4 Dicembre 2020 Arsalan Ghani (da www.marxist.com)

India – Lo sciopero dei contadini deve far cadere il governo!

Centinaia di migliaia di contadini e membri di organizzazioni di sostegno provenienti da diverse parti dell’India stanno marciando verso Delhi per portare avanti uno sciopero/sit-in a tempo indeterminato. La marcia ‘Delhi Chalo’ è partita il 26 novembre 2020. Le loro principali richieste includono l’abrogazione di tre Farmers Bills (leggi sui contadini Ndt) approvati dal governo di Modi.

Attualmente, gli agricoltori hanno bloccato cinque punti d’ingresso a Delhi e paralizzato il traffico autostradale verso la città. La voce che circola è che gli agricoltori abbiano parzialmente assediato la città. La polizia e le forze paramilitari hanno brutalmente attaccato i contadini in marcia con manganelli, gas lacrimogeni e cannoni ad acqua, ferendo gravemente molti manifestanti.

Lo stato sta costringendo i leader della protesta a sbloccare i punti di entrata e uscita e a spostare il luogo del sit-in a Burari, una località che si trova a circa 20 km dal Rashtrapati Bhavan (Parlamento), nella periferia di Delhi. I contadini dicono che Burari è una prigione a cielo aperto, con una forte presenza paramilitare. I lavoratori agricoli non sono disposti ad andarci e stanno ancora occupando Singhu e Tikri ai confini di Delhi.

Gli agricoltori ricevono solidarietà e sostegno a livello nazionale da lavoratori, sindacati e altre organizzazioni. Per la prima volta, dopo un giorno di sciopero il 26 novembre, i sindacati dei lavoratori dei trasporti di Delhi hanno minacciato uno sciopero a tempo indeterminato se le richieste degli agricoltori non saranno soddisfatte dal governo, contribuendo a paralizzare le strade di Delhi. Tra questi ci sono i lavoratori dei taxi, delle auto a noleggio, degli autobus e dei camion privati. I loro leader sindacali hanno partecipato alle proteste degli agricoltori e hanno mostrato solidarietà. Hanno dato due giorni di ultimatum al governo per risolvere i problemi degli agricoltori.

Anche le organizzazioni studentesche ed accademiche con i loro sindacati sono solidali con i contadini che protestano. Diversi gruppi religiosi oppressi che si trovano ad affrontare le persecuzioni del governo Modi accolgono con favore la marcia verso Delhi.

Il governo ha liquidato in maniera sprezzante le proteste dei contadini. Anche la riunione d’emergenza convocata dal premier Modi, del ministro dell’Interno Amit Shah e del ministro dell’Agricoltura Tomar, che si sono incontrati per risolvere la situazione, non ha portato ad alcuna soluzione. Modi ha intensificato le campagne mediatiche che spiegano i benefici delle nuove leggi agricole per l’economia e la società indiana. Ha definito, in modo falso, la grande protesta degli agricoltori uno stratagemma dei partiti dell’opposizione per indebolire il governo.

Altri leader del BJP e i media di destra stanno sputando veleno contro i contadini giorno e notte. Costoro stanno etichettando i manifestanti come banditi antipatriottici, nazionalisti khalistani (movimento sikh che vuole creare uno stato indipendente, il Khalistan appunto, nel Punjab indiano, ndt), naxaliti (movimento guerrigliero maoista, ndt), jihadisti del Shaheen Bagh (Shaheen Bagh è un distretto di Delhi, teatro di molte proteste contro il Citizen Act, la legge del 2019 che discrimina le minoranze, ndt), agenti finanziati dall’estero, e così via.

Usano l’odio sprezzante anche per tenere lontani dalle manifestazioni i partiti dell’opposizione. In realtà, i partiti politici dell’opposizione non sono molto coinvolti in queste proteste. I media mainstream hanno anche scritto (mentendo) a proposito di presunte prove di finanziamenti stranieri per destabilizzare l’India. Essi sostengono che tutti coloro che partecipano alle manifestazioni sono antipatriottici e che le accuse di grava sedizione dovrebbero essere rivolte contro di loro.

Il governo ha scelto 30 organizzazioni del Punjab per negoziare piccoli aggiustamenti sui Farmers Bills, perché non hanno intenzione di abrogarli. Vogliono difendere queste leggi a tutti i costi. Inoltre, vogliono escludere dalla discussione la cancellazione del debito e altre richieste economiche simili portate avanti dai manifestanti.

