Il governo attacca la scuola, rispondiamo compatti

Il 12 marzo Renzi annunciava in pompa magna la riforma della scuola. 
Ora titoli come “Assumeremo i precari” o “Investiremo maggiormente nella scuola” si susseguono sui giornali nel vano tentativo di nascondere i reali intenti del governo.

Nel Documento di economia e finanza, a differenza di quanto afferma il governo, si legge che gli investimenti nell’istruzione dovranno calare fino a raggiungere il 3,3 per cento del Pil nel 2030.
Mentre il governo taglia, i crolli nelle scuole si susseguono: cinque in quattro mesi! L’ultimo è toccato ad una scuola elementare di Ostuni, teoricamente ristrutturata e inaugurata nel 2015, dove sono caduti cinque metri quadrati di intonaco, mandando in ospedale due bambini e un’insegnante!

E tra un crollo e l’altro è iniziato l’iter della riforma scolastica. I precari non sono per nulla tranquilli, il governo parla di assunzioni ma i fatti dicono che saranno assunti 100mila precari ed esclusi dal mondo della scuola circa 202mila precari.
I presidi, che già da tempo si comportano come manager nelle scuole, vedranno un aumento esponenziale dei loro poteri: aumenti di stipendi al personale docente e chiamata diretta dei professori per determinati progetti.
Ma che dicono i grandi sostenitori del governo come la Confindustria? Squinzi afferma: “soddisfatti della riforma scolastica”. C’erano dubbi?

Le aziende italiane potranno sfruttare per 400 ore all’anno gli studenti degli istituti tecnici e professionali, gli studenti dei licei dovranno accontentarsi di solo 200 ore di lavoro gratuito.
Ma il governo parlava anche di contratti, organi collegiali e modalità di assunzione. Che ne è stato? Semplicemente chiede al parlamento carta bianca tramite una delega a scrivere entro 18 mesi una riforma che manda in soffitta contratti e democrazia scolastica!
Contro la riforma il mondo della scuola si inizia a preparare. Un’assemblea nazionale ha sancito la nascita di un Coordinamento nazionale tra sindacati e collettivi che si pone l’obiettivo di organizzare una data di mobilitazione nazionale contro il governo.

Tuttavia se si vuole vincere non basta una semplice data, si organizzi un scontro scuola per scuola convocando assemblee ovunque possibile tra studenti, genitori e docenti per avviare anche percorsi locali contro la riforma.
La riforma si può fermare solo uniti ed estendendo il conflitto ovunque!

Articoli correlati

Studenti

Facciamola finita con l’alternanza scuola-lavoro

Dopo Lorenzo Parelli, ieri ha perso la vita in un stage di formazione professionale anche Giuseppe Lenoci, un ragazzo di soli 16 anni. Morto in uno dei centri di formazione professionale propositi dalla nuova riforma del ministro Bianchi, i quali hanno lo scopo di fornire manodopera a basso costo alle imprese italiane.

Studenti

Scuola – Non dobbiamo pagare noi il prezzo del vostro fallimento!

Oggi il nuovo dpcm sentenzia il 100% di didattica a distanza per tutte le scuole superiori. Nelle zone rosse saranno chiuse anche le seconde e terze medie.
Facciamo appello a tutti per partecipare alla assemblea nazionale del 7 novembre per discutere e organizzarci insieme!

Studenti

Tornare a scuola a settembre, con tutte le garanzie!

 Dopo una didattica a distanza disastrosa, che non è riuscita a garantire a milioni di giovani un’istruzione decente per mesi, ora il Ministro della Salute Speranza annuncia, con l’ennesimo dietrofront, che anche gli studenti delle Superiori torneranno a scuola a settembre. Ma in quali condizioni si farà questo?

Studenti

Lottare contro gli abusi anche nella scuola!

Ci sono persone che sostengono che, vivendo nel 21esimo secolo, non ci sia più bisogno di lottare; queste persone, che sono chiaramente scollegate dalla realtà che hanno intorno, usano esempi

Studenti

La battaglia per la scuola è iniziata!

Sui principali giornali italiani negli ultimi mesi si sprecano i riferimenti alla “generazione perduta” o “dispersa”. Sarebbe più corretto parlare di una generazione abbandonata. Di fronte a un tale disastro la “generazione dispersa” ha deciso di concentrare le forze e unire le voci.

Studenti

Roma – Dopo le occupazioni, quale strada per il movimento studentesco?

Negli ultimi mesi, gli studenti dei licei in tutta Roma si sono mobilitati per manifestare il proprio dissenso nei confronti delle pessime condizioni della scuola italiana, problemi cronici esasperati dalla pandemia. Questa mobilitazione ha rappresentato una svolta dal punto di vista dell’estensione: non si sono attivate solo le scuole del centro storico, dove tradizionalmente i collettivi sono più attivi e presenti.