14 Gennaio 2021 Biagio Poliseno

Il lockdown non ha protetto i lavoratori

C’è una crisi che sembra essere passata in secondo piano durante lo scorso anno: i morti sul lavoro, le cosiddette “morti bianche”.


Mentre molti incidenti e malattie sono diminuiti durante il 2020 grazie alla diffusione di pratiche igieniche e il maggior tempo passato a casa (come gli incidenti stradali calati del 30%), lo stesso non vale per la classe lavoratrice. Già discriminata durante il primo lockdown tra Confindustria ed “imprenditori furbetti” che trovavano stratagemmi per non chiudere, durante tutto l’anno non sono mai veramente rimasti a casa.

Il primo slogan che abbiamo sentito il bisogno di lanciare è stato “i lavoratori non sono carne da macello”. La classe lavoratrice ha visto questo slogan diventare realtà sulla propria pelle.
Mentre l’INAIL afferma che ci sia stato un calo del 18% su infortuni e morti, stando ai dati assicurativi e contando solo i lavoratori della sanità come infortuni covid, l’osservatorio indipendente sulle morti bianche di Bologna, contando anche i morti in itinere e tutti i focolai, registra l’agghiacciante numero di 1600 morti bianche, di cui 574 morti solo all’interno del posto di lavoro e 134 erano “morti verdi” (braccianti investiti sui campi dai trattori).

Ancora più inquietante è che questi dati siano in linea con gli anni passati, senza alcun calo o protezione da parte del lockdown e del ‘maggior tempo passato a casa’.

 Con una media di 3,17 morti al giorno per la decade 2009-2019, di cui si parla troppo poco, vuol dire che c’è un’altra emergenza che non è finita. Questa emergenza è la lotta di classe.

Articoli correlati

Lotte e Sindacato

Dai lavoratori italiani ai lavoratori del mondo – Un appello internazionale!

L’assemblea nazionale “I lavoratori non sono carne da macello, tenutasi ieri, 30 marzo, è stato uno straordinario successo. Vi hanno assistito, naturalmente on line, centinaia di lavoratori e di lavoratrici e decine sono stati gli interventi, tutti interessanti.
L’assemblea ha lanciato anche un appello ai lavoratori di tutto il pianeta, perché solo l’azione unitaria della classe operaia potrà sconfiggere l’emergenza sanitaria attuale e quella economica e sociale che sta irrompendo nelle nostre vite.

Corrispondenze Operaie

Dalla parte dei lavoratori Almaviva in lotta!

Il volantino che abbiamo distribuito oggi al presidio di Napoli e che diffonderemo domani allo sciopero dei lavoratori Almaviva.

Corrispondenze Operaie

Nella battaglia contro il virus non siamo tutti sulla stessa barca

Se c’è una cosa che l’emergenza sanitaria sta dimostrando è che al governo e ai padroni della salute dei lavoratori interessa ben poco, bisogna fermare l’epidemia, ma nello stesso tempo garantire la continuità produttiva. “Giù le mani dalle aziende!”, come dice Bauli, presidente di Confindustria Verona.

Lotte e Sindacato

Pubblico Impiego e Scuola: Un’attesa di 7 anni per un piatto di lenticchie

Per Statali, lavoratori della Sanità, delle Autonomie Locali e della Scuola, dopo 7 anni, un accordo tra Governo e Cgil Cisl Uil garantisce la bellezza di 85 euro lordi! Eppure un paio d’anni fa la Cgil aveva stimato una perdita di circa 3000 euro l’anno pari all’incirca a 250-300 euro mensili odierne. Non un centesimo di “risarcimento” per le lavoratrici e i lavoratori dopo un’assenza del rinnovo contrattuale per così tanto tempo.

Lotte e Sindacato

L’ipocrita sentenza della Consulta. Mobilitarsi ora!

Dopo tanta attesa la Corte Costituzionale si è espressa in merito al blocco dei Contratti Nazionali del lavoratori pubblici dopo quasi 6 anni: il blocco del contratto è illegittimo ma…

Antifascismo e Antirazzismo

Volantino: Solidarietà ai delegati Fiom Fonderia di Torbole

Nelle scorse settimane sono apparsi nella Fonderia di Torbole volantini firmati Forza nuova, inneggianti a una nuova rivoluzione “contro i sindacati nemici della patria e dei lavoratori”, i delegati sono stati minacciati con ripetute telefonate anonime alle loro famiglie e le loro auto danneggiate e deturpate da scritte oscene.