Una crisi politica

A causa delle proteste degli agricoltori, il BJP sta attraversando un momento di crisi. Le contraddizioni interne al BJP si stanno approfondendo con lo sviluppo di questa lotta. Negli ultimi giorni, il segretario generale del Punjab BJP e il capo dell’organizzazione giovanile del Punjab si è dimesso dalle sue funzioni a causa della protesta degli agricoltori. Un deputato del Parlamento dello Stato di Haryana si è dimesso dalla sua carica di presidente dell’Ente di amministrazione del bestiame e ha espresso il suo sostegno agli agricoltori. Altri Alleati del BJP minacciano di lasciare la New Democratic Alliance, la coalizione di governo. Il partito SAD del Punjab ha già lasciato la coalizione, e ora altri partiti stanno seguendo questa direzione, compreso il RLP in Rajasthan.

La crisi sta anche mettendo a nudo come i partiti dell’opposizione non abbiano nulla da offrire sia ai lavoratori che agli agricoltori. Essi criticano i Farm Bills sulla base del modo in cui sono stati approvati in parlamento, ma sono in totale accordo con il loro contenuto.

Lo Shiromani Akali Dal, un partito di destra spesso ritratto come il rappresentante dei contadini del Punjab, è molto screditato. L’AAP, un partito di destra che governa Delhi, è incerto nei confronti dei Bills a causa delle difficoltà che sta incontrando a gestire le proteste dei contadini e dei lavoratori. Anche il Partito del Congresso non fornisce un’alternativa alla crisi. Il leader del Congresso Rahul Gandhi ha espresso il suo “forte sostegno” agli agricoltori, esortando i membri del partito a considerare la distribuzione di pacchetti di cibo a coloro che protestano. Akhilesh Yadav, ex primo ministro dello Stato dell’Uttar Pradesh, e Shiv Sena, un partito di estrema destra che governa il Maharashtra, stanno limitando le loro rimostranze ai maltrattamenti subiti dai contadini durante le proteste.

I partiti della sinistra non offrono alcuna soluzione alla crisi

Le proteste dei contadini e dei lavoratori hanno anche messo in cattiva luce i cosiddetti partiti di sinistra, che non sono stati in grado di offrire alcuna soluzione alla crisi. I segretari generali dei cinque partiti di sinistra CPI, CPI(M), CPI (ML), RSP (Revolutionary Socialist Party, nato negli anni trenta nella lotta anticoloniale in Bengala, antistalinista, ha poi sviluppato posizioni riformiste, ndt) e AIFB (All India Forward Bloc, partito nazionalista, scissione del Congress, sempre negli anni trenta del secolo scorso), hanno rilasciato una dichiarazione congiunta, limitando ancora una volta le loro critiche al modo in cui i disegni di legge sono stati approvati in parlamento, esprimendo con forza la necessità per loro di rispettare il “processo democratico e le norme”.

Quasi tutti i cosiddetti “partiti di sinistra” hanno un radicamento tra i contadini e questi guardano alla loro direzioni per guidare la lotta, ma non c’è nessuna intenzione di muoversi in questa direzione. Piuttosto che mobilitare i loro quadri per guidare la marcia dei contadini, i leader della sinistra hanno raccomandato ai loro quadri e ai loro membri di mostrare solidarietà nelle loro città “adeguando le loro azioni alle condizioni locali”, il che significa, in ultima analisi, non fare nulla e rimanere a casa. Questo è esattamente quello che è successo nel Maharashtra, nel Madhya Pradesh e nel Rajasthan, dove questi partiti hanno una presenza significativa di quadri tra i contadini, ma non hanno promosso alcuna mobilitazione per unirsi a quelli che marciano verso Delhi. Un’azione militante piuttosto limitata è stata organizzata da alcuni elementi del CPI(M), che hanno occupato la filiale della Banca di Stato dell’India a Rajapalayam per protestare contro l’uso di cannoni ad acqua da parte del governo contro gli agricoltori, come descritto da fonti ufficiali.

Gli attacchi della destra

Tutti i principali partiti in Punjab e in altre parti dell’India sono stati screditati dalle proteste dei contadini e dei lavoratori nel corso di molti anni. Modi sa bene che i partiti dell’opposizione non hanno nessuna credibilità e che non raccoglieranno un sostegno significativo sull’ondadei movimenti di massa. Scommette sulla base di sostegno di massa per il BJP e intensifica il suo solito mantra di odio insieme ad aumentare la sua arroganza, la brutalità e la repressione contro tutti i movimenti che minacciano il suo regime.

Il presidente ha usato forze paramilitari e cannoni ad acqua sui manifestanti e non è disposto a negoziare il ritiro dei progetti di legge. Il BJP sta inoltre mobilitando l’apparato statale per accusare i manifestanti di sedizione e di altri numerosi crimini, lasciando che si occupi di loro la magistratura corrotta o che debbano affrontare pene detentive e continue vessazioni da parte della polizia per molti anni a venire.

