11 Marzo 2020

IMA (Bologna) – L’emergenza non sia a carico dei lavoratori!

Il COVID 19 allontana i clienti stranieri dall’Italia mentre all’estero i lavoratori italiani in trasferta spesso sono visti con diffidenza e rischiano di finire in quarantena. È la situazione tipica delle aziende del packaging bolognese.

IMA azienda di punta del settore e che dal 2008 ha visto una crescita impetuosa mentre in generale il settore metalmeccanico ha visto una progressiva perdita dei posti di lavoro, oggi, di fronte al rallentamento dei profitti basati al 95% sull’export, sceglie di preoccuparsi della salute dei propri dipendenti mettendoli in ferie obbligate per 3 settimane o in cassa integrazione se e quando il governo dovesse imporla per decreto. Non saranno tutti coinvolti, c’è della produzione da portare avanti – del resto il governo tutto ha vietato tranne che rischiare di ammalarsi al lavoro – chi in fabbrica e chi in smart working.

Le misure per evitare assembramenti sono state prese, quindi distributori del caffè spenti, pasto in mensa sostituito da un paio di panini e acqua e posti a sedere ridotti per evitare quella vicinanza che, con tutte le cautele possibili, è difficile mantenere rigidamente negli uffici e reparti quando si produce.

Che siano ferie imposte o cassa integrazione, questi strumenti che stanno sì nelle regole, negli accordi o nei decreti, ma tutto a carico dei lavoratori. La FIOM ha dichiarato che tutte le sue strutture sono impegnate ad evitare iniziative unilaterali delle imprese lesive dei diritti contrattuali compreso l’utilizzo delle ferie maturate nell’anno. E la FIOM a Bologna all’inizio della crisi del 2008 riusciva a fare accordi di cassa integrazione con l’integrazione salariale al 100% da parte delle aziende e il completo riconoscimento dei ratei (ferie, TFR…).

Questo deve essere tuttora la rivendicazione in IMA, utilizzare i profitti del nostro lavoro per assicurare la nostra salute.

Articoli correlati

Air Italy liquida in tronco 1450 dipendenti

La mattina dell’11 febbraio gli azionisti di Air Italy si riuniscono e già dal pomeriggio comunicano, senza alcun preavviso, ai lavoratori il loro licenziamento, con una mail, perché da lì a breve l’azienda verrà messa in “liquidazione in bonis” e i dipendenti dovranno così perdere il proprio posto di lavoro.

CCNL Terziario – La Filcams ritiri la firma!

Il 31 marzo è stata firmata improvvisamente l’ipotesi d’accordo tra sindacati e Confcommercio dopo che gli incontri erano stati ufficialmente sospesi. Cosa positiva, direte voi, ma i contenuti di questo

La Saeco non si tocca! La voce dei delegati Fiom

Raffaele e Barbara sono delegati RSU Fiom della Saeco, fabbrica i cui lavoratori dal 26 novembre scorso sono in lotta con un presidio permanente contro il licenziamento di 243 lavoratori annunciato dalla proprietà, la multinazionale Philips. Di questa vertenza si parla molto, non solo a Bologna e provincia. Sono già state coinvolte le istituzioni a livello locale, regionale e nazionale, tanto è vero che si è aperto un confronto tra il governo e la proprietà che dovrebbe riprendere il 18 gennaio 2016.

La lotta alla Castelfrigo: il buono, il brutto e il cattivo

La fine di questa orgogliosa lotta contro l’inferno del settore carni e delle (false) cooperative, portata avanti coraggiosamente da lavoratori doppiamente sfruttati, in quanto prevalentemente immigrati, non è ancora arrivata. Ma deve esserci una svolta immediata. L’immensa esperienza accumulata alla Castelfrigo non può andare dispersa!

Almaviva – la parola ai lavoratori!

Pochi giorni fa i lavoratori Almaviva si sono espressi in stragrande maggioranza contro l’ipotesi di intesa proposta dall’azienda. Intervistiamo Antonio Esposito che è RSU per l’ Slc-Cgil del sito napoletano dell’azienda leader dei call center in Italia.

Bologna – RCM: a pagare deve essere il padrone, non i lavoratori

Il volantino che distribuiremo oggi al presidio dei lavoratori Rcm, azienda a rischio di chiusura di Monteveglio (Bo).