva uno scopo economico: proteggere ciò di cui un uomo si appropriava dagli altri uomini.

Il nucleo familiare ha subito una trasformazione, nel corso di decine di migliaia di anni, da una forma di relazione collettiva a un nucleo familiare stretto per proteggere la proprietà. Questo nucleo familiare economico trova la propria massima espressione sotto il capitalismo. Ci si aspetta che le donne facciano e crescano i figli dell’uomo al quale sono sposate per trasmettere agli eredi le sue proprietà e la sua ricchezza.

In India esistevano società di cacciatori-raccoglitori, ma questa forma di organizzazione sociale è stata sostituita dalle società agricole che si stavano diffondendo. Le società agricole hanno sostituito le primitive relazioni sociali tra uomini e donne nei gruppi di cacciatori-raccoglitori. Lo sviluppo nel corso di migliaia di anni di civiltà più grandi e avanzate a sua volta ha cambiato ulteriormente le relazioni tra donne e uomini.

Lo sviluppo del capitale industriale in India sotto il colonialismo britannico è stato un passo in avanti progressivo per le donne. Le donne sono state strappate da forme arcaiche di oppressione e isolamento nelle zone rurali e gettate nelle fabbriche urbane insieme ai lavoratori uomini, creando una classe operaia industriale. Tuttavia, questo processo è stato portato avanti in modo non uniforme, poiché la maggior parte della popolazione ha continuato a vivere e lavorare nelle aree rurali.

Il lavoro salariato industriale ha sviluppato una coscienza di classe collettiva tra donne e uomini che sarebbe altrimenti impossibile nel mondo contadino. Donne e uomini che lavorano nelle fabbriche hanno iniziato a lottare prima di tutto per i diritti dei lavoratori, per il diritto di formare sindacati e per l’indipendenza. Usando i metodi di lotta della classe operaia come scioperi, occupazioni e scioperi generali, i lavoratori hanno combattuto e vinto molte riforme. Anche il capitalismo in qualche modo ha abbattuto pratiche barbare primitive, come il Sati, il vecchio rituale brutale delle donne che si suicidano bruciando nella pira insieme ai propri mariti defunti.

Naturalmente, mentre le donne venivano coinvolte nella produzione industriale, erano anche costrette a svolgere impieghi degradanti come servitù domestica e prostituzione, mentre il lavoro minorile era sempre più frequente sotto il colonialismo britannico.

La storia della società di classe è sanguinosa e violenta, e divide gli uomini in ricchi e poveri. Tuttavia ha anche creato le basi per la propria distruzione. Sotto il capitalismo, la classe operaia è l’unica classe nella storia che può porre fine alla società di classe. Il marxismo vede la liberazione delle donne come parte della lotta per la liberazione della classe operaia nel suo insieme. La classe operaia gioca un ruolo rivoluzionario nel distruggere il capitalismo, poiché il suo ruolo nella produzione industriale può bloccare il Paese e, con la giusta leadership rivoluzionaria, organizzare la produzione per i bisogni dei lavoratori, non per il profitto.

Il movimento della classe operaia può anche guidare la lotta dei contadini, poiché i contadini da soli (data la loro forma dispersa di produzione) non possono svolgere un ruolo guida nella lotta contro lo Stato. Il miglior esempio che abbiamo di questo è la Rivoluzione Russa, che è stata innescata dalle lavoratrici: una piccola percentuale della società rispetto alla schiacciante maggioranza dei contadini. Attraverso i metodi della lotta di classe, scioperi generali e occupazioni, le lavoratrici insieme ai lavoratori uomini abbatterono il regime zarista, che era in piedi da tre secoli, nella prima parte della rivoluzione, e giocarono un ruolo vitale nel rovesciamento del capitalismo nell’ottobre 1917.

Eliminare l’oppressione per decreto?

Negli ultimi anni ci sono state manifestazioni a livello nazionale per fermare la violenza contro donne e ragazze. La maggior parte di questi movimenti si è concentrata sulla necessità di riforme legislative. Tuttavia, le leggi e le regole per proteggere le donne e i bambini non si sono tradotte in uguaglianza e sicurezza nella vita reale, poiché ciò che sta alla base dell’oppressione delle donne è la base materiale della povertà e dello sfruttamento salariale.

