4 Settembre 2021 Mario Iavazzi (direttivo nazionale Cgil)

Il sindacato e l’obbligo vaccinale

Dichiarazione di Mario Iavazzi (Direttivo nazionale Cgil)
In una lettera inviata il 1 Settembre al Presidente del Consiglio, Cgil Cisl Uil hanno chiarito la loro posizione sull’obbligo vaccinale.
Sino a pochi giorni fa chiedevano al governo, un po’ pilatescamente, di assumersi la responsabilità di promuovere una norma di legge e sottraendosi, fortunatamente, da un’ipotesi di accordo sull’obbligo del green pass nei luoghi di lavoro.
Oggi i segretari generali chiedono al governo di rendere la vaccinazione obbligatoria. E i lavoratori che decideranno di non vaccinarsi? Oltre agli “ideologi del no vax” ci sono centinaia di migliaia di lavoratori che hanno tutti i dubbi e le perplessità sull’inoculazione del vaccino.
Il sindacato sta chiedendo la sospensione di quei lavoratori in conseguenza all’obbligo vaccinale?
Penso che siamo decisamente lontani da una posizione che esprima la necessità della massima diffusione della campagna vaccinale, lottando per l’abolizione dei brevetti e una ricerca totalmente pubblica, della prevenzione e delle cure, a partire da un drastico aumento dei finanziamenti alla sanità pubblica, opponendosi a qualsiasi forma di discriminazione di lavoratrici e lavoratori, siano essi l’accesso alla mensa, ai trasporti o al diritto al lavoro.
SI’ A VACCINI, PREVENZIONE E CURA PER TUTTI, NO ALLE DISCRIMINAZIONI!

Articoli correlati

Sindacato

Convocazione commissioni sindacali di settore

Militanti di Sinistra Classe Rivoluzione nei prossimi giorni si ritroveranno in commissioni di settore. Le commissioni saranno sui seguenti ambiti:

Sindacato

 La discussione nella sinistra Cgil

Nella riunione dell’esecutivo nazionale dell’area “Il sindacato è un’altra cosa”, che si è tenuta oggi a Roma, si è prodotta una divisione su due testi conclusivi votati in alternativa.
Il dispositivo presentato dai compagni Grassi, Iavazzi, Brini ha raccolto 5 voti, contro i 13 del portavoce, Sergio Bellavita.

Sindacato

I lavoratori non hanno governi amici, è ora di lottare!

La lotta per salari dignitosi, contro le chiusure industriali e licenziamenti, contro la precarietà, per la sicurezza sul lavoro, per i servizi pubblici, richiede il protagonismo della classe lavoratrice e una sua completa indipendenza dall’attuale quadro politico. Altrimenti saremmo di nuovo alla riproposizione del “governo amico” che già ha fatto disastri per 25 anni. La storia ha già in più occasioni dimostrato che i lavoratori e i giovani di amici al potere non ne hanno.

Sindacato

La Camusso inciampa a Expo

Lunedì 5 ottobre, Expo, Rho (Milano). Cinque componenti del direttivo nazionale della Cgil, dell’area Il sindacato è un’altra cosa vengono portati in commissariato con l’accusa di manifestazione non autorizzata e resistenza a pubblico ufficiale.

Sindacato

Congresso CGIL – Il nostro sostegno al documento alternativo

Lo scorso congresso, nel gennaio del 2018, si era concluso con parecchie aspettative nella base per l’elezione di Landini a segretario generale. Quattro anni dopo il panorama è di un drammatico immobilismo del principale sindacato italiano.

Da trent’anni la condizione dei lavoratori in Italia peggiora. La politica della concertazione e l’assenza di conflitto sindacale hanno spostato i rapporti di forza a favore del padronato.

Sindacato

Dalle giornate di marzo alle mobilitazioni del futuro

Pubblichiamo di seguito le tesi sindacali approvate all’unanimità alla Conferenza nazionale dei lavoratori di Sinistra Classe Rivoluzione che si è svolta alla Camera del Lavoro di Modena il 5 luglio.