28 Agosto 2019

I lavoratori non hanno governi amici, è ora di lottare!

Dopo anni di politiche che hanno prodotto arretramenti sociali e sconfitte elettorali il Pd e ciò che resta della sinistra istituzionale, con ogni probabilità, si troverà a governare con il M5S che, in questi 14 mesi di governo “del cambiamento”, non ha cambiato davvero nulla delle condizioni di vita di lavoratori, precari, giovani e pensionati e ha, anzi, sostenuto politiche razziste, omofobe e familistiche che hanno riproposto ricette reazionarie della peggior specie. Quelli che ieri, a ragion veduta, erano insultati con epiteti come “fascisti”, “razzisti e populisti” oggi possono essere alleati di governo. Gli altri, nel frattempo, per la stessa ragione, sono impegnati a cancellare ogni traccia di dichiarazione che esprimeva concetti chiari come “Mai col Pd e con quelli di Bibbiano”. Un governo che contribuirà a lacerare queste formazioni politiche a favore di Salvini e della destra.
Quello che più contribuisce a seminare confusione, però, è la posizione della Cgil e le dichiarazioni del suo segretario Landini che, ancora prima che nasca, ha chiesto all’ipotetico governo M5S-PD “di combattere le diseguaglianze, l’impoverimento economico e sociale, che rimetta al centro un nuovo modello di sviluppo, riformi la P.a. rilanciando i diritti fondamentali del e nel lavoro, puntando sull’economia della conoscenza, sulla salute e sul rispetto dell’ambiente.”

Mario Iavazzi

Il segretario della Cgil giunge, nei fatti, a benedire un Conte bis riconoscendogli “coraggio politico e profilo istituzionale” approvando il suo approccio politico persino ricordando di aver riaperto i tavoli con le parti sociali. Eppure lo stesso Landini poche settimane fa, prima della crisi di governo, aveva accettato di andare ad un incontro al Viminale convocato dal Ministro degli Interni Salvini, lamentandosi che non c’erano convocazioni ufficiali del Presidente del Consiglio e del Ministro del Lavoro.
È assurdo e pericoloso seminare delle illusioni su chi, per ricordare solo gli ultimi anni, ha concepito il Jobs Act, la Legge Fornero e ha colpito scuola pubblica e servizi sociali. Altrettanto assurdo dare credito agli slogan vuoti dei 5 Stelle che hanno già ampiamente dimostrato che la loro lotta alla povertà e alle diseguaglianze è solo aria fritta.
Gli unici alleati dei lavoratori sono la propria capacità di organizzarsi e lottare con determinazione contro governi e padroni. Questo è ciò che si chiede ad una direzione sindacale: proseguire sul terreno appena abbozzato in primavera ed alzare il livello della mobilitazione in autunno.
La lotta per salari dignitosi, contro le chiusure industriali e licenziamenti, contro la precarietà, per la sicurezza sul lavoro, per i servizi pubblici, richiede il protagonismo della classe lavoratrice e una sua completa indipendenza dall’attuale quadro politico. Altrimenti saremmo di nuovo alla riproposizione del “governo amico” che già ha fatto disastri per 25 anni. La storia ha già in più occasioni dimostrato che i lavoratori e i giovani di amici al potere non ne hanno.

Articoli correlati

Sindacati di base divisi allo sciopero

I sindacati di base convocano ben due scioperi generali di 24 ore in quindici giorni. Il primo sarà il 27 ottobre di Cub, Sgb, Si Cobas, Usi e Slai Cobas, mentre il 10 novembre sarà la volta di Usb, Confederazione Cobas e Uni Cobas. Quali sono le ragioni di questa divisione?

La Camusso inciampa a Expo

Lunedì 5 ottobre, Expo, Rho (Milano). Cinque componenti del direttivo nazionale della Cgil, dell’area Il sindacato è un’altra cosa vengono portati in commissariato con l’accusa di manifestazione non autorizzata e resistenza a pubblico ufficiale.

Cgil, Cisl e Uil firmano con Confindustria un nuovo patto sulla testa dei lavoratori

Pochi giorni prima delle elezioni politiche Cgil, Cisl e Uil hanno firmato, il 28 febbraio, con Confindustria un nuovo pessimo accordo sulle relazioni industriali e sulla contrattazione collettiva. L’intesa raggiunta, sulla quale non è prevista una consultazione dei lavoratori, conferma l’arrendevolezza dei vertici sindacali.

Landini versus Colla – Le basi del conflitto nella Cgil

Con un video a dir poco insolito rivolto agli iscritti, Susanna Camusso ha lanciato la candidatura di Maurizio Landini alla segreteria generale della Cgil.

Facciamo ovunque come alla Castelfrigo

Venerdì 4 marzo presso la Camera del Lavoro di Modena si è tenuta un’assemblea pubblica organizzata dall’area di opposizione in Cgil “Il sindacato è un’altra cosa” di Modena dal titolo “Mai più schiavi” sulla importante lotta dei facchini della ditta Castelfrigo a Castelnuovo Rangone (Mo). Pubblichiamo di seguito la relazione introduttiva svolta dal compagno Diego Capponi Rls Flai-Cgil presso la ditta Suincom. Una relazione che descrive alla perfezione qual è la situazione nelle aziende del settore alimentare della zona. L’uso fraudolento di appalti e cooperative di comodo da parti delle grandi aziende del settore e ciò che ne consegue in termini di condizioni per i lavoratori.

Un terremoto politico di cui non si traggono le conseguenze – Intervento di Mario Iavazzi al direttivo nazionale Cgil

La Cgil ha solo un compito che possa contribuire a ricostruire una sinistra, una sinistra di classe. Non c’è sinistra senza conflitto di classe. In Europa sono nati, o comunque si sono sviluppate, forze di sinistra di massa solo dopo lo sviluppo di grandi movimenti, di lotte generali e unificanti. Lo abbiamo visto in Spagna, in Francia, in Grecia anni fa, prima del tradimento della stessa sinistra.