Le leggi che vietano i matrimoni infantili non hanno impedito che i matrimoni infantili si svolgessero in India. I matrimoni infantili esistono a causa dalla povertà. I genitori sposano le proprie figlie per il semplice motivo che non possono continuare ad un’altra bocca da sfamare. La maggior parte dei matrimoni infantili si svolge nelle zone rurali. Le ragazze delle zone rurali appartengono agli strati più poveri della società.

La pandemia ha peggiorato la situazione poiché molte di queste bambine ricevevano un pasto a scuola. Con le scuole chiuse, i genitori hanno fatto sposare le figlie per evitare costi aggiuntivi per il cibo. Un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato nell’aprile 2020 ha affermato che la pandemia potrebbe portare a 13 milioni di matrimoni infantili nel prossimo decennio. Un’altra stima arriva alla cifra di quattro milioni di ragazze che saranno a rischio di matrimoni infantili nei prossimi due anni.

Atti barbari come stupri di gruppo e omicidi hanno sconvolto il Paese e innescato massicce manifestazioni che chiedevano la pena di morte per gli stupratori. Nel 2019, una veterinaria di 27 anni è stata violentata da un gruppo e uccisa e il suo corpo è stato scaricato sul ciglio della strada, provocando manifestazioni di massa in tutta la nazione. I quattro uomini sono stati poi colpiti e uccisi da un agente di polizia in una presunta sparatoria durante la custodia. Migliaia di persone hanno celebrato la morte di questi uomini, ma niente di tutto questo ha funzionato come deterrente contro lo stupro e la violenza in generale.

Lo stupro e la violenza contro le donne derivano dall’idea prevalente che le donne siano proprietà sessuale degli uomini e della famiglia e che possano essere usate quando tornano utili e che debbano eseguire gli ordini. In India la violenza più diffusa contro le donne è la violenza domestica. Un rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità nel 2017 ha affermato che il posto dove le donne sono più a rischio in India è a casa propria. Ogni tre secondi, una donna indiana viene violentata dal proprio marito.

I movimenti per cambiare il sistema legale per proteggere le donne all’interno dei loro matrimoni sono costantemente bloccati dalla classe dirigente e dall’élite politica che proteggono il nucleo familiare patriarcale.

Nel 2019, l’ex capo della giustizia Dipak Misra ha dichiarato:

“Non credo che lo stupro coniugale debba essere considerato un reato in India perché si creerebbe un’assoluta anarchia nelle famiglie e il nostro paese si sta reggendo sulla “Piattaforma familiare” che sostiene i valori della famiglia”.

E comunque, anche se venissero approvate leggi per proteggere le donne dalla violenza e accelerare il perseguimento dei casi di stupro in tribunale, quanto cambierebbe la situazione? Può una donna povera della classe operaia che viene violentata dal marito, il capofamiglia, andare in tribunale e chiedere giustizia? Dovrebbe trattare con gli stessi agenti di polizia, giudici e tribunali che incolpano e umiliano le donne per quel crimine, e vi prendono anche parte. Come possono queste istituzioni dello stato capitalista proteggere donne e ragazze? Quanto tempo e denaro ci vorrebbero per portare a termine una causa contro un marito violento con un salario minimo o nullo e senza assistenza legale? Cosa farebbe la moglie se venisse cacciata dalla sua casa e dalla sua comunità per averlo fatto? Dove andrebbe per avere un lavoro e un tetto sulla testa? Cosa succederebbe ai suoi figli?

La preoccupazione principale che tiene le donne bloccate in situazioni familiari violente è la mancanza di mezzi finanziari per andarsene. Una donna divorziata non solo sarebbe isolata dalla famiglia, ma dovrebbe anche trovare un modo per sopravvivere economicamente. Le donne lavoratrici ricevono un salario talmente basso da essere patetico, i locatari discriminano le donne single e divorziate e ottenere servizi all’infanzia a prezzi accessibili è quasi impossibile. La divisione tra donne e uomini non esiste nella nostra genetica ma esiste nelle nostre condizioni sociali. Sotto il capitalismo, le donne sono oppresse, da un lato come lavoratrici e dall’altro come donne.

