Il ricco vuole tutto e subito

Il ricco vuole tutto e subito. Io so bene come ragiona chi ha molti soldi: non vuole prati né musei ma lusso, servizi impeccabili e tanta movida”.

Che l’alta borghesia fosse ormai un’accozzaglia di decadenza, cattivo gusto e arroganza lo sapevamo già, ma se a dirlo è Flavio Briatore la cosa acquista una certa coerenza: d’altra parte è lui ad aver ammesso di non riuscire a capire film troppo “complessi”, di essere un pessimo lettore e ad aver giustificato i ricchi evasori “ingiustamente” colpevolizzati dalla tassazione.

D’altra parte “Ci sono persone che spendono 10-20mila euro al giorno quando sono in vacanza” prosegue il Nostro, e devono essere libere di gettare al vento a loro piacimento quello che molti lavoratori guadagnano in un anno, aggiungiamo noi.

L’occasione per queste esternazioni è l’incontro salentino Prospettive a Mezzogiorno, iniziativa in cui padroni senza rispetto e dignità cercano di imporre le condizioni dei loro “investimenti” alla politica locale (e naturalmente ai giovani e lavoratori salentini).

Il “caro” Briatore ne approfitta per pubblicizzare l’ennesimo scempio sulle coste salentine: il suo Twiga a Otranto, lido superlusso dotato di ristorante, discoteca, “servizi impeccabili”, attività messa su insieme a quattro imprenditori della zona, vicini all’ex presidente del consiglio Massimo d’Alema.

A fargli da cornice nel corso dell’incontro sono con lui l’assessore alle attività produttive Loredana Capone, il sindaco di Lecce Paolo Perrone e il sindaco di Otranto Luciano Cariddi. E se la Capone cerca di mostrare uno slancio di dignità dicendo che non si autorizzeranno altre strutture sul mare, il buon Briatore bacchetta ancora le istituzioni pretendendo strade, aeroporti, infrastrutture, non certo per i pendolari che ogni mattina si adattano a condizioni ottocentesche per raggiungere scuole e luoghi di lavoro, ma per i ricchi pasciuti che dovranno raggiungere in tutta comodità il suo resort extralusso. Dove, ça va sans dire, i lavoratori saranno sfruttati e sottopagati, quando andrà bene, con un pratico voucher. E dovranno pure ringraziare!

I politici di ogni colore stanno muti come servi ad ascoltare gli ordini del padrone. È veramente inevitabile dotarsi di una politica di classe in grado di sbarazzarsi di questa arroganza padronale: non vogliamo gli avanzi di nessuno!

Conquistiamo con la lotta i diritti che ci spettano! Contrastiamo con la lotta la distruzione dei territori!

Articoli correlati

Meridione

No-Tap – Occupazione militare nel Salento

Nella notte di oggi l’intero paese di Melendugno è stato completamente militarizzato per permettere la ripresa dei lavori per la Tap (Trans Adriatic Pipeline).

Meridione

Regionali in Campania, la sinistra che c’è e quella che servirebbe

Guardando l’esito del percorso intrapreso circa sei mesi fa in vista delle oramai imminenti elezioni regionali, il PRC in Campania non si è comportato diversamente dalle altre regioni, presentandosi con

Meridione

Per chi suona la campana delle proteste a Napoli

Ieri, dopo l’invocazione del lockdown regionale, 2mila persone si sono riversate a Santa Lucia, dove si trova la sede della regione Campania. Sfidando il coprifuoco, che entrava in vigore proprio quella notte, i manifestanti hanno dato vita ad un corteo e a blocchi stradali, con proteste sfociate in scontri con le forze dell’ordine e in scene da guerriglia urbana.

Meridione

De Luca alla guerra del Coronavirus

Da quando è iniziata la pandemia, il presidente della Campania Vincenzo De Luca imperversa sugli schermi televisivi, dei computer e dei cellulari di mezza Italia. In De Luca, però, non c’è solo mania di protagonismo.

Meridione

M5S e Tap – Promesse e tradimenti

“Se loro vorranno fare il gasdotto in Puglia con l’esercito, noi ci metteremo il nostro di esercito” urlava Grillo prima che il suo “movimento” andasse al potere. Ci hanno messo alcuni mesi, non per bloccare Tap, ma per rilanciarla.

Meridione

L’“anomalia napoletana” è finita. Serve costruire la sinistra di classe

De Magistris ha deposto le chiavi della città in modo rocambolesco chiedendosi chi in giunta gli abbia fatto la grazia di votare a favore di un bilancio che fa acqua da tutte le parti. Nel discorso di chiusura con cui si accommiata è evidente una forte commozione che però, più che essere dovuta alla passione a cui il sindaco ci ha abituato, ha i toni della liberazione personale di chi sa che non dovrà più sedersi su una sedia che si stava facendo davvero infuocata.