5 Ottobre 2020 Grazia Bellamente

Il cimitero dei feti: non è un film horror ma l’ennesimo attacco alle donne

Roma. Cimitero di Prima Porta. Centinaia di tombe contenenti feti con croci bianche sono state trovate nel più grande cimitero della Capitale. Sulle croci ci sono i nomi e i cognomi delle donne che hanno interrotto le gravidanze. A denunciare tutto questo è stata una donna che in estate ha interrotto la gravidanza nell’azienda ospedaliera del San Camillo di Roma. La denuncia di questa donna ha portato alla luce una realtà poco conosciuta in Italia ma che purtroppo continua ad esistere dal 1939, con la legge sui regolamenti cimiteriali di epoca fascista.

Il regolamento della polizia mortuaria del 1990 prevede diverse procedure di smaltimento dei feti: per un feto tra le 20 e le 28 settimane di gestazione, non dichiarato morto, i permessi di trasporto e di seppellimento sono rilasciati dall’unità sanitaria locale. Quindi l’azienda ospedaliera può occuparsi della sepoltura senza che i genitori ne facciano richiesta con l’assoluto anonimato della paziente. Al contrario, se i feti hanno meno di 20 settimane, la sepoltura è facoltativa e la richiesta deve essere compilata dai genitori. Se la richiesta non arriva, gli ospedali devono occuparsi dell’incenerimento. Ecco entrare in scena coloro che si occupano della sepoltura, cioè associazioni ultra cattoliche che stipulano una convenzione con le strutture ospedaliere e con le ASL per inumare i feti sotto le 20 settimane. La più grande associazione cattolica in Italia a praticare ciò è l’associazione Difendere la vita di Maria di Novara. Stipulano contratti con le aziende ospedaliere in tutta Italia e nei cimiteri hanno istituito appositi spazi per queste sepolture denominandoli “I giardini degli angeli”. Ad oggi solo questa associazione ha sepolto oltre 200 mila feti in tutte le regioni. Nel nostro “bel paese” sono oltre 80 i cimiteri dei feti. In alcune regioni, Lombardia, Campania e Marche, c’è l’obbligo della sepoltura anche per i feti con meno di 20 settimane di gestazione.

Il cimitero dei feti non è che l’ennesima strategia adottata da un cattolicesimo oltranzista e bigotto nei confronti delle donne che decidono di eseguire un aborto andando a colpire la loro sensibilità e puntando sui sensi di colpa e di vergogna per quello che hanno commesso.

Una strategia benedetta dal “progressista” Papa Francesco, che nel 2018 celebrò la giornata dei defunti proprio al Giardino degli angeli del Laurentino a Roma.

Questo è uno dei tanti attacchi che in Italia assistiamo ormai da anni al diritto delle donne di interrompere la gravidanza regolamentato dalla legge 194 del 22 maggio 1978. Nel corso di questi 42 anni abbiamo visto smantellare nelle strutture pubbliche sanitarie questo diritto di ogni donna. In Italia il personale medico ha raggiunto il 68,4% di obiettori di coscienza. In regioni come la Basilicata, il Molise, la Sicilia e la Lombardia si arrivano a percentuali oltre l’80%. Gli stessi obiettori che per i propri interessi e guadagni effettuano aborti nelle loro cliniche private. Ogni giorno le donne devono combattere e difendersi dai pregiudizi e da quello che la società in cui viviamo ci impone. Dobbiamo continuare a lottare, organizzarci per difendere il diritto di ogni donna di decidere della propria autodeterminazione e del proprio corpo. In un paese dove ogni anno muoiono decine di donne per violenze e assassini soprattutto tra le mura domestiche, oltre il 70% commessi da mariti, compagni ed ex, si continua a difendere e avallare il concetto di famiglia tradizionale e relegare le donne al solo ruolo di riproduzione.

Quello che è uscito alla ribalta a Roma non deve cadere nel dimenticatoio. Altri attacchi verranno lanciati alle donne e noi saremo sempre in prima linea non solo accanto ma con loro per liberare la società da queste barbarie.

Articoli correlati

Donne

26 Novembre tutti a Roma per gridare “Ni una menos!”

Il 25 novembre ricorre la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne che fu istituita nel 1999. Il 26 novembre saremo in piazza a Roma e vogliamo che da quella piazza parta non solo una marcia che esprima la rabbia delle donne ma sia l’inizio di una mobilitazione generale che prenda esempio dalla radicalità e dalle forme di lotta vittoriose viste nelle strade di Varsavia.

Donne

Roma, 24 novembre – Tutte in piazza!

Il 24 novembre a Roma si terrà la manifestazione nazionale per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Da qualche anno questa giornata ha riacquistato connotati di un momento importante di mobilitazione e di lotta a livello internazionale. Anche quest’anno le motivazioni che ci vedranno in piazza sono tante.

Donne

Riguardo alla manifestazione contro la violenza sulle donne a Roma

Siamo state alla manifestazione contro la violenza sulle donne a Roma con uno striscione che diceva: “Meloni Vattene! La nostra liberazione, Rivoluzione”.
Diversi giornali hanno parlato strumentalmente di slogan che non abbiamo mai pronunciato. Abbiamo così deciso di pubblicare gli slogan che abbiamo pronunciato in piazza.

Donne

“Qualcuna di meno”, la triste parabola di un movimento

All’indomani della manifestazione contro la violenza sulle donne del 26 novembre come compagne di sinistra classe rivoluzione siamo intervenute all’assemblea nazionale di non una di meno. Prima dell’inizio dell’assemblea il banchetto con il nostro materiale politico è stato chiuso con la forza da un gruppo di decine di dirigenti di non una di meno che hanno lanciato e calpestato il nostro materiale politico dichiarando apertamente di volerci negare la libertà di espressione delle nostre idee, cosa che è avvenuta anche all’interno dell’assemblea quando abbiamo rivendicato il diritto di spiegare l’accaduto e portare le nostre posizioni.

Donne

Lettera aperta alla rete “Non una di meno”

Siamo lavoratrici, studentesse, militanti politiche e sindacali, compagne che hanno partecipato al percorso di discussione e mobilitazione contro la violenza sulle donne che in Italia si è dispiegato tra la manifestazione di Roma del 26 novembre e la straordinaria giornata di lotta dell’8 marzo.

Donne

Covid 19 e violenza contro le donne

La pandemia ha fermato quasi tutto, ma non la violenza contro le donne, anzi l’isolamento sociale e la convivenza forzata hanno aggravato una condizione già difficile che molte donne vivono in quel luogo che ormai non può essere più considerato il più sicuro: la casa e con essa la famiglia.