L’unico modo per combattere la violenza contro le donne è attraverso un programma di servizi sociali che liberino le donne dalla dipendenza dalla famiglia. Un’economia socialista pianificata con un piano nazionale alloggi darebbe alle donne la possibilità di vivere con la propria famiglia o da sole. Insieme all’alloggio, un asilo nido di buona qualità aperto tutto il giorno consentirebbe alle donne di lavorare liberamente. Posti di lavoro sindacalizzati che garantiscano un salario dignitoso consentirebbero alle donne di lavorare in condizioni di decenza e rispetto e non essere alla mercé dei capi sfruttatori e sessisti. L’istruzione gratuita e l’assistenza sanitaria gratuita consentirebbero a donne e bambini di uscire dalla povertà e dall’arretratezza e di prendersi cura della propria salute. Le mense pubbliche e le lavanderie in ogni comunità, sia rurale che urbana, libererebbero le donne dalla fatica quotidiana di cucinare e lavare.

Attualmente, il capitalismo indiano spende meno del 3% del PIL totale per l’istruzione (2018-2019) e circa l’1,28% per l’assistenza sanitaria. Gli alloggi sono costruiti dai privati, e l’asilo nido pubblico è inesistente.

Solo in un’economia nazionalizzata e controllata dai lavoratori possiamo parlare di simili riforme sociali ed economiche. Solo sotto il socialismo, quando tutta l’umanità sarà uscita dalla povertà e dal bisogno che la degradano, potremo parlare di rapporti autentici che si sviluppano tra gli esseri umani senza costrizioni economiche e violenza.

Oppressione di genere e di casta

L’oppressione delle donne ha anche una caratteristica distintiva in India, Nepal e Sri Lanka, cioè il sistema delle caste. L’oppressione subita dalle donne di casta inferiore, in particolare le donne Dalit (della classe più bassa) è particolarmente atroce. Il sistema delle caste è un sistema di divisione del lavoro all’interno della popolazione indiana vecchio di 3000 anni. Sebbene il sistema sia stato ufficialmente abolito nel 1950, l’antico sistema di rigida gerarchia sociale persiste ancora oggi in tutti gli aspetti della vita. Il sistema delle caste classifica gli Hindu dalla nascita, definendo il loro posto nella società, dove possono vivere, quali lavori possono fare e chi possono sposare.

Una protesta dei Dalit

I Dalit e molte comunità tribali non sono nemmeno considerati parte del sistema di caste originale. Pertanto, furono esclusi dalla società e in seguito divennero noti come intoccabili. Attualmente, i Dalit costituiscono il 16% della popolazione.

La casta e la religione si sono rivelate utili per la tattica del divide et impera dei colonialisti britannici. Il sistema delle caste ha permesso ai britannici di classificare facilmente gli strati inferiori della società in termini di lavoro salariato. Tuttavia, figure come BR Ambedkar (un noto paladino nella lotta contro la discriminazione di casta), hanno ulteriormente cementato le divisioni di casta tra i lavoratori, perché invece di organizzare caste inferiori nella lotta di classe generale per rovesciare l’imperialismo e il capitalismo, hanno combattuto solo per il riconoscimento politico delle caste inferiori.

Oggi, il sistema delle caste è rafforzato in India dalla classe dominante a servizio degli interessi del capitale. La ricchezza circola all’interno dei gruppi delle caste superiori, offrendo loro migliori posizioni socioeconomiche, intrappolando le famiglie delle caste inferiori nella povertà perpetua e nel lavoro in condizioni di sfruttamento. Sebbene esista una legislazione per fermare la discriminazione economica e sociale basata sulla casta, ciò coinvolge solo alcuni dei Dalit e delle comunità tribali. La stragrande maggioranza resta schiacciata da povertà e violenza.

Ambedkar era un convinto sostenitore del capitalismo e odiava la Rivoluzione Russa del 1917 e le idee marxiste in generale. Rimase vicino agli inglesi e prese volentieri la carica, istituita per la prima volta, di capo del Ministero della Giustizia dell’India dopo l’indipendenza. Ignorando la storia di Ambedkar e il veleno della politica basata sul sistema delle caste, i partiti comunisti stalinisti oggi nella loro completa degenerazione stanno cercando di costruire un legame scellerato tra le idee di Ambedkar e il marxismo.

Tra il 2007 e il 2017, secondo le statistiche del National Crime Bureau i crimini contro i Dalit sono aumentati del 66%, mentre gli stupri contro le donne Dalit sono raddoppiati. Ogni giorno vengono violentate 6 donne Dalit. La violenza inflitta a queste donne proviene sia dagli uomini delle caste superiori che da quelli della loro stessa casta. I media hanno riportato innumerevoli storie di stupri di gruppo e brutali violenze sessuali inflitte a giovani donne Dalit da uomini delle caste superiori. Questi uomini sono protetti dalla comunità e dalla polizia, che spesso prendono parte allo stupro.

