IMA (Bologna) – L’emergenza non sia a carico dei lavoratori!

Il COVID 19 allontana i clienti stranieri dall’Italia mentre all’estero i lavoratori italiani in trasferta spesso sono visti con diffidenza e rischiano di finire in quarantena. È la situazione tipica delle aziende del packaging bolognese.

IMA azienda di punta del settore e che dal 2008 ha visto una crescita impetuosa mentre in generale il settore metalmeccanico ha visto una progressiva perdita dei posti di lavoro, oggi, di fronte al rallentamento dei profitti basati al 95% sull’export, sceglie di preoccuparsi della salute dei propri dipendenti mettendoli in ferie obbligate per 3 settimane o in cassa integrazione se e quando il governo dovesse imporla per decreto. Non saranno tutti coinvolti, c’è della produzione da portare avanti – del resto il governo tutto ha vietato tranne che rischiare di ammalarsi al lavoro – chi in fabbrica e chi in smart working.

Le misure per evitare assembramenti sono state prese, quindi distributori del caffè spenti, pasto in mensa sostituito da un paio di panini e acqua e posti a sedere ridotti per evitare quella vicinanza che, con tutte le cautele possibili, è difficile mantenere rigidamente negli uffici e reparti quando si produce.

Che siano ferie imposte o cassa integrazione, questi strumenti che stanno sì nelle regole, negli accordi o nei decreti, ma tutto a carico dei lavoratori. La FIOM ha dichiarato che tutte le sue strutture sono impegnate ad evitare iniziative unilaterali delle imprese lesive dei diritti contrattuali compreso l’utilizzo delle ferie maturate nell’anno. E la FIOM a Bologna all’inizio della crisi del 2008 riusciva a fare accordi di cassa integrazione con l’integrazione salariale al 100% da parte delle aziende e il completo riconoscimento dei ratei (ferie, TFR…).

Questo deve essere tuttora la rivendicazione in IMA, utilizzare i profitti del nostro lavoro per assicurare la nostra salute.

Articoli correlati

Corrispondenze Operaie

Almaviva, ancora un nulla di fatto – Esplode la rabbia dei lavoratori

Il 27 Maggio per i lavoratori Almaviva è stata un’altra giornata di lotta. Centinaia di lavoratori di Roma, Napoli e Palermo si sono ritrovati in un presidio determinato e combattivo a Piazza S.S. Apostoli a Roma.

Corrispondenze Operaie

Vertenza Yamaha/Minarelli Bologna – Una lotta coraggiosa che esige un bilancio onesto e critico

Il 13 dicembre si è conclusa, dopo tre mesi di lotta, la vertenza delle lavoratorici e dei lavoratori della Motori Minarelli di Bologna di proprietà della multinazionale Yamaha.

Corrispondenze Operaie

Trieste – Solidarietà alle lavoratrici e lavoratori delle mense scolastiche comunali

Pubblichiamo il volantino diffuso oggi da Sinistra classe rivoluzione Trieste allo sciopero delle lavoratrici e lavoratori delle mense scolastiche comunali

Corrispondenze Operaie

A proposito della lotta all’outlet di Serravalle Scrivia

C’è un luogo dove la vertenza contro la liberalizzazione degli orari è salita alla ribalta nazionale e i lavoratori hanno preteso a gran voce dai sindacati che per Pasqua lo sciopero fosse uno sciopero vero. Questo posto è l’outlet di Serravalle Scrivia, un immenso centro commerciale, il più grande d’Europa con 2.500 dipendenti di proprietà di una multinazionale americana.

Corrispondenze Operaie

Jabil: no ai licenziamenti, no ai ricatti!

Il 21 maggio la Jabil ha annunciato 190 licenziamenti per il sito di Marcianise, in provincia di Caserta. I licenziamenti collettivi sono scattati dal 25 maggio, data che segna la fine del periodo di cassa integrazione per i lavoratori. In barba al decreto Rilancio, che blocca i licenziamenti fino a metà agosto, l’azienda sfodera tutta la sua arroganza scavalcando le leggi dello stato

Corrispondenze Operaie

Accordo Amazon – La lotta non è in saldo!

Dopo il primo grande ciclo di lotte messo in atto dai lavoratori Amazon del sito di Piacenza, che li aveva visti scioperare anche durante il Black Friday (il giorno dei grandi sconti) e a Natale, il 22 maggio è stato siglato un accordo tra i sindacati confederali e l’azienda.