15 Maggio 2020 Sinistra classe rivoluzione Venezia

Incendio a Marghera – Quando gli “schei” comandano sulla vita e la salute

Stamattina si è consumato l’ ennesimo incidente sul posto di lavoro. Nello stabilimento chimico di Porto Marghera 3V Sigma è divampato un incendio che ha ferito gravemente due lavoratori, portati d’urgenza in ospedale, e ne ha intossicati almeno altri quattro.

Una tragedia annunciata: a luglio i lavoratori erano scesi in sciopero denunciando le condizioni precarie dello stabilimento, specie del sistema anti-incendio e del sistema di illuminazione che mettevano in pericolo sia i dipendenti che la cittadinanza. “Non vogliamo finire come la Thyssen krupp” dicevano i lavoratori.

La tossicità dei solventi usati nello stabilimento ha portato il comune a invitare la cittadinanza di Marghera a restare in casa e chiudere le finestre per poche ore. Eppure l’aria è ancora satura di sostanze chimiche dannose che venivano lavorate nello stabilimento e il vento spira in direzione del centro storico di Venezia: il sindaco Brugnaro ha ritirato l’emergenza senza nemmeno sapere quali sostanze pericolose avrebbero respirato i suoi concittadini!

Ricordiamo che Marghera aspetta da decenni una bonifica delle devastazioni ambientali provocate dal Petrolchimico e dalle aziende dell’indotto. Sono centinaia le famiglie che hanno pianto un loro caro, dagli anni ottanta in poi, a causa di tumori incurabili.

Siamo di fronte all’ennesima dimostrazione di come la borghesia sia insensibile ai danni che la corsa sfrenata al profitto procuri alla salute dei lavoratori e come questa si riversi su tutta la cittadinanza. La totale indifferenza per la salute delle persone a vantaggio dei profitti dei capitalisti ha portato il governatore Zaia ed essere il capofila della riapertura di tutte le fabbriche. Con il suo proverbiale cinismo a fine aprile aveva affermato: “Il 60% delle aziende non ha mai chiuso, tanto vale aprirle tutte”. Al triste primato detenuto dal Veneto, una delle regioni leader per numero di infortuni sul lavoro, si somma anche il rischio del contagio da Coronavirus col benestare della Regione.

Questo disastro annunciato avviene due giorni dopo il secondo anniversario della tragedia delle Acciaierie Venete a Padova, dove due lavoratori perirono dopo mesi di atroci sofferenze a causa di terribili ustioni. Ancora oggi i responsabili di quella strage non sono nemmeno comparsi davanti ai giudici!

In questa situazione d’emergenza sanitaria, dove da un lato si chiama al senso di responsabilità del distanziamento sociale e dall’altro Confindustria preme e agguanta un libera tutti per i profitti di pochi sulla pelle di molti, le istituzioni dimostrano ancora una volta di essere colluse con la classe capitalista e con Confindustria, non avendo nessuna remora a lasciare i lavoratori in condizioni precarie per il loro profitto.

Per questo noi vogliamo un cambiamento radicale nella società. Per questo noi combattiamo per una migliore condizione di vita per tutti! E’ ora di ribadire che #nonsiamocarnedamacello

 

Articoli correlati

Internazionale

Il diluvio universale… di petrolio – Intervista a Enrico Duranti su Radio BlackOut

Stamattina Radio Blackout ha intervistato il nostro compagno Enrico duranti, militante No triv Crema, sulla devastante crisi petrolifera in corso, che ha portato a un crollo drammatico del prezzo di questa materia prima.

Giovani

Clima: il movimento rilancia!

Il terzo Climate Strike in Italia è stato un successo, con più di 500mila giovani in piazza, superando anche le cifre del primo sciopero del 15 marzo. Diversi aspetti hanno contribuito a questa crescita, che non è solo una crescita numerica ma uno sviluppo politico che merita di essere compreso.

Ambiente

L’illusione riformista del “Green New Deal”

In questi ultimi mesi si sta imponendo nel dibattito a sinistra la proposta del Green New Deal (Gnd), anche sull’onda delle mobilitazioni ambientaliste internazionali.

Ambiente

15 marzo, Global climate strike – 23 marzo, corteo contro le grandi opere: il nostro volantino

Venerdì 15 marzo è la volta anche in Italia del “global climate strike”, lo sciopero generale per il clima. Già decine di migliaia gli studenti sono scesi in piazza in

Ambiente

Il cambiamento climatico è politico – e deve esserlo anche Extinction rebellion

Le recenti manifestazioni di Extinction Rebellion hanno dimostrato il senso di urgenza che c’è tra gli attivisti per evitare una catastrofe climatica. Ma come deve procedere il movimento ambientalista? Un articolo dei nostri compagni britannici di Socialist appeal.

Ambiente

Dichiarazione della Tmi: per un cambiamento rivoluzionario, contro il cambiamento climatico!

Il movimento internazionale degli scioperi sul clima ha avuto ripercussioni in tutto il mondo. Nell’ultimo anno, nel corso di diverse giornate di azione globali, milioni di giovani da oltre 100 paesi hanno scioperato per unirsi alle proteste del “fridays for future”, rivendicando un’azione immediata contro la crisi climatica.