27 Marzo 2021 Alan Woods

In memoria di Hans-Gerd Öfinger (giugno 1955 – marzo 2021)

Ho appena ricevuto la triste notizia della morte del mio vecchio compagno e amico, Hans-Gerd Öfinger. È stato un grande shock ed è stata l’ultima cosa che mi aspettavo di sentire.

Solo un paio di settimane fa gli avevo inviato un’e-mail quando ho scoperto che sia lui che sua figlia Rosa avevano contratto il COVID-19. Mi aveva risposto per dire che si stava riprendendo bene ed era impaziente di tornare al suo lavoro rivoluzionario.

Questo è quello che mi aveva scritto:

“Ciao Alan,

“Grazie per aver pensato a noi e per i tuoi auguri e le tue parole incoraggianti. In effetti, il test positivo del Covid 19 di una settimana fa è stato uno shock per tutti noi alla fine di un inverno difficile. […]

“Ora dobbiamo concentrare le nostre forze sulla lotta al virus. Dopo il recupero, torneremo con nuovo vigore a costruire l’organizzazione.

“Leggerò attentamente il [documento] di Prospettive mondiali e attendo con impazienza la prossima riunione del Cei online. Penso che non vediamo tutti e due l’ora in cui ci potremo finalmente rivedere a Torino e Bardonecchia o altrove “.

Purtroppo, non ci incontreremo più da nessuna parte. Il compagno Hans-Gerd non è più con noi e ha lasciato un vuoto che sarà difficile colmare.

Da quello che ho appreso da un breve messaggio di sua moglie e compagna, Maria Clara, le circostanze della sua scomparsa sono state davvero tragiche. Sembrava essere guarito (come mi ha scritto nella sua lettera) e l’ultimo test è risultato negativo. Ma non è stato così.

La febbre si è alzata e ha avuto difficoltà respiratorie, morendo questo venerdì mattina. La sua morte è stata tanto più scioccante perché completamente inaspettata. È un colpo terribile per Maria Clara e Rosa, e anche per ogni compagno dell’Internazionale.

Hans-Gerd con Ted Grant e altri compagni

Ho incontrato Hans-Gerd per la prima volta negli anni ’70, un periodo burrascoso per la lotta di classe a livello internazionale, quando aderì a quella che allora si chiamava CWI, la vecchia Internazionale fondata e ispirata da Ted Grant, l’eccezionale teorico e leader rivoluzionario.

Era il 1974, quando Hans, che era ancora solo un adolescente, iniziò il suo impegno per la costruzione della sezione tedesca dell’Internazionale.

So che Ted Grant ha avuto un’influenza forte e duratura sul giovane Hans-Gerd. É stato il suo faro per tutto il resto della sua vita. Come Ted Grant, Hans-Gerd è sempre stato devoto alla teoria. Aveva una mente molto acuta e una profonda conoscenza della teoria marxista. Questo, ne sono certo, è ciò che lo ha sostenuto e lo ha fatto andare avanti nei momenti più difficili.

Come persona, l’ho sempre trovato molto umano, disponibile e affabile. Era sempre pronto alla battuta. Uno dei suoi momenti scherzosi preferiti era tormentarci durante le riunioni  internazionali con la sua particolare interpretazione della vecchia canzone tedesca Oh Du Lieber Augustin, in cui compensava con una dose di gusto ciò che gli mancava nella formazione musicale.

Hans-Gerd aveva partecipato alla fondazione della Cwi, nel 1974

Quando la scissione del Militant ebbe luogo nel 1992, Hans-Gerd non ha mai vacillato per un istante. Si è subito schierato dalla parte di Ted Grant, anche se questo significava essere in minoranza. Solo I miserabili codardi e gli opportunisti si nascondono dietro la maggioranza.

Il vecchio Engels ha scritto: “Marx e io siamo stati in minoranza per tutta la vita, ed eravamo orgogliosi di essere una minoranza”. Come loro, Hans non ha mai avuto paura di essere in minoranza e di lottare per le idee in cui credeva.

Da allora in poi, ha svolto un ruolo molto importante nella costruzione della Tendenza Marxista Internazionale. Ha rappresentato un duro lavoro in circostanze molto avverse. La maggior parte dei vecchi quadri della sezione tedesca era stata demoralizzata dagli intrighi del regime burocratico di Taaffe. Avevano abbandonato l’organizzazione ancora prima della scissione.

Ma Hans-Gerd, insieme a Maria Clara, moglie e compagna di una vita, e al compagno Christoff e alcuni altri, hanno continuato con ostinata determinazione.

