17 Giugno 2021 Ilic Vezzosi

In mostra: Pazienza e la Bologna del ’77

La mostra allestita a Palazzo Albergati a Bologna su Pazienza è una di quelle cose che è giusto definire imperdibili, non solo per gli appassionati di fumetti. E non soltanto per l’influenza che Andrea Pazienza ha avuto sulla cultura italiana, non solo nel fumetto, ma anche e soprattutto per il valore storico e politico della sua parabola artistica.

Le cento, e più, tavole originali che costituiscono la mostra, oltre a essere una vera e propria manna per gli occhi e una fonte di grande commozione per l’appassionato (come chi scrive), permettono al visitatore di seguire l’evoluzione di Pazienza, che è sì artistica ma anche e sopratutto politica e culturale.

Se, come diceva Marx, le idee non spuntano come funghi dopo la pioggia, anche i grandi artisti non compaiono dal nulla. Il genio di Pazienza si forma e matura in un ambiente particolare, quello della Bologna della metà degli anni ’70. Qui frequenta il DAMS (Dipartimento di Arti, Musica e Spettacolo, al tempo sperimentale), ma soprattutto quel movimento politico, giovanile e di classe che affondava le proprie radici nel biennio rivoluzionario del ’68/69. Erano già gli anni del riflusso, in cui il movimento sbandava, chiuso in un vicolo cieco tra il settarismo dei gruppi extraparlamentari e il riformismo del PCI e della CGIL. Ma la maggior parte dei protagonisti dell’epoca ancora non lo sapeva e si avviava verso un ultimo colpo di coda, prima della sconfitta alla FIAT del 1980, che avrà il suo apice proprio a Bologna nel 1977.

E quello è il posto e l’anno in cui Pazienza pubblica la sua prima grande opera, Le straordinarie avventure di Pentothal, le cui tavole, in cui sono ancora forti le influenze di Moebius e Magnus anche se già rielaborate in un tratto personale, vengono consegnate all’editore una settimana prima dell’omicidio da parte della polizia di Francesco Lorusso durante un corteo, e della seguente esplosione del movimento giovanile bolognese, che metterà a ferro e fuoco la città per alcuni mesi. Nelle tavole originali si possono vedere le modifiche che Pazienza apportò dopo l’omicidio di Lorusso, tavole che l’autore volle indietro proprio per cambiarne il finale e lasciarlo aperto.

Pentothal è stata giustamente definita l’opera che meglio di ogni altra testimonia quel particolare ambiente storico, le idee, le lotte, gli amori ma anche le bassezze e i tormenti che animavano i protagonisti di quell’epoca. Un ambiente e un periodo ricchissimi, dove attorno a Pazienza si muovevano anche altri grandi come Scòzzari, Liberatore e Vincino e tutta l’esperienza della Traumfabrik, da cui poi nasceranno riviste dalla portata storica come Il Male e Frigidaire.

Ma, appunto, come si diceva, il movimento era disperato e ormai avviato alla sconfitta, certificata ai cancelli della FIAT nel 1980. Questo cambiamento è ben visibile nelle opere e nelle tavole di Pazienza, soprattutto in quelle che si possono definire le altre sue due più importanti opere, Zanardi e Gli ultimi giorni di Pompeo. Nella prima va in scena l’avanzare del nichilismo disperato di una gioventù, borghese ma non solo, che trova nella violenza cieca il proprio senso e la propria rivalsa; nella seconda si legge invece la lenta discesa nella depressione e nell’autodistruzione tossica dell’artista, comune purtroppo a una parte del movimento giovanile, che non è riuscita a elaborare la sconfitta e non ha trovato vie d’uscita rassicuranti come il misticismo orientale o l’esistenzialismo.

Pazienza è stato, come spesso capita ai grandi geni, un sincero e cristallino interprete del suo tempo e grazie a lui abbiamo alcune opere attraverso cui sbirciare nel passato, immedesimarci e, se abbiamo gli strumenti, capire.

Articoli correlati

Arte letteratura cinema

“Sorry We Missed you!”, di Ken Loach – Un film che incontra la cruda realtà

Ci siamo ritrovati in una decina di delegati/e sindacali, tutti lavoratori (autisti, impiegati, addette call center…) tutti alle dipendenze dirette o negli appalti della multinazionale Ups. Scopo della serata: una visione collettiva dell’ultima pellicola di Ken Loach, Sorry We Missed You! “, un pugno allo stomaco che prende il titolo dall’avviso di passaggio lasciato dai corrieri nel Regno Unito.

Arte letteratura cinema

Blu – Coprire i murales, svelare le logiche del profitto

Tra sabato 12 e domenica 13 marzo lo street artist Blu ha cancellato tutte le sue opere a Bologna come segno di protesta contro una mostra sulla street art organizzata da Roversi Monaco, ex Magnifico rettore e personaggio di spicco della borghesia cultural-bancaria della città; Genius Bononiae, vale a dire l’ente che gestisce privatamente i musei comunali; con il sostegno della Fondazione Carisbo

Arte letteratura cinema

Fred Hampton, il rivoluzionario nero – Recensione del film “Judas and the Black Messiah”

“Non combatteremo il capitalismo con il capitalismo nero, combatteremo il capitalismo con il socialismo”. Nelle immagini all’inizio del film “Judas and the Black Messiah” è Fred Hampton ad esclamare questa parola d’ordine, un grido di lotta che fa tremare il Paese capitalistico più potente al mondo: gli Stati Uniti d’America.

Arte letteratura cinema

“I miserabili” di Ladj Ly – Un appello al conflitto

I miserabili è un film del 2019 Ladj Ly, un regista nero nato in un quartiere popolare di una città del nord della Francia. Il film non parla del romanzo di Victor Hugo, pur citandolo, ma bensì di una vicenda ambientata nella periferia di Parigi.

Francia

Francia: l’incendio di Notre Dame – Il capitalismo distrugge il nostro patrimonio storico

L’incendio che ha parzialmente distrutto Notre Dame è una tragedia per chiunque ammiri i capolavori culturali, artistici e architettonici dell’umanità. Il capitalismo sta mettendo a rischio i capolavori del passato e quelli delle società precedenti e ciò emerge in modo molto chiaro quando si esamina più da vicino ciò che è accaduto a Parigi lunedì 15 aprile.

Arte letteratura cinema

I Film Horror – Il declino del capitalismo visto attraverso l’obiettivo

In un articolo sulla prima guerra mondiale, Lenin una volta osservò che “la società capitalista è ed è sempre stata orrore senza fine”. Marx ha affermato che “Il capitale è lavoro morto, che si ravviva, come un vampiro, soltanto succhiando lavoro vivo e più vive quanto più ne succhia.”. Nello stesso capitolo de il Capitale, Marx paragona la ricerca di plusvalore dei capitalisti a una “fame da lupo mannaro”.