15 Maggio 2020

Incendio a Marghera – Quando gli “schei” comandano sulla vita e la salute

Stamattina si è consumato l’ ennesimo incidente sul posto di lavoro. Nello stabilimento chimico di Porto Marghera 3V Sigma è divampato un incendio che ha ferito gravemente due lavoratori, portati d’urgenza in ospedale, e ne ha intossicati almeno altri quattro.

Una tragedia annunciata: a luglio i lavoratori erano scesi in sciopero denunciando le condizioni precarie dello stabilimento, specie del sistema anti-incendio e del sistema di illuminazione che mettevano in pericolo sia i dipendenti che la cittadinanza. “Non vogliamo finire come la Thyssen krupp” dicevano i lavoratori.

La tossicità dei solventi usati nello stabilimento ha portato il comune a invitare la cittadinanza di Marghera a restare in casa e chiudere le finestre per poche ore. Eppure l’aria è ancora satura di sostanze chimiche dannose che venivano lavorate nello stabilimento e il vento spira in direzione del centro storico di Venezia: il sindaco Brugnaro ha ritirato l’emergenza senza nemmeno sapere quali sostanze pericolose avrebbero respirato i suoi concittadini!

Ricordiamo che Marghera aspetta da decenni una bonifica delle devastazioni ambientali provocate dal Petrolchimico e dalle aziende dell’indotto. Sono centinaia le famiglie che hanno pianto un loro caro, dagli anni ottanta in poi, a causa di tumori incurabili.

Siamo di fronte all’ennesima dimostrazione di come la borghesia sia insensibile ai danni che la corsa sfrenata al profitto procuri alla salute dei lavoratori e come questa si riversi su tutta la cittadinanza. La totale indifferenza per la salute delle persone a vantaggio dei profitti dei capitalisti ha portato il governatore Zaia ed essere il capofila della riapertura di tutte le fabbriche. Con il suo proverbiale cinismo a fine aprile aveva affermato: “Il 60% delle aziende non ha mai chiuso, tanto vale aprirle tutte”. Al triste primato detenuto dal Veneto, una delle regioni leader per numero di infortuni sul lavoro, si somma anche il rischio del contagio da Coronavirus col benestare della Regione.

Questo disastro annunciato avviene due giorni dopo il secondo anniversario della tragedia delle Acciaierie Venete a Padova, dove due lavoratori perirono dopo mesi di atroci sofferenze a causa di terribili ustioni. Ancora oggi i responsabili di quella strage non sono nemmeno comparsi davanti ai giudici!

In questa situazione d’emergenza sanitaria, dove da un lato si chiama al senso di responsabilità del distanziamento sociale e dall’altro Confindustria preme e agguanta un libera tutti per i profitti di pochi sulla pelle di molti, le istituzioni dimostrano ancora una volta di essere colluse con la classe capitalista e con Confindustria, non avendo nessuna remora a lasciare i lavoratori in condizioni precarie per il loro profitto.

Per questo noi vogliamo un cambiamento radicale nella società. Per questo noi combattiamo per una migliore condizione di vita per tutti! E’ ora di ribadire che #nonsiamocarnedamacello

 

Articoli correlati

No-Tap – Occupazione militare nel Salento

Nella notte di oggi l’intero paese di Melendugno è stato completamente militarizzato per permettere la ripresa dei lavori per la Tap (Trans Adriatic Pipeline).

Se una soluzione all’interno del sistema è impossibile, allora dobbiamo cambiare il sistema

Pubblichiamo il testo del documento prodotto da Fridays for future Crema per l’assemblea nazionale costituente del movimento “Fridays for future Italia”, tenutasi il 12-13 aprile a Milano.

Michelin – Fossano non deve chiudere!

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una lettera firmata da un lavoratore della Michelin.

Intervista a un attivista studentesco russo – Il futuro ci appartiene!

Abbiamo parlato con Leonid Shaidurov: un attivista 17enne che ha giocato un ruolo chiave nel movimento degli scioperi studenteschi per il clima in Russia. Ha organizzato gli studenti nelle scuole ed è un membro sia del consiglio coordinatore dei Fridays for Future internazionale che del comitato organizzativo in Russia.

Lotta contro la TAP: vincere è possibile!

Continua nel Salento la lotta contro la TAP (Trans Adriatic Pipeline), mega-gasdotto che, attraversando la Grecia, dovrebbe portare il combustibile dall’Azerbaigian fino alle coste salentine, per proseguire poi fino in Nord Europa. Centinaia di attivisti stanno in questi giorni portando avanti iniziative pacifiche ma decise per cercare di impedire i lavori di realizzazione di questa grande opera inutile.

Il capitalismo sta uccidendo il pianeta… Abbiamo bisogno di una rivoluzione!

“L’oceano si sta sollevando, e lo siamo facendo anche noi.” era quello che si leggeva su un cartellone al recente corteo #YouthStrike4Climate a Londra. I giovani di tutto il mondo stanno scendendo in piazza per affrontare il problema scottante della nostra epoca: la catastrofe climatica imminente.
La dichiarazione della Tendenza marxista internazionale