Quella determinazione ferrea era una delle caratteristiche più degne di nota di questo compagno. A volte, potrebbe sembrare pura testardaggine. Ma questa stessa testardaggine è una caratteristica necessaria di ogni vero rivoluzionario. È ciò che ci consente di andare avanti, indipendentemente da tutte le difficoltà e gli ostacoli.

Ed è quello che ha fatto Hans-Gerd. Ha tenuto duro e ha mantenuto alta la bandiera tra alti e bassi. Questo, mi ricordo, era quello che Ted diceva sempre quando diceva addio a un compagno: “Manteniamo alta la nostra bandiera”.

E il compagno Hans-Gerd lo ha fatto fino alla fine.

Hans-Gerd a uno dei recenti congressi della TMI, con altri compagni della sezione tedesca

È grazie a lui che oggi la Tmi ha una promettente sezione tedesca, composta da una nuova generazione di giovani rivoluzionari che lottano per la causa della classe operaia. Crediamo fermamente che continueranno questa lotta che Hans-Gerd ha iniziato tanti anni fa e che l’ispirazione che ha fornito consentirà loro di portarla fino alla fine.

Ci sono molte altre cose che vorrei dire su quest’uomo straordinario. Ma lascerò le ultime parole a una poesia con un finale molto potente che mi è rimasto in mente dai tempi della scuola. Ma non sono mai riuscito a ritrovarla né a ricordare di chi fosse finché, un giorno, Hans-Gerd mi ha detto di averlo finalmente rintracciata.

È del grande poeta tedesco Joseph F. von Eichendorff e si intitola Die Fechter (Gli schermidori). Finisce con queste parole:

Im Walde da liegt verfallen
Der alten Helden Haus,
Doch aus den Thoren und Hallen
Bricht jährlich der Frühling aus.

Und wo immer müde Fechter
Sinken im muthigen Strauß,
Es kommen friſche Geſchlechter
Und fechten es ehrlich aus.

Nella foresta giace un caduto
La casa degli eroi del passato,
Ma dai suoi vecchi cancelli e corridoi
Ogni anno la primavera arriva come previsto.
E ogni volta che due schermitori cadono affondando
Alla fine delle loro forze e della loro volontà,
Arriveranno sempre nuove generazioni
Che combatteranno fino alla fine la giusta battaglia.

Il nostro cordoglio, affetto e solidarietà più profondi vanno a Maria Clara e Rosa. Sappiate che ogni membro dell’Internazionale è al vostro fianco in questi tragici momenti.

Articoli correlati

La TMI

Congresso mondiale TMI 2016 -Il congresso più riuscito fino ad oggi

Offriamo ai nostri lettori un primo resoconto del Congresso mondiale della Tendenza Marxista Internazionale, pubblicato su socialist.net, il sito della nostra sezione inglese, che comprende alcuni rapporti sulle discussioni tenutesi

La TMI

Il marxismo in marcia in tutto il mondo – Il congresso 2021 della TMI

Tra il 24 e il 27 luglio, più di 2.800 marxisti provenienti da oltre 50 paesi di tutto il mondo si sono riuniti online per il Congresso mondiale della Tendenza marxista internazionale (TMI). Questo congresso avrebbe dovuto originariamente svolgersi nel 2020, ma è stato rinviato a causa dello scoppio della pandemia di COVID-19.

La TMI

Primo maggio con la Tendenza marxista internazionale

FESTEGGIA IL PRIMO MAGGIO CON NOI, CON LA TMI!

La TMI

La morte di Alberto Arregui Álava

Stamattina siamo stati informati della notizia sconvolgente della morte improvvisa del compagno Alberto Arregui, un prominente marxista spagnolo che ho conosciuto per la prima volta durante la lotta clandestina contro la dittatura franchista negli anni ’70.

La TMI

Verso il congresso mondiale della TMI – Si prepara una nuova epoca di rivoluzioni

Dal 24 al 27 luglio 2021 la Tendenza marxista internazionale (di cui Sinistra classe rivoluzione è la sezione italiana) celebrerà il suo congresso mondiale. Il momento non potrebbe essere più appropriato: mai come nell’ultimo anno centinaia di milioni di persone hanno imparato sulla loro pelle o su quella dei loro cari che i problemi quotidiani, che siano il lavoro, la salute, la casa o la scuola, hanno una causa globale.

Il nostro movimento

Intervista radiofonica a Alan Woods

Durante il suo ultimo viaggio in Italia per la presentazione delle ultime edizioni italiane dei suoi libri, Le idee di Karl Marx e Storia del bolscevismo, Alan Woods è stato