Mentre le proteste erano in corso, il governo ha proposto altre leggi contro i contadini e contro i lavoratori, tra cui la legge sull’elettricità 2020, questo per logorare il movimento e condurre a favore del governo le estenuanti negoziazioni in atto.

Modi sta ulteriormente cercando di rompere l’unità degli agricoltori e delle loro organizzazioni durante le trattative. Come spiegato, in origine, il governo ha scritto a 30 organizzazioni in Punjab per aprire i negoziati. In seguito, hanno aggiunto altre 6 organizzazioni a questa lista. Tra queste, concedono che siano presenti solo 7 rappresentanti al tavolo delle trattative. I 30 leader delle organizzazioni selezionate hanno iniziato immediatamente a prendere le distanze dall’AIKSCC (All India Kisan Sangarsh Coordination Committee, comitato di cooordinamento delle organizzazioni degli agricoltosi) e stanno preparando il terreno per negoziare con il governo e accettare le sue richieste. Hanno persino impedito agli oratori dell’AIKSCC di parlare in qualsiasi raduno. Questo sta creando forti tensioni tra i membri delle 30 organizzazioni del Punjab e l’AIKSCCC, che rappresenta 500 organizzazioni di tutta l’India, incluso il Punjab.

Mentre i contadini chiedono la cancellazione dei debiti degli agricoltori e la riduzione dei costi relativi alla prima linea produttiva, ci sono intermediari, strozzini e commercianti infiltrati nel movimento attraverso le loro organizzazioni, che vedono la loro attività messe in serio pericolo. Costoro vorrebbero che la richiesta di “cancellazione del debito” venisse eliminata dalle discussioni, oppure vorrebbero che il governo garantisse loro i pagamenti in caso di cancellazione dei prestiti agli agricoltori. In entrambi i casi, vorrebbero guidare le trattative e cacciare via le organizzazioni di agricoltori che chiedono la cancellazione del debito, come fa l’AIKSCC.

Gli agricoltori dovrebbero rifiutare questi espedienti del governo per rompere l’unità del movimento. Tutti i burocrati dovrebbero essere cacciati, se si mostrano disponibili a far deragliare il movimento degli agricoltori.

Cosa fare ora?

Non c’è dubbio che queste leggi sono reazionarie e devastano la vita dei contadini. Tuttavia, per molti anni i contadini sono stati sottoposti a continue oppressioni e sfruttamento da parte dello stato, degli intermediari e delle banche a causa delle leggi vigenti e del sistema capitalistico che è la causa principale di tutti i problemi che gli agricoltori devono affrontare.

La marcia dei contadini verso Delhi è una strategia corretta adottata dai contadini, che mostra un significativo sviluppo nella loro coscienza di massa.

Gli agricoltori devono fare affidamento sulle loro forze, nessun intermediario e nessun partito politico dell’opposizione verrà ad aiutarli. Per generazioni, i contadini sono stati oppressi da vari soggetti del sistema. Questa è un’occasione significativa per rimettere le cose a posto.

Se i contadini si ritirano e mostrano debolezza, questo inviterà lo stato e la destra a divenire ancora più aggressivi. Il governo scatenerà l’inferno sulle vite dei contadini e intensificherà notevolmente la brutalità e lo sfruttamento; la sanguinosa repressione dei movimenti passati come quello del 1984 e il Jalianwala bagh del 1919 (meglio noto come il massacro di Amritsar, dove i britannici uccisero 379 manifestanti, ndt) sembreranno un gioco da ragazzi.

Gli agricoltori devono unire le forze con i lavoratori e i sindacati per uno sciopero generale ad oltranza fino a quando le loro richieste non saranno soddisfatte. Gli scioperi generali sono un grande passo avanti e sono un’enorme dimostrazione di forza da parte della classe operaia, ma finora questi non sono stati in grado di risolvere i problemi dei lavoratori. Il governo Modi ha approvato leggi antisindacali, e uno sciopero di un giorno non potrebbe abrogarle. Il presidente sta continuando ad approvare impunemente leggi contro i lavoratori e l’unico modo per fermarlo è quello di procedere verso uno sciopero generale a tempo indeterminato.

Gli agricoltori dovrebbero costringere Modi a dimettersi se le loro richieste non vengono soddisfatte. Dovrebbero far cadere questo governo draconiano, prendere in mano la situazione e gestire la società nel loro interesse. Per uno sciopero generale a tempo indeterminato, gli agricoltori dovrebbero fare appello ai lavoratori di diversi settori, come quelli delle fabbriche di fertilizzanti e pesticidi, delle fabbriche di macchinari agricoli, dei trasporti, delle banche, delle assicurazioni, della produzione di elettricità, della fornitura di acqua, della sanità, dell’istruzione e altri ancora.