Il sistema delle caste, insieme all’oppressione delle donne, è precedente al modo di produzione capitalista, ma entrambi sono utilizzati dal sistema capitalista per estrarre più profitto dai lavoratori. Le donne di casta inferiore sono una fonte di manodopera estremamente a buon mercato. Queste donne spesso sono impiegate al di fuori dei settori formali facendo lavori come lavare e pulire le strade, raccogliere le carcasse delle mucche, servizi domestici e così via.

I partiti politici che cercano di rappresentare i Dalit e altre caste inferiori non hanno mai presentato un programma contro il capitalismo e promettono sempre qualche riforma per il loro collegio elettorale Dalit entro i confini del capitalismo.
Queste briciole sono solitamente vantaggiose per uno strato superiore di persone privilegiate appartenenti a queste caste, che alla fine diventano parte della classe dirigente indiana. L’esperienza di BSP (Bahujan Samaj Party, un partito che rappresenta i Dalit) e SP (Samajwadi Party, che rappresenta le caste povere e svantaggiate, note come Other Backward Class, cioè Altre Classi Arretrate, o OBC) in Uttar Pradesh ha chiaramente esposto i limiti del riformismo all’interno del capitalismo. Solo una lotta rivoluzionaria condotta su linee di classe per rovesciare il capitalismo può porre fine per sempre a questo sistema di caste. In questa lotta, operai e contadini di tutte le caste devono unirsi contro la classe dominante, che comprende tutte le caste. Anche Modi stesso proviene da una casta inferiore, ma questo non ha giovato a nessuna settore delle caste inferiori. Al contrario, il loro sfruttamento e la loro oppressione hanno raggiunto nuove vette.

Una situazione simile si vede con le donne che assumono posizioni di autorità all’interno di questo sistema, che non ha risolto nessuno dei problemi affrontati da milioni di donne che vivono in India. Nonostante Indira Gandhi sia stato uno dei primi ministri più famosi del Paese e l’elezione di molte altre donne come ministri e leader politici come Mayawati, Jayalalitha, Sonia Gandhi, Sheila Dixit e altri, l’oppressione affrontata dalle donne della classe lavoratrice continua ad aumentare.

L’unico modo per liberare l’India dal sistema delle caste, insieme all’oppressione delle donne, è sbarazzarsi delle basi materiali dell’artificiale scarsità di risorse. Se tutti avessero ad un’istruzione di qualità, alloggi a prezzi accessibili, assistenza sanitaria gratuita e servizi per l’infanzia indipendentemente da casta, religione, sesso e lingua, non ci sarebbe alcuna base per la discriminazione e la divisione. La discriminazione esiste a causa della distribuzione disuguale dei beni. L’unico modo per liberarsi è espropriare le leve principali dell’economia e metterle nelle mani dei lavoratori perché gestiscano la produzione per tutti.

L’approccio sbagliato del Partito Comunista all’oppressione delle donne

Secondo un articolo del 2017 del CPI (M) (Communist Party of India (Marxist)) sull’oppressione delle donne, il CPI (M) ha circa 1,1 milioni di membri in India, di cui il 16% (oltre 150.000) sono donne. Questo è più di quanto avevano i bolscevichi in termini di membri del Partito, e molto di più se prendiamo in considerazione i militanti donne, durante la Rivoluzione russa. La tragedia è che, sin dall’inizio della sua storia, il Partito Comunista indiano ha perso e fatto fallire molte opportunità rivoluzionarie per rovesciare il capitalismo.

I partiti comunisti dell’India e dell’Asia meridionale (CP) seguono la teoria stalinista delle due fasi. Credono che le riforme democratiche borghesi come la riforma agraria per i contadini debbano essere attuate istituendo un “governo democratico dei lavoratori e dei contadini” in India. Solo quando questo sarà stabilito potranno poi avanzare verso il socialismo.

