5 Gennaio 2016

In memoria di Guido Picelli

Il 5 gennaio 1937 Guido Picelli moriva sul fronte di Guadalajara, mentre era al comando di un battaglione di repubblicani durante la guerra civile spagnola. In suo ricordo ripubblichiamo un articolo scritto due anni fa, in occasione dell’uscita di un documentario a lui dedicato

 

Recensione – un eroe scomodo, Guido Picelli

 

La storia si non ferma, essa si compie malgrado tutto, ciò che deve cadere cada, ciò che deve nascere nasca, sbarrate il corso di un fiume e avrete l’inondazione, sbarrate l’avvenire e avrete la rivoluzione” (G. Picelli).

PICELLINelle prossime settimane uscirà il film-documentario “Il Ribelle” dedicato al dirigente comunista Guido Picelli. Al film sarà affiancata una raccolta di scritti del comunista parmense e di documenti sulle vicende a lui legate. Un accurato lavoro di ricerca del regista Giancarlo Brocchi che, attraverso fonti documentali e visive inedite, tratte dagli archivi sovietici oltre che da quelli italiani e spagnoli, ha fatto luce sulla vita e sulla tragica scomparsa di uno dei simboli dell’antifascismo italiano.

Guido Picelli nasce a Parma nel 1889. Partecipa alla carneficina della prima guerra mondiale nella quale si distingue per il suo eroismo ottenendo la medaglia
di bronzo al valore militare, imparando inoltre le tecniche di guerra che gli saranno più volte utili nella lotta antifascista degli anni a seguire.

Come accade per decine di migliaia di proletari che vengono inviati al fronte come carne da cannone per Picelli la trincea è una scuola di vita e di lotta di classe. Può vedere con i suoi occhi le fucilazioni imposte da parte dei vertici del Regio esercito nei confronti di operai e contadini costretti combattere una guerra che non è nei loro interessi ma solo in quelli della monarchia e dei grandi capitalisti.

In questo contesto Picelli diviene socialista, iscrivendosi al Psi nel 1919. Nel 1920 fonda la Guardia rossa e viene incarcerato per attività sovversiva dovuta al blocco di un treno di soldati in partenza per l’Albania. Sarà scarcerato solo nel 1921 quando sarà eletto deputato del Psi a furor di popolo.

La sua notorietà è dovuta all’organizzazione degli Arditi del popolo, una vera e propria milizia antifascista che supera le divisioni di partito e organizza militanti comunisti, socialisti, anarchici e senza partito.

Nella battaglia di Parma dell’agosto 1922, Picelli organizza non solo alcune centinaia di Arditi del popolo che impediscono l’ingresso in città a migliaia di squadristi fascisti guidati da Italo Balbo, ma anche una vera e propria insurrezione dell’intera città. è la prima sconfitta del fascismo in campo aperto.

Davanti ai tentennamenti del Psi di fronte all’ascesa del fascismo, Picelli del 1924 aderì al Partito comunista. In quegli anni subì numerosi attacchi squadristi ma non piegò mai il capo, segnalandosi anche per aver innalzato la bandiera rossa sulla Camera dei deputati il 1° maggio 1924 per protestare contro l’abolizione della festa dei lavoratori da parte del fascismo.

La seconda parte del documentario svela aspetti in parte inediti e di grande interesse politico sul comunista parmense che, dopo aver sofferto il confino, riesce a fuggire in Unione sovietica nel 1932. Qui mette le sue competenze politiche e militari a disposizione della rivoluzione ma siamo negli anni della rivoluzione tradita e resta presto deluso dallo stalinismo.

Viene accusato, così come altri comunisti italiani, di sostenere posizioni di opposizione e presto emarginato.

Fonti documentarie dimostrano il coinvolgimento diretto dei dirigenti del Pci e in particolare di Togliatti nella sua emarginazione. È in questo contesto che nel 1936 decide di emigrare in Spagna allo scoppio della guerra civile, non senza problemi visto che, per l’accusa di “oppositore trotskista” che pende su di lui, gli viene inizialmente negato il passaporto. Giunto in Spagna si avvicina al Poum e discute con i suoi dirigenti di prendere la guida di una Brigata del partito antistalinista.

Impaurito dal carisma che l’eroe di Parma può suscitare, il Pci invia un vecchio amico di Picelli che lo convince a prendere il comando di una Brigata internazionale di soli italiani. Picelli accetta e si distinguerà per il suo eroismo in battaglia e per capacità di direzione. Il suo antistalinismo non gli sarà mai perdonato e forse per tale ragione morirà in circostanze dubbie sul fronte di Guadalajara.

Articoli correlati

Orazione funebre per Karl Marx

Il 14 marzo 1883, 134 anni fa, moriva a Londra Karl Marx. Pubblichiamo l’orazione funebre che Engeks, amico e compagno di lotta di tutta la vita, pronunciò al suo funerale.

50 anni fa nascevano le Pantere Nere

“Non mi fido più di voi, voi che continuate a dire «Andiamo piano!»” così cantava Nina Simone nel 1964, interpretando un sentimento molto diffuso tra la gioventù afroamericana. Anche se la schiavitù era stata abolita dopo la guerra civile (1865) per la comunità nera nel secondo dopoguerra la vita era ancora segnata dalla segregazione, dalla violenza e dalla povertà.

Le foibe e la lotta partigiana: la vera storia

Con una legge del 2004 è stato istituito il 10 febbraio come “giorno del ricordo”, in commemorazione delle cosiddette vittime delle foibe. Abbiamo pubblicato sulla nostro sito teorico marxismo.net alcuni articoli che hanno la funzione di valido antidoto ad un revisionismo che manca di qualsiasi credibile fonte storica.

Partigiani ieri, rivoluzionari oggi!

Il 70esimo anniversario della liberazione si preannuncia come un ulteriore passo verso la mummificazione e la distorsione “di Stato” della resistenza. La lotta partigiana e operaia di quegli anni è

1940 – 2018: 78 anni dall’assassino di Lev Trotskij – Esteban Volkov racconta

Il 21 agosto del 1940 il grande teorico marxista e combattente rivoluzionario Lev Trotskij morì per le ferite inflitte da un brutale attacco di un sicario di Stalin. Qui riproponiamo una trascrizione del discorso che Esteban Volkov, nipote di Trotskij, tenne alla fine di luglio del 2003 in una riunione della tendenza marxista internazionale.

25 APRILE – Le lezioni inascoltate della storia

Per combattere il fascismo oggi bisogna comprenderne il carattere di classe, il suo ruolo nella lotta tra le classi al servizio dei padroni. Nel 73° anniversario della liberazione è necessario imparare dalle lezioni della storia, per non ritrovarsi impotenti e con in mano solo armi spuntate come gli appelli alla Costituzione.