Questo sciopero potrebbe non solo aprire la strada al rovesciamento della nuova legislazione contro gli agricoltori, ma anche rovesciare questo governo, che è nemico del popolo. Inoltre, questo sciopero porrà la questione di chi gestisce la società, che in realtà sono i lavoratori e i contadini di questo paese, piuttosto che i banchieri, i politici corrotti, i burocrati e gli sporchi capitalisti che vivono in case di lusso. Questo sciopero solleverà anche la questione del sistema capitalista, che è alla base di ogni sfruttamento dei lavoratori in tutto il paese e che può essere sostituito solo da un’economia pianificata socialista per garantire una vita migliore a milioni di oppressi, che sono sfruttati dagli squali corporativi sostenuti dal brutale apparato statale.

Noi rivendichiamo:

1. Dimissioni immediate di Narendra Modi e Amit Shah

2. Immediata abrogazione di tutte le leggi contro gli agricoltori e i lavoratori

3. Cancellazione immediata di tutti i debiti degli agricoltori

4. Tutti i lavoratori, gli studenti e i giovani di Delhi si uniscano ai contadini per occupare Jantar Mantar Delhi.

5. Non uno sciopero di un giorno, ma uno sciopero generale a oltranza fino a quando tutte le richieste non saranno soddisfatte.

Abbasso il governo Modi
Lunga vita alla lotta dei contadini indiani
Lunga vita all’unità dei contadini e dei lavoratori
Per uno sciopero generale a tempo indeterminato
Lavoratori di tutto il mondo unitevi!

Articoli correlati

India

India – Per porre fine all’oppressione delle donne dobbiamo lottare per il socialismo!

Una donna appartenente ad una casta inferiore, quella dei Dalit, è morta in un ospedale di Delhi martedì 29 settembre dopo essere stata violentata e torturata da quattro uomini nel distretto di Hathras dell’Uttar Pradesh. L’indignazione pubblica sta travolgendo il Paese. Questa azione raccapricciante e disumana ha evidenziato ancora una volta la barbarie che le donne povere delle caste inferiori affrontano quotidianamente in India, una barbarie radicata nel marcio sistema capitalista.

India

India: 200 milioni in sciopero contro gli attacchi ai diritti dei lavoratori

Quando il secondo proletariato più numeroso al mondo incrocia le braccia, i numeri dello sciopero non possono che essere stupefacenti. In India nelle giornate del 8 e del 9 gennaio tra 150 e 200 milioni di lavoratori hanno aderito allo sciopero indetto da 10 sindacati centrali contro le politiche economiche e del lavoro del governo Modi.

India

India: 250 milioni partecipano allo sciopero generale – Esplode il movimento di massa contro la nuova legge sulla cittadinanza.

L’8 gennaio, l’India si è bruscamente fermata quando più di 250 milioni di persone in tutto il paese hanno partecipato allo sciopero generale, convocato dai dieci sindacati centrali e hanno manifestato contro le politiche brutali del regime di Modi.

Pakistan

In difesa del diritto del popolo del Kashmir a decidere il proprio destino!

La seguente dichiarazione della Tendenza marxista internazionale affronta l’oppressione incessante e brutale del Kashmir. Abbasso l’imperialismo! Per la lotta dei lavoratori per la liberazione del Kashmir! Per una Federazione socialista dell’Asia meridionale!

Pakistan

Kashmir: una valle in rivolta

Il Kashmir occupato dall’India è in rivolta dal’8 luglio, il giorno dell’omicidio di Burhani Wani, un comandante del gruppo Hizbul Mujahideen, da parte delle truppe indiane. L’omicidio ha scatenato un movimento di protesta di massa in tutta la valle del Kashmir. Lo stato indiano ha risposto in maniera brutale, imponendo un coprifuoco draconiano, uccidendo più di 80 persone e ferendone migliaia. Pubblichiamo un commento sulla situazione attuale di Yasir Irshad, un marxista della TMI nel Kashmir occupato dal Pakistan.

Pakistan

Kashmir: la classe operaia dell’intera regione lotterà contro le misure draconiane di Modi

Le misure draconiane del governo Modi riguardanti il Kashmir hanno provocato ripercussioni in tutta la regione. Il 5 agosto, con un decreto presidenziale è stato revocato dopo più di settant’anni lo statuto speciale allo stato di Jammu e Kashmir, conteso con il Pakistan. Anche l’autonomia costituzionale è stato improvvisamente revocata senza alcun passaggio democratico.