Invece questa tattica significa che i partiti comunisti stalinisti e i gruppi costituiti da scissioni di questi partiti in India e Nepal sono degenerati nel cretinismo parlamentare e si concentrano principalmente sulla conquista di seggi elettorali in qualsiasi stato o parlamento possibile. Poiché i precedenti governi guidati dal CPI (M) non hanno cambiato radicalmente la situazione dei lavoratori e hanno stretto alleanze con i partiti capitalisti del Congresso, molte delle zone rosse storiche dell’India sono andate perdute. Mettere efficacemente fine all’oppressione significherebbe organizzare i sindacati e i lavoratori per rovesciare il capitalismo.

Il Partito Comunista indiano, insieme ai sindacati, ha organizzato i più grandi scioperi generali che il mondo abbia mai visto. Tuttavia, invece di organizzare lo sciopero generale per una lotta ad oltranza contro il capitalismo, il CPI (M) ha sempre lasciato che i movimenti di sciopero si spegnessero dopo un paio di giorni. La burocrazia stalinista nel partito ha paura dei lavoratori e preferisce deviare la lotta e usarla per fare accordi nei corridoi del parlamento. Tuttavia, se avessero intrapreso una lotta determinata mobilitando i sindacati e i loro iscritti sulla base di un programma rivoluzionario, avrebbero potuto facilmente spazzare via il regime indiano marcio proprio come Lenin, Trotskij e i bolscevichi fecero nella Rivoluzione Russa del 1917.

Per i marxisti rivoluzionari, la politica parlamentare non è che uno dei mezzi per rovesciare il capitalismo. Oggi, i partiti comunisti potrebbero organizzare i loro membri e la maggioranza dei sindacati per uno sciopero generale ad oltranza contro il regime di Modi e il capitalismo. Il PC può aprire la strada all’espropriazione dei vertici dell’economia, implementando il controllo dei lavoratori e facendo appello alla classe operaia internazionale per diffondere la rivoluzione. Eppure questo non è quello che vediamo fare al PC e gli altri partiti stalinisti. La politica parlamentare diventa l’unico mezzo con il quale si assicurano le proprie posizioni e i propri privilegi, relegando la lotta di classe per il socialismo come un obiettivo lontano.

Poiché non c’è una vera direzione da parte dei partiti del PC o dei sindacati delle lavoratrici, sono le femministe borghesi e le ONG a riempire il vuoto. Le femministe borghesi si concentrano sulla lotta per la parità di diritti all’interno del sistema, sul modello dei diritti e dele libertà che le donne hanno nei paesi capitalisti avanzati.

Tuttavia, i recenti movimenti per i diritti delle donne negli Stati Uniti, in Francia, in Spagna e in altri paesi capitalisti avanzati hanno mostrato chiaramente il volto brutale di questa cosiddetta uguaglianza dei sessi sotto il capitalismo. Gli attacchi allo stato sociale e l’aumento della disoccupazione stanno trascinando indietro nel tempo la posizione delle donne.

La posizione delle donne sotto i Bolscevichi, e in seguito sotto lo stalinismo

La vita delle donne lavoratrici e contadine in Russia prima della Rivoluzione d’Ottobre era deplorevole. La donna non era altro che bestiame per un uomo: una forma di proprietà per farne ciò che gli piace. Alle donne è stata negata l’istruzione, il diritto al divorzio e all’aborto e lo stato incoraggiava persino la violenza sulla propria moglie.

Ne “Lo sviluppo del capitalismo in Russia”, Lenin traccia lo sviluppo accelerato dell’industria capitalista in Russia, e spiega che lo sviluppo capitalista ha abbattuto le vecchie relazioni patriarcali feudali che legavano le donne così strettamente alla casa. Il capitalismo russo aveva bisogno di donne lavoratrici perché costavano molto meno degli uomini. Le donne hanno iniziato a lavorare nelle fabbriche, ad essere esposte al processo di produzione collettiva e ad organizzarsi collettivamente con i loro compagni maschi nelle officine per migliori salari e condizioni di lavoro.

La Rivoluzione d’Ottobre del 1917 distrusse il modo di produzione capitalista e con esso le vecchie forme di oppressione subite dalle donne. Nel 1918 furono effettuate le nazionalizzazioni di grandi industrie e messe nelle mani dei lavoratori. Questo atto di per sé richiedeva la partecipazione attiva delle donne e degli oppressi. Il partito bolscevico compiva uno sforzo consapevole per coinvolgere le donne in attività rivoluzionarie. Il movimento operaio russo ed i bolscevichi svolgevano un lavoro costante negli stabilimenti e scioperi per organizzare le donne decenni prima del 1917.

