14 Gennaio 2021 Biagio Poliseno

Il lockdown non ha protetto i lavoratori

C’è una crisi che sembra essere passata in secondo piano durante lo scorso anno: i morti sul lavoro, le cosiddette “morti bianche”.


Mentre molti incidenti e malattie sono diminuiti durante il 2020 grazie alla diffusione di pratiche igieniche e il maggior tempo passato a casa (come gli incidenti stradali calati del 30%), lo stesso non vale per la classe lavoratrice. Già discriminata durante il primo lockdown tra Confindustria ed “imprenditori furbetti” che trovavano stratagemmi per non chiudere, durante tutto l’anno non sono mai veramente rimasti a casa.

Il primo slogan che abbiamo sentito il bisogno di lanciare è stato “i lavoratori non sono carne da macello”. La classe lavoratrice ha visto questo slogan diventare realtà sulla propria pelle.
Mentre l’INAIL afferma che ci sia stato un calo del 18% su infortuni e morti, stando ai dati assicurativi e contando solo i lavoratori della sanità come infortuni covid, l’osservatorio indipendente sulle morti bianche di Bologna, contando anche i morti in itinere e tutti i focolai, registra l’agghiacciante numero di 1600 morti bianche, di cui 574 morti solo all’interno del posto di lavoro e 134 erano “morti verdi” (braccianti investiti sui campi dai trattori).

Ancora più inquietante è che questi dati siano in linea con gli anni passati, senza alcun calo o protezione da parte del lockdown e del ‘maggior tempo passato a casa’.

 Con una media di 3,17 morti al giorno per la decade 2009-2019, di cui si parla troppo poco, vuol dire che c’è un’altra emergenza che non è finita. Questa emergenza è la lotta di classe.

Articoli correlati

Lotte e Sindacato

Saluti da tutto il mondo all’assemblea “I lavoratori non sono carne da macello”

L’assemblea nazionale dell’appello “I lavoratori non sono cane da macello” è stata seguita con molta attenzione a livello internazionale. Di seguito, i messaggi che sono giunti alla presidenza.

Lavoratori di tutti i paesi, unitevi!

Corrispondenze Operaie

Almaviva: la resa dei conti tra azienda e lavoratori è solo rimandata

Dopo oltre due mesi e mezzo di lotta la vertenza Almaviva si chiude con un accordo firmato dall’azienda con il governo e i sindacati. Quello firmato all’alba del 31 maggio non è una vittoria per i lavoratori, è un accordo che non risolve del tutto e strutturalmente la crisi del settore

Corrispondenze Operaie

Fincantieri – No all’accordo!

“Non firmate quell’accordo!”, è questo il messaggio che gli operai Fincantieri, in agitazione in tutta Italia, hanno mandato alle organizzazioni sindacali. È partita dal cantiere del Muggiano (La Spezia) la

Lotte e Sindacato

Crisi industriali – Il momento di osare è ora!

Whirlpool, Gkn, Timken, Gianetti Ruote, Elica, Blutec, Riello, la lista delle aziende che in questi mesi sono state chiuse per cessata attività o per delocalizzazione continua ad allungarsi.

Draghi, Bonomi e compagnia insistono col dire che non c’è alcuna emergenza occupazionale, ma nel frattempo sempre più aziende annunciano chiusure e cassa integrazione, ultima Stellantis che ha ridotto la produzione negli stabilimenti.

Lotte e Sindacato

Fioccano le adesioni all’appello “I lavoratori non sono carne da macello”

Anche oggi, 21 marzo, abbiamo ricevuto numerose adesioni al nostro appello “I lavoratori non sono carne da macello”, per il blocco di tutte le fabbriche e dei servizi non essenziali e perché nei luoghi di lavoro essenziali per l’emergenza si lavori nella sicurezza più completa.

Pubblico Impiego

Pubblico Impiego e Scuola: Un’attesa di 7 anni per un piatto di lenticchie

Per Statali, lavoratori della Sanità, delle Autonomie Locali e della Scuola, dopo 7 anni, un accordo tra Governo e Cgil Cisl Uil garantisce la bellezza di 85 euro lordi! Eppure un paio d’anni fa la Cgil aveva stimato una perdita di circa 3000 euro l’anno pari all’incirca a 250-300 euro mensili odierne. Non un centesimo di “risarcimento” per le lavoratrici e i lavoratori dopo un’assenza del rinnovo contrattuale per così tanto tempo.