Sebbene sia vero che uno Stato operaio non sradicherà dall’oggi al domani le donne e l’oppressione create, la natura stessa di uno Stato operaio eroderà rapidamente le divisioni e le relazioni sociali dannose che sono state create tra i lavoratori.

Ad esempio, un impianto di produzione nazionalizzato e gestito dai lavoratori non avrà padroni che discriminano sulla base della razza, del genere o della casta. L’assunzione e la formazione qualificata dei lavoratori sarà effettuata dai lavoratori stessi potranno contare sul fatto che ogni membro della comunità o della regione svolga il proprio lavoro, indipendentemente dal proprio genere o contesto di provenienza. I reparti avranno più donne e persone oppresse che lavoreranno fianco a fianco con gli uomini, e questo eliminerà rapidamente le divisioni all’interno delle relazioni sociali ereditate dal passato Una retribuzione equa e dignitosa per tutti i lavoratori, indipendentemente dal sesso, dalla religione o dalla razza all’interno di ogni impianto di produzione, insieme agli asili nido e alle mense con pasti gratuiti, promuoverà la solidarietà e l’unità tra tutti i lavoratori.

La Rivoluzione d’Ottobre è stata in grado di mettere in discussione le basi materiali dell’oppressione delle donne. Sotto il capitalismo, le donne sono legate alla casa e usate come riserva di forza lavoro per mantenere bassi i salari. La Rivoluzione Russa ha portato avanti enormi programmi di assistenza sociale per portare le donne fuori dalla cucina e dalla fattoria e inserirle nel lavoro politico e produttivo. Gli asili nido aperti 24 ore su 24 hanno permesso alle donne di lasciare i propri figli in custodia mentre lavoravano e partecipavano alla vita politica del partito. I servizi di ristorazione pubblica hanno liberato le donne dalla schiavitù di cucinare tutto il giorno. Sono state condotte campagne di alfabetizzazione in modo che tutte le donne avessero accesso all’istruzione gratuita. Il divorzio e l’aborto erano accessibili in modo semplice.

Tuttavia, mentre l’Unione Sovietica sotto Lenin e i bolscevichi sulla carta era lo stato più libero per i lavoratori, le donne e gli oppressi, in realtà aveva molti limiti da affrontare. La liberazione delle donne non poteva essere completamente sradicata a causa dell’isolamento della Rivoluzione Russa.

Il presupposto per il socialismo è sviluppare le forze produttive a un livello tale da provvedere alle necessità di tutti: questo è possibile solo su scala internazionale perchè il mercato è internazionale. Le rivoluzioni fallite in Europa isolarono l’Unione Sovietica. L’URSS fu costruita su basi estremamente arretrate, per non parlare degli effetti della prima guerra mondiale, che decimò la classe operaia in Russia. Inoltre, 21 eserciti imperialisti stranieri invasero l’Unione Sovietica, interrompendo il vettovagliamento e affamando i popoli sovietici perché combattevano per la propria libertà. In queste condizioni non è possibile liberare le donne dall’oppressione di classe. Da queste condizioni, una burocrazia si è sollevata al di sopra dei lavoratori e anche al di sopra del partito bolscevico per guidare e controllare la produzione e, infine, il risultato della rivoluzione. Ciò è spiegato brillantemente ne La rivoluzione tradita di Trotskij. Stalin era a capo di questa burocrazia e ha presentato ai lavoratori russi l’idea del socialismo in un paese solo.

La burocrazia stalinista non era interessata agli sforzi internazionali per liberare la classe operaia e gli oppressi. Sebbene l’economia pianificata all’interno dell’Unione Sovietica fosse un passo avanti, essa non ha liberato completamente le donne e gli oppressi. Questa controrivoluzione politica si vede chiaramente osservando condizione delle donne. La burocrazia aveva bisogno della vecchia famiglia borghese come base sociale mentre portava avanti la propria controrivoluzione politica. Sotto Stalin, la struttura della famiglia nucleare fu rafforzata, il divorzio e l’aborto divennero più difficili da ottenere e l’omosessualità fu nuovamente criminalizzata.

La donna libera dall’uomo, entrambi liberi dal capitale

La lotta per liberare la classe operaia dal capitalismo al giorno d’oggi deve coinvolgere le donne e tutti gli strati oppressi della società. Il compito dei bolscevichi rivoluzionari è di spiegare che affinché le donne siano libere dall’uomo, entrambi devono essere libere dal capitale . Il sistema capitalista ha deviato e pervertito i rapporti tra uomini e donne, rendendo l’uomo padrone e la donna schiava. Questo non fa parte della natura umana ma riflette il sistema di sfruttamento del lavoro salariato.

In India, le donne e le ragazze non saranno salvate dalle attività delle ONG, dal femminismo borghese o da riforme annacquate delle quali beneficiano in pochissimi. La vera libertà e uguaglianza tra uomini e donne possono essere realizzate solo quando tutti hanno un accesso equo e gratuito a necessità di base come la casa, il lavoro e l’istruzione. Senza nessuna di queste cose, l’uguaglianza non è altro che un pezzo di carta, e questo è il marchio della democrazia borghese sotto il capitalismo. È solo in un’economia socialista pianificata che può essere realizzato il primo passo verso la liberazione delle donne.

Un sistema capitalista nella fase della propria crisi più profonda dalla Grande Depressione sta trascinando le donne nella miseria e nella brutalità. In risposta, ci sono movimenti di proporzioni oceaniche che stanno crescendo contro l’oppressione delle donne in Spagna, Messico, Polonia, India e Stati Uniti. Le donne e gli oppressi stanno combattendo con tutte le proprie forze contro un sistema oppressivo e tutti i suoi sintomi di decadenza. L’oppressione è parte integrante del capitalismo e, se non viene rovesciato, la miseria continuerà. Dobbiamo lottare fino a sradicarlo completamente.

Articoli correlati

India

Kashmir: una valle in rivolta

Il Kashmir occupato dall’India è in rivolta dal’8 luglio, il giorno dell’omicidio di Burhani Wani, un comandante del gruppo Hizbul Mujahideen, da parte delle truppe indiane. L’omicidio ha scatenato un movimento di protesta di massa in tutta la valle del Kashmir. Lo stato indiano ha risposto in maniera brutale, imponendo un coprifuoco draconiano, uccidendo più di 80 persone e ferendone migliaia. Pubblichiamo un commento sulla situazione attuale di Yasir Irshad, un marxista della TMI nel Kashmir occupato dal Pakistan.

India

India: 200 milioni in sciopero contro gli attacchi ai diritti dei lavoratori

Quando il secondo proletariato più numeroso al mondo incrocia le braccia, i numeri dello sciopero non possono che essere stupefacenti. In India nelle giornate del 8 e del 9 gennaio tra 150 e 200 milioni di lavoratori hanno aderito allo sciopero indetto da 10 sindacati centrali contro le politiche economiche e del lavoro del governo Modi.

India

India – Lo sciopero dei contadini deve far cadere il governo!

Centinaia di migliaia di contadini e membri di organizzazioni di sostegno provenienti da diverse parti dell’India stanno marciando verso Delhi per portare avanti uno sciopero/sit-in a tempo indeterminato. La marcia ‘Delhi Chalo’ è partita il 26 novembre 2020. Le loro principali richieste includono l’abrogazione di tre Farmers Bills (leggi sui contadini Ndt) approvati dal governo di Modi.

India

India: 250 milioni partecipano allo sciopero generale – Esplode il movimento di massa contro la nuova legge sulla cittadinanza.

L’8 gennaio, l’India si è bruscamente fermata quando più di 250 milioni di persone in tutto il paese hanno partecipato allo sciopero generale, convocato dai dieci sindacati centrali e hanno manifestato contro le politiche brutali del regime di Modi.

India

Kashmir: la classe operaia dell’intera regione lotterà contro le misure draconiane di Modi

Le misure draconiane del governo Modi riguardanti il Kashmir hanno provocato ripercussioni in tutta la regione. Il 5 agosto, con un decreto presidenziale è stato revocato dopo più di settant’anni lo statuto speciale allo stato di Jammu e Kashmir, conteso con il Pakistan. Anche l’autonomia costituzionale è stato improvvisamente revocata senza alcun passaggio democratico.

Pakistan

In difesa del diritto del popolo del Kashmir a decidere il proprio destino!

La seguente dichiarazione della Tendenza marxista internazionale affronta l’oppressione incessante e brutale del Kashmir. Abbasso l’imperialismo! Per la lotta dei lavoratori per la liberazione del Kashmir! Per una Federazione socialista dell’Asia meridionale!